Il 25 novembre è  la Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne. La ricorrenza è stata creata dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite per sensibilizzare l'opinione pubblica su un tema scottante ma spesso sottovalutato. A oggi ben una donna su 3 sarebbe vittima di violenze, abusi, disparità di trattamento, ma il più delle volte la cosa non viene denunciata per paura che possa avere ripercussioni ancora più gravi sulla propria vita privata. Non bisogna credere però che solo le percosse e le violenze fisiche, che lasciano dei segni sul corpo, devono essere considerate le uniche forme di violenza esistenti verso il genere femminile, la verità è che molte donne, purtroppo, sono costrette a subire molestie e a vivere in un continuo stato d'ansia sempre, in casa, in strada, sul posto di lavoro. La loro "colpa"? Semplicemente quella di essere donne. Fare un fischio a una ragazza che cammina in strada, essere troppo insistenti nei tentativi di conquista, chiamarla "mestruata", anche queste sono piccole forme di violenza nei confronti delle donne. Ecco 10 "violenze" a cui molte devono sottostare nella vita quotidiana.

1. "Sei isterica hai le tue cose?"– A quale donna non è mai capitato di essere chiamata "troia", "isterica", "mestruata", anche senza motivo? Spesso le rappresentanti del sesso femminile sono costrette ad ascoltare offese e a subire abusi linguistici semplicemente perché hanno indossato una gonna, perché si sono arrabbiate o perché hanno cambiato idea all'ultimo momento. Spesso le parole riescono a creare veri e propri traumi tanto quanto i gesti.

2. Fischi e apprezzamenti fisici – Non c'è nulla di più umiliante per una donna del ricevere un fischio in strada mentre cammina da sola. E' la dimostrazione del fatto che quell'uomo l'ha guardata dalla testa ai piedi, considerandola come un oggetto da apprezzare o disprezzare a piacimento. E' inaccettabile che una donna non sia libera di passeggiare sola senza essere costretta a ricevere apprezzamenti non richiesti quando indossa un tacco più alto o una gonna corta.

3. Credere che i meriti professionali siano dovuti a prestazioni sessuali – E' inutile negarlo, quando una donna di bell'aspetto riesce a raggiungere un importante traguardo lavorativo, si pensa subito a delle presunte prestazioni sessuali rivolte al suo capo che le hanno permesso di ottenere quella posizione. Per quale motivo risulta così tanto assurdo credere che una rappresentante del sesso femminile possa essere brillante e talentuosa? Sentire delle accuse simili per una donna è davvero umiliante e frustrante.

4. Battute e apprezzamenti sul lavoro – Andare in ufficio per una donna può diventare un vero e proprio incubo, soprattutto quando è costretta a subire apprezzamenti da parte di colleghi particolarmente avvezzi a commenti e battutine. Anche se non arrivano a vere e proprie molestie, quelle battute spesso sono sufficienti per rendere l'atmosfera tesa.

5. Se indossi una gonna troppo corta te la sei cercata – Una delle cose che i rappresentanti del sesso maschile non riescono proprio a capire è che spesso le donne amano vestirsi sexy e provocanti semplicemente per vanità e non perché hanno voglia di essere lascive con la prima "preda" che gli capita davanti. Nonostante ciò, quando mettono le gambe o il décolleté in mostra, ci sono elevate probabilità che vengano additate come delle poco di buono, anche se non hanno fatto nulla per essere considerate tali.

6. Una donna attraente non può essere intelligente – Per quale motivo una donna attraente non può essere anche intelligente? Si tratta di un luogo comune così radicato nella società odierna che si guarda sempre con sospetto a una rappresentante del sesso femminile di bell'aspetto, convinti del fatto che non sia particolarmente dotata mentalmente. Dover dimostrare a tutti i costi le proprie qualità, però, a lungo andare può diventare davvero frustrante.

7. Essere eccessivamente gelosi – La gelosia è una delle forme di violenza peggiori che una donna possa subire. Controllo eccessivo, accuse di infedeltà infondate, comportamenti ossessivi, non solo rovinano la relazione ma finiscono per rendere la vita della vittima impossibile, visto che si ritrova a vivere in un continuo stato d'ansia per qualcosa che non ha fatto.

8. Seguirla mentre torna da sola a casa di notte – Essere donna significa anche provare una paura immensa quando si torna a casa da sole durante la notte. Alcuni uomini lo sanno bene ma non per questo evitano di inseguirle nella speranza di conoscerle o conquistarle. Anche se il più delle volte non succede nulla, la semplice preoccupazione che possa accadere qualcosa di brutto è una forma di violenza poiché preclude alcune scelte e impedisce di essere indipendenti.

Combattere i casi di violenza sulle donne è possibile.

Negli ultimi anni sono stati fatti dei passi da gigante quando si parla di parità tra i due sessi. Le donne sono sempre più emancipate, indipendenti e hanno dimostrato che non hanno nulla da invidiare agli uomini. Hanno raggiunto questi grandi traguardi solo grazie alla loro forza e alla loro determinazione ma, nonostante ciò, i numeri parlano chiaro: sono ancora troppi i casi di abusi e femminicidio e, se si contano anche quelli non denunciati, la cifra sale in modo esorbitante. E' chiaro dunque che c'è ancora tanta strada da fare per mettere fine a una simile piaga sociale ma per riuscirci è fondamentale partire dalle piccole cose. Stare attenti alle parole che si usano, evitare di giudicare una donna dall'aspetto, non sostenere delle idee antiquate e sessiste, sono solo alcune dei cambiamenti che ognuno di noi può fare nella quotidianità. La donna non è un oggetto che l'uomo può usare a suo piacimento ed è arrivato il momento di affermarlo con forza in una società ancora troppo patriarcale.