Milano Fashion Week Primavera/Estate 2022
30 Settembre 2021
15:01

La moda si mette a nudo: sulle passerelle spopolano gli abiti effetto “seconda pelle”

La Milano Fashion Week è giunta alla conclusione e si possono delineare i trend che ci accompagneranno la prossima estate. Su tutti, c’è sicuramente il “second skin” e i colori nude: da AndreAdamo a Alessandro Vigilante, tra le collezioni dei brand emergenti si avverte chiaramente la voglia di eliminare il superfluo e di tornare all’essenziale.
A cura di Beatrice Manca
da sinistra: Alessandro Vigilante, Ac9, AndreAdamo
da sinistra: Alessandro Vigilante, Ac9, AndreAdamo
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Milano Fashion Week Primavera/Estate 2022

Capi avvolgenti, aderenti, che accarezzano il corpo e lo lasciano libero nei movimenti, seguendolo come una seconda pelle. Le sfilate milanesi e parigine hanno decretato il trionfo dei capi "second skin", uno dei trend del 2021 che ci accompagnerà anche nel 2022. Re di questa tendenza è la maglieria, magari a costine, morbida e confortevole .Il colore d'elezione è ovviamente il nude (tinta che include non solo il rosa, ma tutte le diverse sfumature dell'incarnato, fino al marrone e al nero). Forse è l'ultimo retaggio del leisurewear che ci ha accompagnato durante i mesi del lockdown, una risposta all'esigenza di contatto e di quegli abbracci che ci sono stati negati per molto tempo. Alla Milano Fashion Week moltissimi stilisti hanno giocato sull'idea di "seconda pelle", da Alessandro Vigilante a N°21, fino ad AndreAdamo. Un ritorno all'essenziale – al corpo, appunto – che pervade soprattutto le collezioni dei più giovani.

La moda "seconda pelle"

Tra le collezioni dei brand emergenti si avverte chiaramente la voglia di eliminare il superfluo e di tornare all'essenziale, cioé al corpo e alla pelle: pochi decori, colori neutri, silhouette pulite. Questa è da sempre l'idea di Andrea Adamo, lo stilista che in pieno lockdown ha fondato il brand di maglieria AndreAdamo che oggi veste anche Elodie e Dua Lipa. "Il concetto di seconda pelle ispira il mio lavoro perché è sinonimo dell'orgoglio personale – ha spiegato in un'intervista a Fanpage.it – sia per il colore della propria pelle, sia che perché i miei capi si fondono con la forma del corpo".

AndreAdamo collezione Primavera/Estate 2022
AndreAdamo collezione Primavera/Estate 2022

Cardigan, pantaloni flare e microtop sembrano fondersi con la pelle in un'idea di morbidezza e comfort. Anche Alessandro Vigilante, stilista al debutto sulle passerelle milanesi, ha disegnato una collezione che segue il corpo in movimento, a ritmo di danza: body, pantaloni aderenti come leggings e maglieria con tagli cut out. AC9 invece ha presentato una capsule collection per N°21 fatta di body e abiti rosa chiaro, in maglia a costine, avvolgenti come una seconda pelle. Anche le passerelle parigine confermano la tendenza: Saint Laurent, per esempio, ha puntato tutto su tutine aderenti come un guanto.

AC9, capsule collection per N°21
AC9, capsule collection per N°21

Il ritorno del color nudo

Il più difficile, ma anche il più gettonato sulle passerelle. Parliamo del color nudo (o nude, all'inglese), quello che una volta si chiamava "color carne" ed era tipicamente tra il rosa chiaro e il beige. Ma la pelle ha mille sfumature e le passerelle della Milano Fashion Week rielaborano il nudo in maniera inclusiva, per tutti: Sportmax gioca sulle sovrapposizioni di stoffa trasparente e corsetti destrutturati, DROMe punta sul color carne anche per le tute in pelle e per i pantaloni.

Fendi Primavera/Estate 2022
Fendi Primavera/Estate 2022

Il color nude è da sempre presente nel lavoro di Alessandro Dell'Acqua, come ha spiegato in un'intervista a Fanpage.it, e ora torna nella collezione Primavera/Estate 2022 di N°21 per completi leggerissimi, giacche e abiti che giocano con le trasparenze. Ma i toni neutri entrano anche nelle collezioni di Fendi, dal cipria al marrone cioccolato.

N°21 Primavera/Estate 2022
N°21 Primavera/Estate 2022

Le passerelle milanesi anticipano che per la prossima estate il trend sarà ancora legato al leisurewear che tanto abbiamo portato durante il lockdown, fatto di materiali morbidi e colori spenti, senza troppi decori: insomma, avremo voglia di "spogliarci" del superfluo e di lasciare che sia solo la (seconda) pelle a vestirci, seguendo le forme del corpo così come sono. Una rivoluzione gentile che racconta di una nuova sensualità.

Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni