21 Settembre 2012
01:36

Settimana della Moda di Milano day#2

Si conclude anche il secondo giorno di Milano Moda Donna. Ecco gli abiti più belli proposti dai grandi stilisti italiani per la Primavera/Estate 2013.
A cura di Marco Casola

Dopo le sfilate del primo giorno della Milano Fashion Week si è conclusa anche la seconda giornata della manifestazione, un second day ricco di splendidi show all'interno dei quali sono state presentate le collezioni donna per la Primavera/Estate 2013. Oltre alle creazioni di Emporio Armani, hanno brillato in passerella gli abiti di grandi nomi del fashion system italiano, come Prada, Ermanno Scervino, Blugirl di Blumarine, Max Mara, Krizia e Jo No Fui.

La collezione etno chic di Ermanno Scervino  – I colori e i ricami intagliati nei tessuti sono stati il clou della collezione di Scervino. Splendide nuance colorano mini dress con frange e ruches dal sapore etnico, lunghi abiti con dettagli in pizzo e top con decori originali. Il black and white degli ultimi capi mostrati sul catwalk ha completamente sovvertito le "regole" iniziali con i disegni geometrici sui tubini stretch in nero e con i decori ricamati su giacche e gonne. Altissimi platform e orecchini con pietre lucenti completano il look della donna etno chic firmata Ermanno Scervino.

La donna soldato di Max Mara – Il brand propone in passerella una donna soldato che indossa abiti perfetti per sopravvivere ad una giungla urbana. La femme pensata da Max Mara è moderna e decisa, non ha tempo per i vezzi femminili ma non vuole rinunciare ad un capo chic e ricercato. Le forme basic di ogni abito sono impreziosite con tessuti lucenti come il satin. Gonne longuette, abiti a portafoglio e tute sono i pezzi forti dell'intera collezione. I colori sono scuri: si va dal nero al grigio antracite, passando per nuance di verde militare, beige e ocra.

La ninfa dei boschi di Blugirl – La donna che veste Blugirl è un'eterna bambina che ama giocare tra i prati e sogna di essere una fata vestita di fiori. Nei capi in stile naif pizzi, merletti e trasparenze sono esaltati da applicazioni floreali e da tenui colori pastello. Cappelli in paglia, corone di fiori e stringate con maxi tacco e plateau completano il look neo romantico creato da Anna Molinari.

La rivoluzione dello stile di Prada – Miuccia Prada ancora una volta sovverte completamente le regole della Moda presentando una collection al di là di ogni schema, con abiti ed accessori inconsueti ed originali. Per la P/E 2013 la stilista ha creato capi che non seguono le tendenze di stagione, propone infatti in passerella bluse, cappotti e pochette in pelliccia, abiti dalle linee rigorose e dai colori scuri decorati esclusivamente con semplici fiori in bianco e rosso. Le scarpe non hanno mezze misure riguardo all'altezza e alle forme: enormi zeppe con para in legno si contrappongono a stivaletti in pelle raso terra simili ad un calzino, tutti i modelli sono particolarmente semplici o estremamente originali. Questa è l'anima di Prada, una Maison che in ogni fashion show più che semplici abiti propone un'idea, un concetto che molti altri presto o tardi imiteranno.

La stone collection di Krizia – Krizia nella collection primaverile osa con colori scuri come il nero e il marrone accostati ad un bianco accecante. Saltano all'occhio gli abiti decorati con enormi pailettes, cucite come fossero ali di farfalla su candidi mini dress, e i tubini scollati, impreziositi da pietre nere. La donna firmata Krizia è dinamica e moderna, vuole essere comoda senza però rinunciare alla sensualità di uno scollo profondo o di un capo attillato.

Lo stile folk glam di Jo No Fui – Il brand tutto italiano per questa stagione primaverile sceglie di mixare due stili completamente diversi, proponendo in passerella outfit folk, con fantasie etniche cucite su shorts e giacche, e look glamour, con abiti ricoperti di paillettes e glitter lucenti. Il brand riesce a proporre un mood del tutto nuovo in cui capi ed accessori sportivi si mescolano con creazioni molto eleganti, componendo outfit perfetti per una donna moderna e dinamica che non ha paura di sperimentare.

Il bianco e le trasparenze di PORTS 1961 – Il marchio sceglie uno stile basic, proponendo in passerella modelli semplici in total white, intervallati da capi in nuance accese e con tagli asimmetrici. Tutta la collection è basata su un gioco di sovrapposizione e contrapposizione di tessuti e forme diverse, sotto il cotone e la seta spuntano dettagli in pizzo e velo trasparente, gli spacchi e le linee squadrate si accostano ad orli tondeggianti e a profondi scolli a V.

Anche il secondo giorno della Settimana della Moda di Milano è finito. Donna Fanpage continuerà a seguire tutte le sfilate della manifestazione proponendovi ogni giorno il meglio delle collezioni per la Primavera/Estate 2013.

Settimana della Moda di Milano P/E 2021: va in scena la prima fashion week in digitale
Settimana della Moda di Milano P/E 2021: va in scena la prima fashion week in digitale
Milano Fashion Week A/I 21-22: Valentino chiude la Settimana della Moda con le sfilate digitali
Milano Fashion Week A/I 21-22: Valentino chiude la Settimana della Moda con le sfilate digitali
Le zeppe sono tornate di moda: sulle passerelle di Milano sfilano le scarpe anni '70
Le zeppe sono tornate di moda: sulle passerelle di Milano sfilano le scarpe anni '70
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni