La Paris Fashion Week volge al termine, domani sarà l'ultimo giorno in cui Maison di fama internazionale presenteranno le collezioni per l'Autunno/Inverno 2019-20 e c'è grande attesa per uno show in particolare, quello di Chanel. Si tratta della prima sfilata della griffe dopo la morte di Karl Lagerfeld, lo storico direttore creativo che ha perso la vita qualche settimana fa, e di sicuro verrà ideato qualcosa di speciale per rendergli omaggio un'ultima volta. Nell'attesa di ammirare la prima linea curata dall'erede dell'imperatore della moda Virginie Viard, ecco le sfilate più originali e sopra le righe ideate dal kaiser.

Cosa aspettarsi dalla prima sfilata Chanel dopo la morte di Karl Lagerfeld

Le sfilate di Chanel sono sempre le più attese della Paris Fashion Week e quest'anno, essendo il primo show dopo la morte di Karl Lagerfeld, lo storico direttore creativo della Maison, di sicuro verrà ideato qualcosa di sensazionale per rendergli omaggio un'ultima volta. Come al solito la sfilata si terrà al Grand Palais, la location che nel corso degli anni è stata trasformata in un lungomare, in una stazione spaziale e in molti altri luoghi spettacolari, e, anche se non si ha nessuna anticipazione, l'evento sta già attirando l'attenzione dei media internazionali. E' già successo con Fendi, la casa di moda con cui Lagerfeld collaborava da oltre 50 anni, che durante la prima sfilata dopo la sua morte, tenutasi pochi giorni fa durante la Milano Fashion Week, gli ha dedicato un video commemorativo e delle camicie con il colletto alto come le sue, ma per Chanel si preannuncia qualcosa di ancora più incredibile, visto che lo stilista ha letteralmente rivoluzionato lo stile della casa di moda. Potrebbero esserci abiti ispirati allo stile del kaiser, proiezioni di immagini e video commoventi, dedicate speciali da parte dei grandi nomi della Maison, quello che resta da chiedersi è: la prima sfilata organizzata dal nuovo direttore creativo Virginie Viard sarà all'altezza di quelle del kaiser?

Le sfilate Chanel più spettacolari della storia

Karl Lagerfeld è lo stilista che ha rivoluzionato la storia Chanel ed è proprio sotto la sua direzione artistica che la Maison ha organizzato delle sfilate davvero spettacolari, capaci di incarnare alla perfezione il suo stile stravagante, elegantissimo e fuori dai canoni convenzionali. A rendere tutto ancora più suggestivo, la location, per la precisione il Grand Palais, trasformato di volta in volta in un luogo così incredibile da sembrare essere uscito direttamente da un sogno. Una delle prime scenografie originali è stata quella realizzata per presentare la collezione Autunno/Inverno 2008-2009, che riproduceva una giostra con tutti i simboli Chanel, per la Primavera/Estate 2012, invece, la passerella è diventata un fondale marino, mentre per l'Autunno/Inverno 2014-15 una miniera di quarzo. Nel 2015 è stata prima la volta di un supermercato, tra i cui scaffali si aggiravano le modelle vestite di tutto punto con il carrello tra le mani, poi quella di un una protesta di piazza capitanata da Cara Delevingne, una delle muse di Karl Lagerfeld. Si potrebbe continuare con il giardino tropicale stilizzato, il casinò, l'aeroporto, il giardino giapponese, gli specchi della Maison, fino ad arrivare al missile sulla rampa di lancio posizionato al centro del catwalk per la collezione Haute Couture Autunno/Inverno 2017-18. Per le ultime sfilate Lagerfeld aveva invece trasformato il Grand Palais nell'area monumentale del Trocadero, in un lungomare con tanto di sabbia e onde e poi nelle gole del Verdon. Insomma, lo stilista non ha solo reso iconico lo stile della griffe, ha anche arricchito gli show con delle ambientazioni surreali. Virginie Viard riuscirà a mantenere alto il suo nome?