Karl Lagerfeld si è spento a 85 anni, lasciando un vuoto immenso nel fashion system, dove in molti lo definivano "l'imperatore". Era il direttore creativo di Chanel e, dopo la notizia della sua scomparsa, la Maison ha dovuto riorganizzare i ruoli all'interno dell'azienda, nominando un nuovo stilista. A succedere il designer di origine tedesca sarà Virginie Viard, che già durante l'ultima sfilata della griffe era apparsa al suo posto in passerella.

Virginie Viard è la nuova stilista di Chanel

Karl Lagerfeld è morto a 85 anni e Chanel non si è ritrovata solo a piangere la sua scomparsa ma anche a nominare un nuovo direttore creativo. Come comunicato in una nota diffusa dal presidente della Maison Bruno Pavlovskyi e del ceo Alain Wertheimer, a ereditare il ruolo del noto stilista di origini tedesche che ha rivoluzionato lo stile e il volto della nota casa di moda sarà Virginie Viard. Era da tempo che si parlava di una possibile nomina della designer, per la precisione da quando Karl non era apparso in passerella al termine dell'ultima sfilata a Parigi, lasciandole la scena, e oggi è arrivata la conferma. Da ora in poi sarà proprio l'ex braccio destra di Lagerfeld a prendere il suo posto, assumendosi l'arduo compito di firmare la prima collezione Chanel che dopo anni non porterà il nome dello stilista. Per la Viard non si tratta di un debutto nella casa di moda, era già direttrice di Chanel Fashion Creation Studio e stretta collaboratrice del couturier scomparso da 30 anni. Il suo obiettivo? Continuare a seguire il percorso tracciato da Karl, guardando al futuro senza mai dimenticare il passato e la tradizione.

I successi di Virginie Viard

Virginie Viard è la stilista che prenderà il posto di Karl Lagerfeld a capo di Chanel dopo la sua morte. E' nata in una famiglia di medici e si è avvicinata alla moda tramite il nonno materno, un setaiolo di Lione. Ha frequentato senza successo una scuola di cucito ma ha presto abbandonato perché non ha mai avuto pazienza, ha poi trovato lavoro al fianco di Dominique Borg, una nota costumista teatrale francese. Il successo è arrivato però nel 1987, quando è entrata in Chanel nelle vesti di stagista. Da quel momento in poi è diventata il braccio destro del couturier tedesco, seguendolo anche per un breve periodo da Chloé verso la metà degli anni '90. E' sempre rimasta fedele alla griffe con la doppia C, diventando Fashion Creation Studio, ruolo che la rendeva responsabile della supervisione di diverse collezioni, da quella prêt-à-porter, a quella resort, fino ad arrivare a Métiers d’Art e all'Haute couture. Insomma, la stilista sembra conoscere benissimo l'universo Chanel: riuscirà a non far rimpiangere il compianto designer che ha fatto storia? Per il momento l'unica cosa certa è che tutti gli occhi degli appassionati di moda sono puntati su di lei e sul suo talento.