Dopo le le sfilate di Milano il popolo della moda si è spostato a Parigi per assistere agli show Primavera/Estate 2020 dei grandi brand francesi (e non solo) da Dior a Givenchy, da Valentino a Stella McCartney, passando per Miu Miu, Off-White, Chanel e Saint Laurent. Come sempre le passerelle di Parigi sono il luogo su cui è possibile ammirare splendidi abiti con ricami preziosi o vestiti da sera perfetti per un red carpet e per carpire quali saranno i trend della prossima stagione. Parigi è soprattutto il palcoscenico che utilizzano gli stilisti per mostrare la propria arte, per sperimentare, per dar vita alle proprie visioni, presentando accessori sopra le righe, look concettuali e dettagli indimenticabili. Tra tutte le sfilate della Paris Fashion Week ecco le migliori, i trend imperdibili e soprattutto quei dettagli originali che ci hanno colpito.

Il maschile glam di Saint Laurent

Con la Torre Eiffel sullo sfondo Anthony Vaccarello ha presentato la nuova collezione Primavera/Estate 2020 di Saint Laurent. Indosso a top model celebri, di ieri e di oggi, come Naomi Campbell e Kaia Gerber, hanno sfilato i look per la prossima stagione calda. A colpire sono gli outfit glamour con giacche lucenti, abbinate a camicie in seta trasparente e shorts in denim sfrangiati, ma anche gli outfit retrò con morbide giacche blu notte su cui spicca il classico logo YSL. Il mood della collezione è dunque contemporaneo ma getta un occhio al passato, mentre giacche e capi maschili oversize sono mescolati con pezzi sensuali e iper femminili per un mix estremamente ricercato.

Stella McCartney e gli accessori "da avere"

Righe orizzontali oppure oblique, particolari oblò intarsiati nei capi di maglieria, abiti dalla fantasia floreale e modelli arricchiti da cuciture a raggiera hanno caratterizzato la collezione Primavera/Estate 2020 di Stella McCartney. In passerella i diversi look erano impreziositi con particolari accessori, come gli originali cappellini a rete con visiera o come i maxi orecchini pendenti. A catturare l'attenzione anchegli occhiali occhiali da sole trasparenti over size, con montatura squadrata e lunghe catene in metallo attaccate alle stanghette.

Gli abiti "danzanti" di Issey Miyake

Tra gli eventi più spettacolari della Paris Fahsion Week c'è stata sicuramente la sfilata di Issey Miyake, sulla cui passerella hanno sfilato abiti "danzanti" indosso a ballerine che volteggiando davano letteralmente vita ai modelli della nuova collezione Primavera/Estate 2020. Alcuni dei vestiti in color block sono poi discesi dall'alto, fissati su grosse strutture circolari che scendendo in passerella andavano a coprire i corpi delle modelle.

Le giacche oversize di Miu Miu

Linee oversize e stampe classiche come il Principe di Galles hanno regnato sulla passerella Primavera/Estate 2020 di Miu Miu, passerella dove hanno fatto la loro comparsa cappotti extra large e giacche doppiopetto dalle spalle imponenti, abbinate a pantaloni scuri e gonne midi in vinile. L'eleganza di un tessuto come il Principe di Galles, solitamente utilizzato per gli abiti maschili, si mescola sulla passerella di Miu Miu con dettagli bon ton e romantici, dando vita a un mix inaspettato e super tendy, originale e allo stesso tempo ricercato.

Valentino sfila in bianco e… fluo

Ancora una volta Pierpaolo Piccioli, designer di Valentino, conquista con la sua arte. Per la Primavera/Estate 2020 lo stilista propone una collezione elegante ma molto moderna, fatta di abiti bianchi dalle linee morbide, alternati a modelli dai colori fluo come il rosa, il verde acido e il giallo. Piccioli utilizza nuance accese e iper trendy per colorare modelli classici e abiti da sera dalle linee scivolate riuscendo a creare uno stile sofisticato ma estremamente moderno.

Le scarpe "bucate" di Off White

Virgil Abloh per la Primavera/Estate 2020 di Off-White sperimenta con le forme di abiti, scarpe e borse "bucate". Oblò, cut e buchi diventano decori per la maglieria, per gli abiti, per stivaletti appuntiti e per borse piatte da portare a mano. I cerchi intagliati nei tessuti e nei materiali degli accessori diventano dunque il fil rouge che attraversa l'intera collezione, dove trovano spazio anche lunghi abiti da sera dai colori accesi o particolari sandali dal complicato intreccio.

I ricami floreali di Giambattista Valli

Intricate fantasie floreali su completi bon ton dai profili total white, ma anche fiori ricamati su giacche in pelle e capi dalle linee più moderne caratterizzano la nuova collezione Primavera/Estate 2020 di Giambattista Valli. Lo stilista italiano presenta a Parigi una una collection in cui le icone dello stile griffato Valli, dalle ruche ai fiori, passando per fiocchi e volant, rivivono su abiti dal sapore contemporaneo. Il risultato finale è un mood ben riconoscibile ma differente e più moderno rispetto al passato.

I delfini e i bassotti di Thom Browne

Come sempre quelle di Thom Browne non sono semplici collezioni di abbigliamento. Ogni stagione negli show dello stilista inglese sfilano abiti che sembrano sculture e accessori così originali che tutto sembrano fuorché semplici borse o scarpe da indossare. Per la Primavera/Estate 2020 Thom Browne stupisce con borsette in giallo neon da portare a mano a forma di bassotto, con scarpe dal tacco aerodinamico e soprattutto posizionando in passerella modelle con i piedi ingabbiati in enormi scarpe a forma di delfino, modelli surreali e affascinanti proprio come lo stile del visionario stilista.

I contrasti di Loewe

Loewe gioca con gli opposti nella collezione Primavera/Estate 202o. Forme geometriche e spigolose si contrappongono a silhouette più fluide e morbide nei capi in cui il maschile incontra il femminile. In passerella sfilano giacche e soprabiti dai rever spigolosi e oversize ma anche romantici abiti in pizzo o dai colori pastello e ancora sensuali trasparenze femminili contrapposte al rigore dei look scuri ed essenziali.

Givenchy, pelle e seta

Clare Waight Keller per la Primavera/Estate 2020 ha disegnato una collezione per Givenchy in cui abiti romantici dai decorai floreali si mescolano con look, dal mood totalmente opposto, con capi in pelle. L'intera collezione gioca dunque tra la preziosità dei capi fiorati e il basico delle gonne in pelle con spacco  frontale e dei top strutturati con taschino laterale e nodo al collo. L'opposizione tra tessuti pesanti e strutturati e stoffe leggere e preziose, come il satin e la seta, crea un affascinante contrasto che ci ha fatto letteralmente amare la nuova collezione di Givenchy.

Il tweed moderno di Chanel

Virginie Viard, che dopo la scomparsa di Karl Lagerfeld ha preso le redini di Chanel, per la Primavera/Estate 2020 propone in passerella una collezione che non si distacca completamente dallo stile della Maison, ma reinventa le icone di Chanel, come il tweed, le perle e il logo a C intrecciate, disegnando look trendy e originali fatti di mini tute in tweed e gonne ad A da abbinare a minibag nello stesso tessuto. Spiccano poi giacche, borse e abiti decorati con una particolare fantasia geometrica intricata, realizzata con il logo Chanel che sembra trasformarsi in uno skyline cittadino il tutto sui toni del bianco, del blu e del turchese.