Dimenticate gli sfarzi eccessivi che siamo soliti "ammirare" sui red carpet hollywoodiani, scordate anche i maxi spacchi e le scollature volgarotte di top model e soubrette chiamate a rendere glamour e sexy il tappeto rosso di Cannes, a Venezia è l'eleganza, quella sobria e ricercata, a dominare. A giudicare dai primi look visti durante la serata inaugurale, sulla "passerella veneziana" non c'è grande spazio per eccessi di stile. Almeno in questa prima serata i veri protagonisti sul red carpet sono stati abiti sobri, persino la top model di Victoria's Secret Alessandra Ambrosio, celebre per i suoi spacchi vertiginosi, ha indossato un romantico abito bianco. Certo il dettaglio sexy non manca mai, ma a Venezia appare meno "urlato", più sensuale che sexy.

La prima di "Everest" al Festival di Venezia 2015

Ieri sera è andato in scena l'opening del 72 esimo Festival internazionale del Cinema di Venezia. A dare il via alla kermesse cinematografica la premiere del film kolossal "Everest" diretto dal regista islandese Baltazar Kormakur, con Jake Gyllenhaal, Josh Brolin, Keira Knightley ed Emily Watson. Sul red carpet della prima hanno sfilato star italiane ed internazionali come Elisa Sednaoui, la madrina del Festival di Venezia, le giurate Paz Vega, Diane Kruger, Elizabeth Banks e tante altre.

Tutte in bianco: sul tappeto rosso spopola lo "stile sposa"

Molte delle celeb che hanno sfilato sul tappeto rosso della prima di "Everest" hanno optato per un candido abito bianco seguendo il "bride trend". Bellissima e regale Diane Kruger, con un modello Prada tempestato di decori lucenti e impreziosito da un lungo strascico, Paz Vega è apparsa lucente con un abito a tubino Ralph&Russo ricoperto di perle che lasciava la schiena scoperta firmato, splendida anche Elizabeth Banks in abito bianco firmato Dolce&Gabbana con grossi dettagli gioiello. La modella Alessandra Ambrosio ha invece optato per un modello in stile boho chic, griffato Philosophy di Lorenzo Serafini, con ampia gonna e top decorato da ruches svolazzanti.

Dark lady, abiti come quadri e decori lucenti

Sul tappeto rosso hanno spiccato anche i look "dark" di Anita Caprioli, elegantissima nel suo abito asimmetrico Givenchy by Riccardo Tisci illuminato da gioielli Chopard, di Malika Ayane, senza dubbio la più originale, con abito Philosophy di Lorenzo Serafini dalle tasche gioiello, e Valeria Bilello, super chic con tubino nero di Fendi decorato con cristalli multicolor sullo scollo. La madrina del festival, Elisa Sednaoui, ha voluto risplendere indossando un abito gioiello, ricoperto di cristalli e paillettes, griffato Giorgio Armani Privé, mentre Fiammetta Cicogna ha sfilato con uno splendido abito dal sapore barocco di Alberta Ferretti.

Bocciate! I peggiori look sul red carpet

Un bel no per il look troppo poco curato di Emily Watson, l'attrice ha scelto un abito in seta scivolata verde smeraldo che non le donava per niente e metteva in risalto i difetti del corpo. Decisamente out anche il look di pizzo nero scelto da Maria Grazia Cucinotta, troppo pesante, quasi invernale. Sbaglia, come ogni anno look, Tiziana Rocca, non convince il suo abito a balze con tagli a vivo, il modello non esalta la silhouette e appare troppo rigido. Rimandata, invece, Nastassja Kinski, che ha sceleto un bell'abito rosso ma ha esagerato con gli accessori e i dettagli lucenti.