Cercando sui social l'hashtag #acnepositivity si apre un mondo: sono milioni le ragazze che raccontano la loro storia e mostrano il loro viso e sono sia donne comuni che personaggi più noti al mondo dello spettacolo. Su TikTok come su Instagram si stanno susseguendo tantissimi post a tema, da parte di ragazze stanche di sentirsi schiave dell'acne, con cui magari combattono da anni e che magari le ha condizionate fin troppo nella loro quotidianità. C'è chi si copriva dietro strati di fondotinta, chi evitava di postare in rete foto del proprio volto, chi ha subito body shaming, ma tutte col tempo si stanno liberando di quelle catene e si stanno svincolando dai cosiddetti canoni di perfezione. Le celebrities stanno approfittando dell'esposizione mediatica e del loro seguito per lanciare messaggi importanti a tutte le ragazze, affinché non si sentano sminuite dalle "imperfezioni" e dai "difetti". Lo ha fatto anche l'influencer Jess Mackenzie a proposito proprio dell'acne.

𝗪𝐡𝐚𝐭 𝐩𝐡𝐨𝐭𝐨 𝐦𝐚𝐤𝐞𝐬 𝐲𝐨𝐮 𝐟𝐞𝐞𝐥 𝐦𝐨𝐫𝐞 𝐮𝐧𝐜𝐨𝐦𝐟𝐨𝐫𝐭𝐚𝐛𝐥𝐞? ➡️ ⁣ ⁣ … 𝐧𝐨𝐰 𝐥𝐞𝐚𝐫𝐧 𝐟𝐫𝐨𝐦 𝐲𝐨𝐮𝐫 𝐚𝐧𝐬𝐰𝐞𝐫 ⁣ ⁣ 𝟷. 𝘙𝘌𝘈𝘓 𝘚𝘒𝘐𝘕 ⁣ If real skin / spots / acne makes you feel uncomfortable then I’m really sorry. You’ve been brought into a world where photo editing has become the norm and it can be daunting to accept anything less than a poreless, flawless, edited skin texture on your timeline. I imagine you’re the first person to think “ugh that person is so fake” referring to someone’s personality but you don’t think twice when you see your favourite blogger with smoothed out skin? Am I right? The next time you see these bloggers/influencers promoting skincare or make up, take a closer look, zoom in and see if the products they are promoting will be achievable without a photo editing app. Try supporting authenticity 🤍⁣ ⁣ 𝟸. 𝘌𝘋𝘐𝘛𝘌𝘋 𝘚𝘒𝘐𝘕 ⁣ If my edited photo makes you feel uncomfortable then I honour your honesty. It makes me uncomfortable too. I never used to think twice while scrolling and liking edited photos. That was until I noticed it was affecting the way I looked at myself. Smooth skin texture is 100% unachievable and unrealistic and in my eyes, now very undesirable. Editing your own photo not only affects your own mental health but the mental health of young ones that admire and look up to you. Let’s start being more true to ourselves and true to others! Let’s embrace our natural skin, acne or no acne we are in this together 💗 ⁣ ⁣ 𝐑𝐞𝐝𝐞𝐟𝐢𝐧𝐢𝐧𝐠 𝐛𝐞𝐚𝐮𝐭𝐲 ⁣ ⁣ ⁣ ⁣ps. The ‘hair shake’ texture spray from @joicoeurope is dreamy! Highly recommend 💫 ⁣ ⁣ ⁣ ⁣ ⁣ #acnepositivity #acne #beforeandafter #acnebeforeandafter #skinpossitivity #acneawarenessmonth #loveyourskin #adultacne #banishacnestigma #acnecommunity #acnescars #acneproblems #acnejourney #acnesolution #realskin #acnefighter #normaliseacne #skintexture #selflove #acnestigma #editedskin #editedphoto

A post shared by J E S S M A C K E N Z I E (@_jessyoga) on

Sui social spopola la skin positivity

Le modelle e le influencer hanno l'acne? Sì, ce l'hanno, anche se nell'immaginario collettivo questa caratteristica non rientra nell'ideale di perfezione che la società ci ha imposto e a cui le ragazze del mondo dello spettacolo e dei social devono spesso sottostare. Stanca di doversi coprire e nascondere, la 24enne Jess Mackenzie ha voluto essere un punto di riferimento per le ragazze alle prese col suo stesso problema, per far capire che non c'è nulla di cui vergognarsi, ma che bisogna accettarsi e amarsi. La scozzese non ha sempre avuto l'acne: il problema è comparso circa quattro anni fa ed è stata dura farci i conti. Ha pianto, ha modificato le sue foto, ha smesso di uscire struccata, ma quando ha scoperto il movimento dell'acne positivity le si è spalancato un mondo nuovo. Ha dunque deciso di entrare in contatto con quella comunity, ma per farlo sapeva di doversi sbarazzare di filtri e stratagemmi di editing vari. Ecco perché ha cominciato a postare le sue foto al naturale e a raccontare la sua storia, ottenendo tanto sostegno in cambio. E questa è stata la sua liberazione, che le ha permesso di improntare la sua vita all'accettazione, riscoprendo un rapporto sano con lo specchio e facendo pace con la sua problematica. In uno dei suoi post su Instagram Jess ha scritto: «Viviamo in un mondo in cui il fotoritocco è diventato la norma e può essere scoraggiante accettare sulla timeline qualcosa che non sia una pelle senza pori, impeccabile e modificata. Tutto questo è irrealizzabile e non realistico. Cominciamo ad essere più fedeli a noi stessi e fedeli agli altri! Accettiamo la nostra pelle naturale, con o senza acne».

I have found myself becoming so critical of my scars and my skin since coming off Roaccutane. I think it’s mainly because I’m so afraid that my acne will return, but I need to remind myself that it’s okay if it does, and it’s okay to feel panicked, I’m only human. Tomorrow I’m doing a round of blood tests to check all my levels: hormones, thyroid, liver function, cortisol, the works 😅 I have also lost a significant amount of weight since the start of my acne, which I think is mainly due to stress from my acne and also going through a severe back injury which I am only just recovering from. Dealing with everything life’s thrown at me this year hasn’t been the easiest, and I have days where I feel so trapped and frustrated with my body, questioning why it has failed me so much. But honestly, it has done everything but that. We’re so quick to criticise our bodies, but we forget how remarkable and phenomenal our bodies are at adapting and healing🌙✨💫 ~ #acnepositivity #acnepositive #acnetreatment #accutanejourney #accutaneresults #acnescars #acneskin #cysticacne #acneskincare #acnecommunity #skinpositivity #skincommunity #acneskin

A post shared by Mon 🕊 Skin Positivity (@moniqueschreiber) on

Le star si mostrano al naturale, acne compresa

Ad abbracciare questa filosofia è stata anche Giulia De Lellis. L'influencer combatte da diverso tempo con l'acne, un problema che fa fatica a tenere sotto controllo. Persino i farmaci a quanto pare non hanno fatto altro che peggiorare la situazione. Per essere di esempio a fan e follower ha mostrato più volte il suo viso al naturale coi segni dell'acne, senza filtri e senza trucco, anche nei giorni in cui gli sfoghi sulla pelle erano particolarmente evidenti. Tutto questo per dire che non bisogna farsi ossessionare dalla perfezione né lasciarsi ingannare da ciò che veicolano i social. L'inno di Giulia è lo stesso di Jess e di tantissime altre ragazze note in rete, come Monique Schreiber, vera e propria paladina social della skin positivity, che ha decretato il suo successo sia su Instagram che su TikTok realizzando contenuti a tema. Anche lei combatte con l'acne e da diverso tempo documenta i suoi periodici miglioramenti e peggioramenti sui social, spronando le ragazze a non vergognarsi del proprio aspetto e a non lasciarsi sopraffare dalle insicurezze.