Meghan Markle è in Africa con il principe Harry e il piccolo Archie per il tour ufficiale del paese e da diversi giorni appare spesso in pubblico, incantando tutti con i suoi outfit. Se fino a qualche tempo fa è stata spesso criticata per la sua passione per il lusso sfrenato, oggi sembra aver "cambiato registro", tanto da puntare spesso su look riciclati e low-cost proprio come la cognata Kate Middleton. Tra abiti dalla fantasia etnica, chemisier e ballerine, è riuscita lo stesso a essere considerata una vera e propria icona di stile.

La vera star del viaggio, però, è il piccolo Archie, apparso ieri per la seconda volta in pubblico con l'adorabile salopette a righe firmata H&M che in pochissime ore è andata a ruba. Giorno dopo giorno somiglia sempre più a papà Harry, in pochi mesi è cresciuto moltissimo e lo sa bene la Duchessa del Sussex che, in occasione della visita all'associazione mothers2mothers, che supporta le madri con l'HIV, ha deciso di donare alcuni degli abiti che non gli entrano più. È partita da Buckingham Palace con un borsone pieno di tutine e capi da bambino, alcuni dei quali mai usati, e ha pensato bene di regalarli ai più bisognosi.

"Archie cresce velocemente, tantissimi abiti non riuscirebbe mai neppure a metterseli. Ci sono cose di ogni genere lì dentro. È fantastico poterle condividere con altre famiglie, roba di casa mia che può essere d’aiuto per altre persone. Ti dà il senso della comunità", ha dichiarato felice la principessa. Insomma, sembra proprio che Meghan abbia detto davvero addio al lusso e ha dimostrato di sostenere sempre con forza i progetti benefici. Del resto, cosa avrebbe dovuto farsene di decine e decine di tutine diventate già troppo piccole per il figlio?