Sanremo 2019 finisce con la vittoria inaspettata di Mahmood, il giovane cantante più cool di questa edizione. Finisce dunque la sfilata di conduttori e cantanti sul palco dell'Ariston, una sfilata fatta di abiti da sogno ma anche di tanti look decisamente sbagliati. Solitamente l'attenzione del pubblico si concentra sui vestiti della prima donna sul palco, quest'anno però la conduttrice Virginia Raffaele non è riuscita a conquistare del tutto il cuore del pubblico italiano che, lo sappiamo bene, a Sanremo vuole vedere lo sfavillio, vuole davanti agli occhi un sogno fatto di abiti da favola, paillette, colori e lustrini. Questo però non è lo stile della Raffaele, conduttrice che ha scelto di non snaturare se stessa con abiti sornioni, magari scollati e con spacchi, che potessero rendere felice il pubblico. E, va detto, questa è una scelta coraggiosa. Virginia non ama il rosa, i lustrini e le gonne da principessa. Virginia ama il nero e preferisce indossare abiti essenziali e basici. E' senza dubbio importante, se non necessario, seguire il proprio stile, anche a Sanremo, è anche vero che su un palco del genere la prima donna del Festival avrebbe potuto osare un filino in più.

I vestiti di Virginia Raffaele per la finale di Sanremo 2019

Per la finale Virginia Raffaele sceglie abiti di Giorgio Armani, dicendo addio allo sparkling mood della quarta serata, in cui aveva indossato un abito coperto da 300mila cristalli Swarovski di Philosophy di Lorenzo Serafini, per sfoggiare lunghi abiti aderenti essenziali e aderenti che esaltavano il fisico longilineo della conduttrice. Gli utlimi modelli ricordano quelli firmati Armani Privé della prima diretta. Il primo look per la serata finale è senza dubbio il più riuscito: Virginia appare con indosso un tubino aderente con strascico e bustier senza spalline interamente ricoperto di paillettes nere e rosso brillante. Il primo vestito della serata convince il pubblico che sui social commenta positivamente l'outfit notando anche l'incredibile forma fisica della Raffaele.

Virginia Raffaele sul palco della finale veste da uomo

Dopo il rosso è il momento del bianco candido: per un breve momento Virginia Raffaele sale sul palco indossando un completo maschile, si tratta di un tailleur con tuxedo e pantaloni bianchi ancora firmato Armani. Prosegue dunque a Sanremo il trend del "mannish look" scelto anche dalla Tatangelo nella quarta puntata, dalla conduttrice del Dopofestival Anna Foglietta e anche da Arisa, che nella serata dei duetti si è esibita con un completo maschile in total white.

L'ultimo abito nero, troppo nero

Dismesse le paillettes luminose e i completi da uomo si torna, purtroppo, al nero monacale, lo stesso che aveva regnato nella seconda puntata del Festival. Per la terza uscita sul palco la conduttrice sceglie un vestito lungo in tessuto scuro, aderente e con bustier strutturato che sottolinea il punto vita ed esalta il décolleté. Spalle e braccia sono coperte da un tessuto trasparente, le maniche terminano con grossi polsini neri. Non che l'abito sia brutto, tra l'altro è perfettamente cucito indossa alla conduttrice, ciononostante il look dark non incontra i gusti del pubblico che reputa l'outfit troppo sobrio. Virginia completa il look con gioielli Chopard e con un'acconciatura con ciuffo laterale e capelli legati in una morbida ponytail. Che altro dire? Virginia senza dubbio supera la prova Festival di Sanremo grazie alla sua bravura, alla sua intelligenza e al suo straordinario talento, non la promuoviamo a pieni voti se dobbiamo considerare i look. Lo stile altalenante della conduttrice, che in un momento ci portava in cielo e subito dopo ci riportava con i piedi per terra, senza dubbio non conduce ad una totale "stroncatura di stile" ma neanche a un innamoramento incondizionato.