Ogni anno, con l’inizio del mese di dicembre, è sempre la stessa storia. “Manca poco al Natale”; “a Natale puoi”; “si è più buoni a Natale?”, “oddio, i regali di Natale”; “Natale con i tuoi…aiuto”. Quella che dovrebbe essere la festa più felice dell’anno, si trasforma spesso e volentieri in un vero e proprio incubo, che affrontiamo con lo stress di chi si riduce all’ultimo secondo per terminare i preparativi di addobbi, alberi, cene e sorprese, e con l’ansia di dover strafare semplicemente perché è Natale. E non vediamo l’ora di svegliarci e lasciarci tutto alle spalle. In verità, arrivare rilassati e senza preoccupazioni al giorno della vigilia è possibile: basta non farsi trovare impreparati seguendo alcuni facili consigli che possano farvi davvero assaporare tutta la magia delle festività.

Se quest’anno “non ti sembra Natale” comincia dagli addobbi

Per sentire davvero l’atmosfera natalizia ed entrare nel mood delle festività bisogna cominciare ad addobbare con luci, candele e Babbi Natale di carta qualsiasi luogo in cui trascorriate più di qualche ora: la casa (bastano anche una o due stanze), la postazione a lavoro, il banco di scuola e persino la macchina. Insomma, tutto deve brillare a intermittenza, meglio se accompagnato da una melodia simpatica in sottofondo, che ovviamente non provochi l’effetto contrario, cioè quello di farti impazzire. In questo modo, non avrai neanche il tempo di pensare che “quest’anno non sembra nemmeno Natale”. Ovviamente, non dimenticare l’albero: ti serve necessariamente un abete per accogliere i regali fatti e quelli da ricevere. Non importa quanto grande e quanto bello sia, se vero o finto, l’importante è averlo. E, soprattutto, riempirlo.

Basta dire bugie: solo il regalo perfetto salverà il tuo Natale

È inutile ripetere a chiunque che qualsiasi regalo riceverai ti renderà felice. D’altronde, ti hanno sempre detto che a Natale si può tutto e che non esiste momento più magico dell’anno per realizzare i tuoi sogni. Comincia, allora, dall’essere chiaro su ciò che vuoi trovare sotto l’albero. Guardati intorno, fai una lista da condividere con il tuo Babbo Natale di turno, chiudi gli occhi ed esprimi il tuo desiderio. Quest’anno, poi, sarà più facile realizzare la wishlist. Pandora ha infatti lanciato una nuova funzionalità sul sito ufficiale per l’invio di consigli d’acquisto digitali per ricevere il gioiello dei propri sogni. Utilizzarla è facilissimo: basta scegliere l’anello, il charm o la collana preferita e inviare istantaneamente una e-mail o un sms al proprio partner, accompagnandolo con un messaggio personalizzato. Di certo, in questo modo, nessuno rimarrà deluso. E tutti vivranno le feste felici e contenti.

“Pancia mia fatti capanna” ma non prima della vigilia

Anche chi non è molto favorevole al Natale lo aspetta per una cosa sola: le abbuffate in tavola. Bando ai piagnistei e ai sensi di colpa. Si deve poter mangiar tutto, senza pensare alla forma e ai sacrifici da fare. Per questo ti conviene cominciare quanto prima con l’operazione detox. Fai incetta di frutta e verdura qualche giorno prima della vigilia, con pochi carboidrati e il giusto equilibrio di proteine, cerca di dedicare un po’ del tuo tempo all’attività fisica e bevi molto. Tutti questi sforzi saranno pienamente ripagati: tacchini ripieni, torroni, pandori e panettoni ti aspetteranno e ti aiuteranno a rendere meno pesanti gli appuntamenti a tavola con i parenti.

Parenti serpenti? Usa la fantasia

“Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi” recita uno dei proverbi italiani più conosciuti. Ma questa consuetudine può nascondere numerose insidie. Dagli zii criticoni alle suocere ficcanaso, il pasto di Natale può risultare davvero indigesto. Per non parlare delle tombolate forzate che diventano in molti casi un interrogatorio di terzo grado sui propri successi e fallimenti. Se vuoi preservare i tuoi nervi e trascorrere le feste solo con le persone a cui tieni davvero usa la fantasia. “Sto male” è la scusa che funziona sempre per disertare i banchetti natalizi, ma puoi anche dire che sei con la famiglia del tuo partner, che devi partire per un viaggio che hai ricevuto in regalo o, peggio ancora, che devi lavorare. D’altronde, a Natale si può tutto. L’importante è pensarci con anticipo e arrivare preparati al momento della verità.