Oggi il mondo della fashion system è in lutto, è morto a 85 anni Karl Lagerfeld, il cosiddetto "imperatore della moda". Era da tempo che si parlava delle sue precarie condizioni di salute, per la precisione da quando ha rinunciato di apparire in passerella all'ultima sfilata Chanel, la Maison di cui fin dal 1984 era direttore creativo. E' stata proprio la nota griffe francese a consacrare il suo successo, è grazie a lui che è diventata iconica e leggendaria, tanto da essere considerata ancora oggi una delle "pietre miliari della moda". A sostituirlo a capo della griffe sarà Virginie Viard, anche se difficilmente riuscirà a rimpiazzare il suo incredibile genio creativo.

Karl Lagerfeld e il successo di Chanel

Karl Otto Lagerfeld è lo stilista di origini tedesche che nel corso della sua carriera ha cambiato la storia della moda. Oggi, deceduto all'età di 85 anni, ha lasciato un vuoto immenso nel fashion system, soprattutto all'interno della Maison Chanel di cui era direttore creativo fin dal 1984. Nonostante non avesse mai studiato, ha mosso i primi passi come stilista fin da quando da giovanissimo si è trasferito a Parigi, arrivando a farsi notare da grandi nomi come Pierre Balmain, Dior, Balenciaga, Jean Patou. E' stata però la collaborazione con Chanel che ha rivoluzionato in modo radicale la sua vita. Ha cominciato a curare la linea di Alta Moda nelle vesti di direttore creativo nel 1984, poi è passato al prêt-à-porter. Essendo sempre stato appassionato di fotografia, curava anche le campagne pubblicitarie del brand, esaltando i dettagli che hanno reso iconico il suo stile ben definito ma allo stesso tempo originale. Nonostante abbia passato più di 30 anni a capo della Maison, ha saputo rinnovarsi, aggiungendo un tocco di novità anno dopo anno e lasciando sempre il pubblico senza parole con gli show spettacolari ambientati al Grand Palais. Quest'ultimo veniva trasformato di volta in volta in qualcosa di differente, da un casinò a un lungomare, fino ad arrivare a una base spaziale o a una villa in costa azzurra. Ora a sostituirlo ci sarà Virginie Viard, che già dall'ultima sfilata della casa di moda era apparsa in passerella al suo posto.

Karl Lagerfeld ha reso iconico lo stile Chanel

Fin dalla prima volta che ha firmato una collezione per Chanel, Karl Lagerfeld è riuscito a sedurre il pubblico, riuscendo a dettare tendenze in tutto il mondo. Ha ereditato l'eleganza di Coco Chanel, la storica fondatrice della Maison, e, pur mantenendo invariati i valori del marchio, ha aggiunto degli elementi innovativi e moderni, diventati un marchio di fabbrica della griffe. Degli esempi? I tessuti bouclé, i giacchini senza revers, le borse con le catene, i fili di perle e le camelie, ancora oggi considerati dei simboli iconici del noto brand francese. Il suo merito è stato proprio quello di aver dato alla casa di moda una sua chiara impronta artistica e creativa, continuando lo stesso ad attingere all'archivio della fondatrice. Tra i capi rivoluzionari che ha portato in passerella per la prima volta, anticipando mode e tendenze di decenni ci sono stivali cuissardes, scarpe basse senza tacco, abiti in pvc e in plastica, tutte cose che lo hanno reso lo stilista più moderno di tutti i tempi. Non è un caso che la sua idea visionaria della moda abbia contribuito a estendere l'influenza del fashion system in altri settori, dalle arti allo show-business, portando un tocco di freschezza, audacia e irriverenza anche nel mondo dello spettacolo. Tutti quelli che amano la moda non possono non aver adorato il lavoro rivoluzionario del kaiser, un uomo dall'incedibile manualità, dalla inarrestabile mente creativa, sempre pronto a dare vita a capi dal fascino irresistibile e dall'eleganza senza tempo. Difficilmente ci sarà qualcuno che riuscirà a rimpiazzarlo ed è per questo che oggi il fashion system non può fare a meno di piangere la sua morte.