Meghan Markle e il principe Harry sono volati in Africa con il piccolo Archie per il tour del paese e da diversi giorni appaiono innamoratissimi pubblico, anche se fino ad ora hanno preferito lasciare il figlio lontano dai riflettori. Ad attirare le attenzioni dei sudditi, però, non possono che essere i look sfoggiati dalla principessa che, forse per evitare ulteriori critiche sulla sua passione per il lusso, ha deciso di "risparmiare" e di prendere ispirazione dalla cognata Kate Middleton, puntando tutto su look riciclati e low-cost.

Meghan Markle ricicla due look del viaggio in Australia

Se per l'arrivo in Africa aveva puntato su un abito etnico da poco più di 70 euro e nelle ore successive aveva proposto un vestito celeste "già visto" durante il viaggio in Australia e nuova Zelanda, anche negli ultimi giorni Meghan ha rispolverato dei vecchi capi. Per la visita a Monwabisi Beach ha optato per una giacca di jeans firmata Madewell, già indossata nell'aprile 2017, mentre per un incontro al Residence of the British High Commissioner si è rivolta ancora una volta al guardaroba del viaggio in Australia, sfoggiando il maxi dress a righe di Martin Grant, lo stesso scelto lo scorso anno durante i primi mesi di gravidanza.

Hijab e abito da quasi 300 euro per la visita alla moschea

L'unica eccezione la Markle l'ha fatta per entrare all'interno della moschea Auwal. In occasione di un evento simile non ha potuto fare a meno di coprirsi il capo con uno hijab bianco, abbinandolo a un abito chemisier verde militare firmato Staud, caratterizzato da una gonna molto ampia alla caviglia e un corpetto con le maniche corte. Quanto costa? 325 dollari, ovvero circa 295 euro. Per completare il tutto ha evitato i tacchi, optando per delle ballerine color nude di Sam Edelman da 300 dollari, dunque più di 270 euro. Insomma, anche se ha scoperto di avere un'innata passione per il low-cost e il riciclo, di tanto in tanto Meghan continua a concedersi qualche lusso in fatto di look. Quali saranno le sue prossime scelte di stile?