5 Giugno 2021
15:14

Victoria dei Maneskin da piccola si vestiva da maschio: “Gli stereotipi ci fanno sentire sbagliati”

La conosciamo in qualità di bassista dei Maneskin, la band del momento, ma chi era Victoria De Angelis prima di diventare famosa e di calcare palcoscenici importanti? La 21enne ha nel suo passato episodi di attacchi di panico, dovuti alle sue tante paure e insicurezze. È riuscita a liberarsene lavorando su se stessa, ma anche grazie alla musica e alle persone care.
A cura di Giusy Dente
Victoria De Angelis, Eurovision Song Contest 2021
Victoria De Angelis, Eurovision Song Contest 2021

Oggi i Maneskin sono sulla bocca di tutti, ben oltre i confini italiani. Chi all’epoca del loro debutto a X-Factor pensava fossero un fenomeno passeggero si è di certo dovuto ricredere. La band ha lavorato sodo in questi anni e la recente vittoria al Festival di Sanremo è valsa loro la possibilità di rappresentare l’Italia all’Eurovision Song Contest. Grazie al primo posto ottenuto anche qui, la competizione canora ha visto trionfare a distanza di decenni il tricolore italiano, portando la musica del gruppo all’attenzione europea. Damiano, il frontman, ha una fortissima presenza scenica, sguardo magnetico e voce penetrante: sul palco entra in sintonia perfetta con gli altri membri del gruppo, regalando esibizioni di grande impatto. E di certo il merito va anche ai loro look così fuori dagli schemi, a quella moda genderless che anche grazie a loro non fa più paura. Ad accompagnare Damiano ci sono in chitarrista Thomas Raggi, il batterista Ethan Torchio e la bassista Victoria De Angelis.

Nel passato di Victoria De Angelis gli attacchi di panico

Victoria è l'unica donna della band: 19 anni, origini danesi, piercing al naso, lunghi capelli biondi e occhi azzurri e un atteggiamento decisamente rock! Il traguardo raggiunto assieme alla sua band è il frutto di un lavoro di anni, di una gavetta cominciata per le strade di Roma quando era neppure maggiorenne. Nel tempo ha acquisito sempre più confidenza col palcoscenico, ha affinato la sua tecnica e questo ha fatto sì che riuscisse a padroneggiare situazioni di grande stress, come X-Factor, Sanremo, l’Eurovision Song Contest, tutti contesti decisamente importanti e che generano pressione. Un tempo forse non sarebbe stata in grado di fronteggiare queste dinamiche. Nel suo passato, infatti, ci sono attacchi di panico che scaturivano dalle sue paure, dalle sue insicurezze, dal suo sentirsi inadeguata nel mondo e in difficoltà con le persone.

Victoria De Angelis, Sanremo 2021
Victoria De Angelis, Sanremo 2021

La sicurezza che può vantare oggi deriva dal dolore sperimentato da adolescente, quando era stata come inghiottita in una voragine buia da cui però è riuscita a riemergere, più forte di prima. A Elle Victoria De Angelis ha raccontato: "Ero una ragazza spensierata, a 14 anni mi sono ritrovata a non voler più uscire di casa, ho perso un anno di scuola. C’era qualcosa di rotto in me e non sapevo come ripararmi". Queste situazioni, purtroppo, vengono spesso vissute con disagio e vergogna, si tende a isolarsi e allontanare anche le persone care, che invece potrebbero essere d’aiuto: "Prima me ne vergognavo, ora non ho più bisogno di nasconderlo. Ne sono uscita grazie a una terapia, alla famiglia e agli amici, ma è comunque da sola che impari a gestire certe voragini". Ora che sa di poter contare innanzitutto su se stessa e poi anche sulle persone di cui ha scelto di circondarsi, Victoria è una persona nuova: "Le cose che mi fanno più soffrire ho imparato a non mascherarle".

Victoria De Angelis, Che Tempo che fa 2018
Victoria De Angelis, Che Tempo che fa 2018

La bassista dei Maneskin si è liberata dei suoi fantasmi

Incontrare Damiano, Thomas e Ethan sicuramente è stato di grande aiuto per Victoria, che così ha avuto modo di esprimere se stessa in modo più autentico anche dal punto di vista dell'abbigliamento. Da bambina si era sentita molto più in gabbia sotto questo punto di vista: "Soffrivo di certe rigide distinzioni tra maschile e femminile. A 6 anni avevo proprio il rifiuto per tutte le cose da bambina: facevo skate, tenevo i capelli corti, mi vestivo da maschio. Non indossavo gonne, non perché non mi piacessero, ma per reclamare la chance di essere me stessa. Il rock ha incarnato quello slancio di libertà" ha spiegato la 21enne. Lei ha sempre avuto un rapporto controverso con gli stereotipi: "Ci fanno sentire sbagliati, da piccola mi facevano tanta rabbia. Ora sono più serena, forse perché ho imparato a circondarmi di persone aperte".

Victoria De Angelis, Sanremo 2021
Victoria De Angelis, Sanremo 2021

E infatti a ogni concerto, ogni esibizione i Maneskin si contraddistinguono per le loro provocazioni di stile, che dimostrano quanta voglia ci sia di libertà e autodeterminazione, fuori da canoni tradizionali e modelli rigidi. Quando non è sul palco, però, Victoria ama stare anche comoda e struccata, perché makeup e vestiti per lei non sono più maschere dietro cui nascondere le insicurezze: "Mi aiutano a sentirmi meglio con me stessa, più figa, ma ho periodi in cui vorrei stare in tuta e basta. In quei casi cerco di darmi forza, ricordare che puoi trascorrere una bellissima giornata anche struccata e coi capelli in disordine". Nonostante la sua giovane età Victoria è una persona molto consapevole, che ha imparato a guardare se stessa con occhi sinceri, unico modo per essere sinceri anche nei confronti degli altri.

Victoria dei Maneskin indossa il top con le ascelle pelose: il nuovo look è da regina “queer”
Victoria dei Maneskin indossa il top con le ascelle pelose: il nuovo look è da regina “queer”
Damiano dei Maneskin con la gonna piace: abbatte gli stereotipi legati alla mascolinità tossica
Damiano dei Maneskin con la gonna piace: abbatte gli stereotipi legati alla mascolinità tossica
Victoria dei Maneskin da bambina con borchie e catene: "Sono sempre stata una rockstar"
Victoria dei Maneskin da bambina con borchie e catene: "Sono sempre stata una rockstar"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni