Ricci, onde vintage, stlyling rock e spettinati: la Milano Fashion Week lancia le tendenze hair per il prossimo autunno – inverno. I capelli riportano in primo piano le acconciature storiche del passato, da quelle indossate dalla First Lady più famosa di sempre, Jackie Kennedy, a quelle portate sullo schermo dall'attrice francese Capucine negli anni '50. A Milano però c'è anche spazio per look più semplici e minimal, dal liscio imperfetto e spettinato perfetto da copiare per il look quotidiano al riccio afro, vaporoso e strutturato.

Capelli vintage: le onde retrò

Dalle passerelle della Milano Fashion Week il richiamo ai look vintage è forte e chiaro. Ispirazioni anni '60, con onde morbide e sinuose, estremamente eleganti. Sulla passerella di Moschino sfila una moderna Jackie Kennedy, con capelli vaporosi, dalle onde perfette e con le punte rivolte verso l'alto. Un look vintage con un ciuffo laterale che all'occorrenza può essere anche fermato con una forcina. I look delle modelle di N.21 sono ispirati alle majorette: Alessandro Dell'Acqua ha scelto uno styling rebel chic, con acconciature caratterizzate da onde sinuose che si fondono con uno stile punk. Il risultato è un look in perfetto stile new wave, che a tratti viene declinato anche nella versione wet con look dall'effetto bagnato. La donna di Les Copains è ispirata al fascino dell'attrice francese Capucine: capelli vaporose, onde morbide, e raccolti eleganti d'ispirazione vintage.

In passerella il liscio spettinato

Il liscio perfetto è bandito: la prossima stagione autunnale vedrà come protagonista un incontro tra liscio e mosso, dallo styling spettinato. Niente lisci perfetti né onde impeccabili, bensì un mix tra i due look che crea uno styling sbarazzino ed easy chic. Il capello lungo è rigorosamente portato sciolto, preferibilmente con la riga centrale. I capelli non sono quasi mai piatti, ma la radice presenta un movimento leggero. Sulla passerella di Genny vediamo capigliature vaporose e spettinate, con frange o scriminature centrali che portano le ciocche laterali a incorniciare il volto. Luisa Beccaria sceglie invece l'essenziale, con un liscio minimal dove una leggera onda ad effetto naturale si insinua nelle lunghezze. Gucci punta sulla raffinatezza, scegliendo di creare un movimento leggerissimo sulle lunghezze, dove onde appena accennate creano uno styling semplice ma raffinato. Sulla passerella di Max Mara le modelle hanno l'animo rock: i capelli lisci sono pettinati all'indietro attraverso dei torchon non troppo precisi né definiti che scoprono il viso, creando un semi raccolto vaporoso.

Il riccio definito e afro

A Milano c'è spazio anche per il riccio: definito, curato e preciso, in perfetto stile afro. Viene portato in passerella da Alberta Ferretti, Emilio Pucci e Fendi, che puntano l'attenzione su volumi e strutture. Il riccio è preciso, ordinato e perfetto: le chiome sono vaporose, il ricciolo è piccolo e definito, a tratti scende sulla fronte per un look più sbarazzino, altre volte è strutturato in un perfetto styling afro. Il mood di questo look sembra casuale ma non lo è: ogni sfumatura del taglio è curata nel minimo dettaglio, così come la struttura dello styling.