È partita ieri la Paris Fashion Week e sono molte le Maison internazionali che fino al prossimo 1 ottobre presenteranno le collezioni per la Primavera/Estate 2020. Se ad "aprire le danze" è stata Dior, ieri sera il testimone è passato nelle mani di Saint Laurent, che ha allestito una lunghissima passerella di fronte la Tour Eiffel. Anthony Vaccarello ha voluto reinterpretare dei capi classici, convinto del fatto che il guardaroba femminile non dovrebbe cambiare ogni 6 mesi. Non è un caso che a chiudere lo show ci sia stata Naomi Campbell con l'iconico smoking, uno dei capi che hanno fatto la storia della casa di moda francese.

Saint Laurent reinterpreta i capi iconici della Maison

Saint Laurent è la Maison francese che ieri sera ha presentato la collezione per la Primavera/Estate 2020. A firmarla è stato il direttore creativo Anthony Vaccarello che, sullo sfondo si un'illuminatissima Tour Eiffel, ha fatto sfilare le sue modelle gitane. Lo stilista si è ispirato ai capi iconici della griffe, per la precisione alla Russian Collection del 1976, quella "costruita" da Yves per la sua musa Loulou de la Falaise. Era caratterizzata da uno stile orientale e bohémien e per la prima volta diede spazio ai completi da donna dal taglio maschile, rivelando così una nuova idea di sensualità. Tra turbanti, stampe paisley dorate, velluti preziosi, gilet, orecchini etnici e caftani, oggi in passerella sono tornati dei classici senza tempo, anche se sono stati reinterpretati secondo le tendenze di stagione. Non sono mancate le giacche, i pantaloni, gli shorts e gli smoking, tutti total black ma "accesi" da paillettes e dettagli scintillanti. L'obiettivo? Riutilizzare abiti e accessori che già si possiedono, evitando così di rivoluzionare il proprio guardaroba ogni sei mesi.

Naomi Campbell è la star della sfilata di Saint Laurent

Essendo uno degli eventi più attesi della Paris Fashion Week, la sfilata di Saint Laurent non poteva che attirare l'attenzione di innumerevoli star. Il front-row si è trasformato in una sorta di red carpet: Kate Moss, Chiara Ferragni, Charlotte Casiraghi, Salma Hayek, Cindy Crawford, Eva Herzigova,Cathrine Deneuve, Amber Valletta, Zoe Kravitz, Charlotte Gainsbourg, Ezra Miller e Andie Mac Dowell, sono solo alcune di quelle che hanno seguito lo show direttamente dalle prime file. Ad attirare tutti i riflettori su di sé è stata però la top model a cui è stato affidato il compito di chiudere la sfilata. Si tratta di Naomi Campbell, tornata in passerella a 49 anni per presentare una versione rivisitata dello smoking, un capo iconico della storia della Maison, questa volta realizzato in paillettes e portato senza reggiseno sotto la giacca. La Venere Nera ha incantato tutti con la sua bellezza e la sua falcata, facendo concorrenza alla giovanissima Kaia Gerber, anche lei sul catwalk. Anche se gli anni passano, lei rimane sempre la regina delle top mode.