A chi non è mai capitato di desiderare un prodotto di un brand specifico ma di non poterlo acquistare in un negozio fisico perché non ha sedi in Italia? Negli ultimi tempi le cose stanno cambiando e sono sempre di più le aziende che stanno scegliendo il nostro paese per espandere il loro business. Il motivo perché i marchi sono tornate a voler investire in sedi e store italiani? Il periodo di crisi economica sta arrivando al termine e i margini di crescita sono cresciuti rispetto agli anni passati. Starbucks, Primark, Uniqlo: ecco quali sono le aziende che hanno debuttato in Italia negli ultimi anni.

Primark, il leader del low-cost spopola in Italia

Primark è il marchio di moda low-cost nato nel 1969 a Dublino da un'idea di Arthur Ryan e da allora non ha mai smesso di espandersi, aprendo negozi in ogni parte d'Europa. Vende abiti, accessori, prodotti d'arredamento per la casa, tutto alla moda e soprattutto a prezzi davvero stracciati, cosa che lo rende amatissimo in ogni parte del mondo, visto che dà alle clienti la possibilità creare un outfit super trendy spendendo pochissimo. Dopo una lunga attesa, è arrivato a Milano nel 2016 con uno store nel centro commerciale di Arese, il primo in Italia, per poi espandersi anche a Brescia e a Firenze nei mesi successivi. La sua crescita non è finita qui, nei prossimi mesi aprirà anche un nuovo negozio nel capoluogo lombardo, il primo nel centro città, che di sicuro verrà preso d'assolto dalle fashion addicted che amano il low-cost.

Uniqlo debutta a Milano

Secondo alcune indiscrezioni trapelate nei mesi scorsi, a Milano dovrebbe presto aprire anche Uniqlo, il colosso giapponese famoso per i suoi abiti alla moda, arrivato in Italia dopo aver creato oltre 800 store in tutto il mondo. Si tratta di una catena di negozi d'abbigliamento, nata nel 2005 che vende capi per uomo, donna e bambino, dallo stile semplice, solitamente monocromo e privi di decorazioni, così da facilitare la realizzazione di look componibili. Il suo punto di forza? Il fatto che rinnova con una certa frequenza l'offerta, tenendo in considerazione i trend di stagione. Cosa differenzia Uniqlo dai altri grandi nomi della moda low-cost? Punta sulla creatività piuttosto che sulla quantità, mantenendo invariato lo stile minimalista che lo contraddistingue pur adattandosi alle tendenze fashion. Per il momento, però, non si sa nulla sulla data precisa della sua apertura, anche se sono molti quelli che parlano dell'autunno 2019.

Arket, il nuovo brand di H&M arriva in Italia

A differenza della maggior parte dei marchi che negli ultimi anni hanno debuttato in Italia, scegliendo Milano per aprire i loro primi negozi, Arket, il nuovo brand di H&M, ha preferito uno store a Torino. Si tratta di un brand di prêt-à-porter  abbastanza giovane, è nato nell'agosto del 2017 dopo aver aperto il primo store a Regent Street, a Londra, e da allora in poi ha "colonizzato" anche Copenhagen, Bruxelles e Monaco, mantenendo gli uffici a Stoccolma. Offre prodotti contemporanei ed essenziali per donna, uomo, bambino e per la casa, dividendo tutto per colore e per genere, così da non comunicare al cliente una sensazione di confusione. La sede che sorge tra via Roma e via Bruno Buozzi è minimal ed essenziale e offre anche un punto di ristoro, il Nordic Cafè, che mette in vendita cibi salutari e a chilometro zero.

Fielmann ha aperto store in tutto il nord Italia

Nella lunga lista dei grandi nomi stranieri arrivati in Italia negli ultimi anni, non si può non fare riferimento a Fielmann, l'azienda di origine tedesca famosa per i suoi occhiali. E' stata fondata nel 1972 da Günther Fielmann, che ha aperto il suo primo negozio a Cuxhaven, e da allora è diventata leader nel settore eyewear retail. Oggi presente in Europa con 735 punti vendita di cui 18 in Italia. Dopo le prime aperture in Alto Adige, il brand è arrivato anche in Veneto, Trentino, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lombardia e Piemonte a Vicenza, Verona, Trento, Piacenza, Varese, Brescia, Bergamo, Como, Cremona, Alessandria, Ravenna, Novara, Pordenone, Pavia. Cosa offre ai clienti? Esami gratuiti della vista, oltre 2.000 modelli di occhiali, da quelli firmati a quelli più economici, la garanzia del miglior prezzo, una copertura assicurativa di un anno e una garanzia di soddisfazione, dando a tutti la possibilità di restituire o cambiare il  prodotto acquistato se non rispecchia le proprie aspettative. Insomma, Fielmann ha introdotto una serie di servizi vantaggiosi, diventati un punto di riferimento nel mondo dell’ottica.

Urban Outfitters, la moda hipster arriva in Italia

Urban Outfitters è un concept store di abbigliamento americano, diventato famoso per il suo stile hipster, kitschy, irriverente, bohémien, retrò e i suoi prezzi low-cost. Vende abiti, accessori, scarpe, tutti vintage e ispirati alla moda streetwear, ma anche prodotti di bellezza e per la casa. Non è un caso che sia apprezzato soprattutto dai Millenials, cioè i giovani dai 18 ai 30 anni. Dopo aver aperto store in tutto il mondo, nel 2017 è arrivato anche in Italia, per la precisione in un edificio che si estende su 4 livelli in Corso Vittorio Emanuele a Milano, attirando l'attenzione dei fashion addicted del nostro paese. Nei negozi Urban Outfitters c'è davvero l'imbarazzo della scelta per tutti quelli che amano avere uno stile originale, sportivo, casual e sopra le righe.

File chilometriche per l'apertura del primo Starbucks in Italia

Anche gli amanti delle bevande e dei dolci tipicamente americani sono stati soddisfatti nel 2018, visto che qualche mese fa ha debuttato la prima sede italiana di Starbucks a Milano, per la precisione in un palazzo storico di piazzale Cordusio. L'evento ha attirato migliaia di appassionati, che hanno sono stati disposti ad affrontare file di ore pur di assaggiare uno dei famosi caffè, anche se si sono trovati di fronte a uno store diverso da quelli tradizionali. Oltre alle bevande, nel primo store italiano della catena sono stati messi in vendita anche pizze e dolci di pasticceria prodotti da Princi, una delle storiche bakery del capoluogo lombardo. Come se non bastasse, è stata proposta anche una esclusiva collezione di occhiali da sole, a dimostrazione del fatto che Starbucks vuole espandere la sua offerta di prodotti. Negli ultimi mesi, Starbucks ha aperto anche altre tre sedi, a corso Garibaldi, Malpensa e a via Durini, queste molto più in stile "americano", tanto da ricordare gli store classici sia nell'arredamento che nel menù, nei quali viene offerto anche il tradizionale Frappuccino che può essere portato anche in giro per la città con i bicchieri da asporto personalizzati con il proprio nome. Insomma, a questo punto è chiaro che le città italiane stanno diventando sempre più globalizzate, non resta che aspettare il 2019 per capire quali saranno gli altri brand che apriranno nuovi store nel nostro paese.

Victoria's Secret sbarca in Italia con l'intimo

Victoria's Secret è il brand statunitense di lingerie famoso in tutto il mondo per i suoi completini intimi sfoggiati dai meravigliosi anni durante i Fashion Show, le sfilate organizzate a fine anno in diverse parti del mondo. Se fino a qualche tempo fa l'azienda era presente in Italia con degli store che davano spazio esclusivamente alle linee beauty e di accessori, offrendo alle clienti anche qualche slip, a partire dallo scorso 8 dicembre è stato aperto anche il primo negozio dedicato all'intimo. Si trova nel centro commerciale Porta di Roma nella periferia Nord Est della capitale e offre diverse collezioni come Vi Dream Angels, Very Sexy, T-Shirt Bra, Sexy Illusions e Body by Victoria. A questo punto, dunque, non resta che sbizzarrirsi tra gli acquisti di biancheria intima.

Bourjois, il beauty brand arrivato nel nostro paese

Bourjois è lo storico beauty brand nato nel 1863 a Parigi da un'idea dell’attore Joseph-Albert Ponsin, che ha pensato bene di preparare personalmente i cosmetici e i  profumi che doveva usare in scena. Dopo aver ceduto l'attività ad Alexandre-Napoleon Bourjois, è nato uno dei prodotti iconici che portano il nome del marchio, il Blush Pots in polvere, diventato essenziale per le attrici dell'epoca. Nel corso degli anni è diventato simbolo di emancipazione femminile, visto che ha spinto le donne a truccarsi non solo per piacere ma anche per esprimere liberamente la propria personalità. Di recente, dopo un'attesa durata anni e anni, anche le italiane appassionate di make-up possono acquistare i suoi prodotti sul sito ufficiale Bourjois, visto che fino a qualche tempo fa non erano previste spedizioni nel nostro paese. In questo modo, tutte potranno aggiungere un tocco parigino al loro stile.

Unisex e Uterqüe, le nuove collezioni di Zara

Zara è l’azienda spagnola diventata leader nel mondo dell’abbigliamento low-cost e negli ultimi anni ha deciso di ampliare la scelta dei prodotti offerti, lanciando due collezioni esclusive, Unisex e Uterqüe, perfette per soddisfare le esigenze dei clienti più esigenti. La prima propone dei capi intercambiabili e senza genere che possono essere usati sia da uomini che da donne, ha ampliato ancora una volta il repertorio di prodotti offerti, la seconda è composta da accessori e abbigliamento sofisticato di alta qualità come scarpe, borse, gioielli e vestiti, tutti realizzati a mano. Sono entrambe nate nel 2008 in Spagna ma solo dal 2016 sono disponibili in Italia, anche se solo online. Quando arriveranno anche nei negozi fisici i capi di queste linee?