244 CONDIVISIONI
10 Novembre 2021
09:56

Giulia Provvedi contro l’ossessione per la perfezione: “Non fatevi ingannare dai filtri”

Giulia Provvedi, la sorella bionda del duo canoro Le Donatella, ha lanciato un messaggio forte alle donne: le ha invitate ad amare e accettare il proprio corpo, compresi quei ‘difettucci’ che sui social si tende a nascondere dietro ritocchi e filtri. Lei si è liberata dall’ossessione per la perfezione a tutti i costi e vive benissimo così.
A cura di Giusy Dente
244 CONDIVISIONI
in foto: Giulia Provvedi, Instagram @ledonatellaofficial
in foto: Giulia Provvedi, Instagram @ledonatellaofficial

Sui social non è tutto oro quello che luccica: complici ritocchini e filtri, è facile cadere nell'inganno di vedere come perfetto ciò che tale non è. I social in questo senso possono rivelarsi pericolosi ed è un aspetto che sono gli stessi influencer a evidenziare sempre più spesso. Lo ha fatto Clio MakeUp per esempio, per mettere in guardia soprattutto il pubblico più giovane e le persone più fragili: per loro è facile cadere nella spirale del confronto, nell'ossessione per l'apparenza, che rende difficile distinguere il reale dal virtuale e vivere in modo sano il rapporto con la propria immagine. Per lo stesso motivo sui social sono in tanti a proporre contenuti realistici, dopo anni in cui invece si sono visti corpi modellati a colpi di Photoshop e visi senza pori. Il movimento body positive e quello skin positive vogliono dire proprio questo: che bisogna amarsi e accettarsi così come si è, senza rincorrere modelli irraggiungibili. È il messaggio che ha voluto lanciare anche Giulia Provvedi, la sorella bionda del duo canoro Le Donatella.

Giulia Provvedi senza filtri

Le foto perfette che si vedono sui social sono il frutto di posizioni strategiche, luci perfettamente calibrate, abbigliamento studiato e il più delle volte anche di filtri e ritocchini vari. Si crea una realtà distorta, uno stereotipo difficile da sostenere per chi lo propone e difficile da sopportare per chi ne è spettatore. Gli utenti dei social chiedono più verità e meno eccessi. I follower di Chloe Kardashian, per esempio, hanno chiesto alla loro beniamina di ritoccare meno le foto, perché si sono accorti di quanto appaia sempre più irriconoscibile. L'hanno accusata di proporre un’immagine di sé totalmente falsata e di portare avanti un ideale di bellezza malsano e irraggiungibile. Il problema non riguarda solo le foto, ma anche i video: anche quelli si possono modificare e dunque è facile farsi ingannare da corpi che appaiono come nella realtà non sono, spacciati per modelli di perfezione da seguire.

in foto: Giulia Provvedi, Instagram @ledonatellaofficial
in foto: Giulia Provvedi, Instagram @ledonatellaofficial

Ma la perfezione non esiste e lo ha voluto ribadire anche Giulia Provvedi: "Si vive benissimo lo stesso" ha scritto su Instagram, pubblicando due foto scattate a poca distanza temporale l'una dall'altra. In una ha il corpo rilassato, si vede la pancia leggermente gonfia e la pelle non tirata. Tutto naturale insomma, tutto nella norma per il corpo di una donna. La seconda foto sembra immortalare una persona completamente diversa: pancia piatta, schiena inarcata, gamba in posizione e il gioco è fatto, ecco che anche le smagliature non si vedono più. "Non fatevi ingannare dai filtri, dalla postura che migliora il difettuccio, amatevi sempre senza aver paura di mostrare il vostro corpo" ha scritto la 27enne, sorella gemella di Silvia Provvedi, invitando le donne ad amarsi e accettarsi, senza inseguire canoni estetici impossibili.

244 CONDIVISIONI
Giulia Provvedi con e senza filtri:
Giulia Provvedi con e senza filtri: "Meglio la vera imperfezione che la finta perfezione"
Giulia De Lellis senza trucco mostra i segni dell'acne:
Giulia De Lellis senza trucco mostra i segni dell'acne: "Senza filtri è una storia diversa"
Giulia Provvedi, la realtà non è ciò che si vede su Instagram:
Giulia Provvedi, la realtà non è ciò che si vede su Instagram: "Preferisco farci amare per i difetti"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni