Dopo tanti rumors e la conferma comunicata in tempi non sospetti da Fanpage.it, finalmente Michelle Hunziker torna a Sanremo 2019, è lei la protagonista della seconda serata del 69esimo Festival della Canzone Italiana. Nella prima serata c'è stato il "ritorno" di Pierfrancesco Favino, bellissimo nel suo smoking di velluto firmato Cucinelli, ora è il turno di Michelle che sale sul palco dell'Ariston con abiti Giorgio Armani Privé, linea Haute Couture del Re dalla moda italiana.

Nelle stessa serata lo stilista veste Claudio Bisio, il quale si gode il successo riscosso con la giacca luccicante firmata Etro della prima diretta. Virginia Raffaele difende il posto di "prima donna" del Festival con uno scenografico abito rosso rubino, appositamente creato per lei dal marchio specializzato in abiti da sposa Atelier Emé e con due creazioni Haute Couture di Schiaparelli. La giovane cantante Federica Carta, che si esibisce in coppia con Shade, stupisce con un look firmato Moschino, mentre gli Ex Otago continuano il loro "viaggio di stile", che li condurrà a un misterioso "matrimonio" nella finale, sul palco della seconda serata indossano smoking in jeans firmati Daniele Alessandrini. Ghemon sceglie, infine, capi firmati Salvatore Ferragamo. Tra gli ospiti più attesti della puntata del 6 febbraio di Sanremo Marco Mengoni, sul palco con un completo Giorgio Armani, Laura Chiatti e il duo comico Pio e Amedeo.

Michelle Hunziker e Claudio Bisio in Armani
in foto: Michelle Hunziker e Claudio Bisio in Armani

Gli abiti top sul palco dell'Ariston

Claudio Baglioni questa sera cerca di far dimenticare la giacca gioiello della prima puntata di Bisio, indossando uno smoking dai rever con cristalli di Ermanno Scervino, non riesce nell'intento ma il look è comunque promosso. Pollice su anche per Bisio, con smoking in velluto nero dai rever a lancia di Giorgio Armani, anche se la giacca gioiello ci rimarrà nel cuore! Dopo il bianco, Arisa passa al nero e sale sul palco con tuta firmata Albagia dalla scollatura tridimensionale, non ci siamo innamorati del look tanto quanto della canzone ma comunque lo stile sobrio lo approviamo. Fantastico Marco Mengoni nel suo abito oversize griffato Armani, il ragazzo ha stile da vendere e lo dimostra in ogni apparizione pubblica, proprio come Ghemon che ama andare sul palco col cappotto, questa sera firmato Salvatore Ferragamo, e a noi i suoi cappotti piacciono parecchio. La regina della serata è stata senza dubbio lei, una meravigliosa Michelle Hunziker, splendida nel suo abito Haute Couture Armani Privé, con gonna lilla in tulle che nascondeva pantaloni smoking. Finalmente la Hunziker ci ha fatto sognare, lei sa bene come ammaliare il pubblico. Voto 10 a Pippo Baudo, la sua camelia bianca in stile Chanel appuntata sul bavero dello smoking ci ha letteralmente conquistati.

Loredana Bertè in Gianluca Saitto
in foto: Loredana Bertè in Gianluca Saitto

Migliora il look di Nek, che dice addio al chiodo in pelle per sfoggiare (finalmente) una giacca gessata di Dolce&Gabbana, lo stesso brand che ha vestito il giovane Einar, decisamente meno sobrio, con indosso tessuti broccati e cuori dorati, i quali non incontrano il nostro gusto ma almeno portano sul palco un tocco glamour in questo Festival a tinte scure. La Raffaele, dopo lo scivolone del primo abito nero, si riprende salendo sul palco dell'Ariston con uno scenografico maxi dress rosso di Atelier Emè e poi con un abito scollato dal tessuto argentato di Schiaparelli Haute Couture. Ancora denim per gli Ex Otago, con completi di jeans Daniele Alessandrini, la band ci piace e ci piace il mocassino col calzino bianco, chi lo indossa ha carattere! Come nella prima serata anche adesso Achille Lauro ci lascia a bocca aperta: i suoi vestiti sono kitsch? Forse un po', ma indosso a lui tutto diventa cool! Chiude la lista dei promossi, anche se con riserva, Federica Carta che nella seconda serata canta indossando un modello Moschino, originale e divertente, non ci convincono gli stivaletti e l'acconciatura un po' "incollata".

Ex Otago in Daniele Alessandrini
in foto: Ex Otago in Daniele Alessandrini

I look bocciati della seconda serata di Sanremo 2019

Veniamo ora alle note dolenti che questa sera, purtroppo, vengono assegnate a Virginia Raffaele. Non convince il primo look, un abito Schiaparelli senza dubbio molto elegante e raffinato ma eccessivamente monacale, troppo scuro, troppo accollato, c'è un disperato bisogno di colore! Loredana Bertè è stata la regina della prima serata, con i suoi lunghi capelli blu, il rossetto, fluo, la gonna corta dell'abito Gianluca Saitto e la borsetta a tracolla, il problema è che questa sera è proprio tutto uguale, ma proprio tutto tutto. Loredana ma che combini, non vale cambiare il colore dell'abito! Speriamo non replichi il trittico della Vanoni dello scorso Sanremo. Daniele Silvestri sembra prendere a caso capi dal suo armadio per unirli in look poco adatti a Sanremo. Bisogna trovare qualcuno che con ago e filo rammenti gli orli sfilacciati dei suoi abiti… Completo nero Dolce&Gabbana per Fiorella Mannoia, il broccato black non incontra il nostro gusto personale, mentre riteniamo poco adatti al palco i pantaloni estremamente baggy de Il Volo. Laura Chiatti stupisce tutti con il suo sexy look firmato Dolce&Gabbana: evviva il nude dress vedo non vedo, evviva i fiori colorati, evviva le paillettes, evviva le scollature, si evviva ma non tutto insieme! Che dire poi dell'abito elettrico di Shade? E degli occhiali da gatta con lenti pastello del cantante? Per noi è NO!