Completo verde, camicia celeste, cravatta a righe sui toni dell’ocra e maxi occhiali neri, è così che si è presentato Achille Lauro alla sfilata Gucci della collezione Autunno/Inverno 20-21 di Alessandro Michele. Reduce dal successo mediatico riscosso al Festival di Sanremo, era tra gli ospiti più attesi della seconda giornata della Milano Fashion Week, che ha avuto inizio martedì 18 febbraio e che si concluderà lunedì 24. Al suo fianco, il chitarrista e amico di sempre, Boss Doms che ha optato anche lui per un look più classico, completo giallo tenue, camicia azzurra, cravatta nera e maxi catena per gli occhiali da sole.

Si consolida, ancora una volta, il legame professionale tra il cantane e il direttore artistico della casa di moda italiana. Per le cinque serate del festival di Sanremo, infatti, è stato proprio Alessandro Michele, designer visionario della griffe fiorentina, a compiere un vero e proprio disegno artistico sulla figura di Achille Lauro. Da San Francesco a Ziggy Stardust, dalla Marchesa Luisa Casati Stampa alla regina Elisabetta I Tudor. Fischiato sul palco e criticato fuori, Achille Lauro incarna alla perfezione lo stile di Alessandro Michele, considerato l’enfant terrible della moda di oggi: irriverente e sopra le righe, non ha paura dell'effetto shock, lo stesso che ha voluto scatenare dal palco dell'Ariston. Il colpo di scena non è mancato neppure in questa seconda giornata della Milano Fashion Week, proprio grazie alla sfilata/spettacolo di Gucci che ha reso visibile l'invisibile, portando in scena ciò che di solito resta solo nel backstage, Lauro si è presentato in una versione elegantissima, tornando a degli abiti "normali" ma allo stesso tempo iper sofisticati e glamour.