Quella che noi comunemente chiamiamo acqua ossigenata è in realtà perossido di idrogeno, una sostanza liquida e incolore. Possiamo trovarla in commercio in soluzione acquosa e in diverse concentrazioni definite "volumi" che stanno ad indicare quanti litri di ossigeno può sviluppare 1 litro di acqua ossigenata. Quella che comunemente utilizziamo come antisettico per piccole ferite o escoriazioni, è acqua ossigenata a 10 volumi con concentrazione del 3% e che può avere diversi usi utili al nostro benessere e alla nostra bellezza, utilizzando il prodotto nel modo giusto e con le dovute precauzioni. I volumi dell'acqua ossigenata possono arrivare fino a 130 ma, in quel caso, parliamo di usi diversi, non destinati alla cura della persona. Vediamo allora in quanti modi, anche alternativi, possiamo utilizzare l'acqua ossigenata.

Proprietà e usi dell'acqua ossigenata

L'acqua ossigenata al 3% (10 volumi) è principalmente un buon antisettico ed è l'unica concentrazione che, utilizzata in modo consapevole, può essere utile per la cura della persona. Vediamo come!

Disinfetta il cavo orale e sbianca i denti: l'acqua ossigenata può essere utilizzata come colluttorio per disinfettare il cavo orale. Il consiglio è di diluire un cucchiaio di acqua ossigenata in mezzo bicchiere d'acqua, da utilizzare però solo per qualche giorno e da ripetere di tanto in tanto o in caso di gengive irritate o afte. Due o tre gocce di acqua ossigenata sullo spazzolino da passare delicatamente su denti e gengive aiuta a combattere i batteri responsabili di placca e tartaro. Anche in questo caso da fare solo per brevi periodi e non tutti i giorni. Per donare un leggero effetto sbiancante ai denti è possibile creare una pasta mescolando 2 cucchiaini di acqua ossigenata a 3 cucchiaini di bicarbonato di sodio da passare sui denti prima di lavarli con il dentifricio. Da utilizzare al massimo una volta a settimana.

Aiuta a schiarire le macchie della pelle: spesso, soprattutto su viso, mani e braccia, compaiono delle macchie scure dovute all'avanzare dell'età o al sole. In questi casi l'acqua ossigenata a 10 volumi può essere un rimedio da provare: mettete un po' di acqua ossigenata sull'ovatta un po' bagnata dall'acqua, e passatela direttamente sulle macchie. Ripetete per alcuni giorni fino a che non si schiariscono. Sospendete se notate che la pelle si arrossa o si irrita.

Rimedio per combattere i brufoli: in questo caso facciamo riferimento a quei brufoli nei quali c'è anche presenza di pus e quindi di batteri. L'azione dell'acqua ossigenata, in questo caso, sarà quella di disinfettare e permettere alla pelle di ossigenarsi meglio evitando la formazione di altri brufoli. Applicate sul brufolo un batuffolo di cotone imbevuto di acqua ossigenata e lasciatelo agire anche tutta la notte.

Schiarisce le unghie ingiallite: a volte capita di ritrovarsi le unghie ingiallite, spesso a causa della nicotina. In questi casi l'acqua ossigenata può esserci d'aiuto. Mettete dell'acqua calda in un contenitore, aggiungete un cucchiaio di acqua ossigenata e lasciate le mani in questa soluzione per circa 10 minuti. Ovviamente le unghie devono essere pulite e senza smalto.

Schiarente per capelli: chi desidera schiarire un po' il colore dei capelli o creare delle leggere meches chiare può utilizzare l'acqua ossigenata in questo modo: se volete schiarire tutte la chioma, allora mettete l'acqua ossigenata a 10 volumi in un contenitore spray, che dovrà essere nuovo o perfettamente pulito, spruzzatela sui capelli bagnati e pettinateli lasciando agire per 30 minuti. Poi sciacquate con acqua fredda utilizzate un balsamo o una maschera nutriente. Se, invece, volete solo schiarire qualche ciocca, passate direttamente l'acqua ossigenata con un batuffolo di cotone. Per ottenere un risultato migliore, potete fare prima una prova su una ciocca più nascosta applicando sempre l'acqua ossigenata con un batuffolo di ovatta e lasciando agire per 30 minuti. In questo modo vedrete se l'effetto è quello che desiderate in modo da regolarvi con la quantità di acqua ossigenata da utilizzare.

Elimina cattivo odore dei piedi e previene le micosi: l'acqua ossigenata può essere un ottimo rimedio per fare un pediluvio utile sia per eliminare il cattivo odore dovuto all'utilizzo di scarpe chiuse tutto il giorno e dal sudore, sia per prevenire funghi e micosi, soprattutto per chi frequenta abitualmente piscine e palestre. Fate il pediluvio la sera diluendo in parti uguali acqua e acqua ossigenata, lasciate i piedi in acqua per almeno 10 minuti e asciugate bene.

Rimedio contro il raffreddore: quando abbiamo il raffreddore una delle sensazioni più fastidiose, che ci impedisce di respirare bene, soprattutto durante la notte, è il naso chiuso. Con l'acqua ossigenata possiamo eliminare questo fastidio. Diluite l'acqua ossigenata con l'acqua e, con un contagocce, inserite nelle narici 2 o 3 gocce di questa soluzione e poi soffiate il naso.

Pulire le orecchie e liberarle dall'acqua in eccesso: l'acqua ossigenata, diluita con l'acqua, può essere un'ottima soluzione sia per pulire l'orecchio mettendo qualche goccia della soluzione all'interno, con l'aiuto di un contagocce o di un batuffolo di ovatta, ma anche per liberare l'orecchio dall'accumulo di acqua soprattutto dopo aver nuotato.

In che modo l'acqua ossigenata disinfetta la pelle?

L'acqua ossigenata al 3%, quella che tutti abbiamo in casa, è un buon antisettico da utilizzare su piccole ferite o escoriazioni riuscendo a ridurre la carica batterica. È utile anche in caso di unghie incarnite, punture d'insetto, giradito. L'acqua ossigenata, a contatto con la pelle, libera ossigeno, per questo a volte si creano delle bollicine quando la applichiamo su una piccola ferita. In questo modo la ferita si pulisce eliminando anche i batteri. La sua azione però dura poco e non sempre è in grado di eliminare tutti i germi. Per questo, in alcuni casi, soprattutto quando si tratta di ferite profonde, è meglio utilizzare altri antisettici più specifici.

Altri usi dell'acqua ossigenata

Possiamo utilizzare l'acqua ossigenata anche per usi domestici e le concentrazioni, in alcuni casi, saranno più alte, da utilizzare quindi con più cautela, mettendo sempre i guanti.

Disinfettare le superfici: per avere un maggiore effetto disinfettante bisognerà utilizzare l'acqua ossigenata al 6% da diluire sempre con acqua, per disinfettare soprattutto le superfici di bagno e cucina. Fate sempre una prova su una piccola porzione di superficie per vedere se è resistente.

Pulire lo spazzolino: in questo caso andrà bene anche la concentrazione al 3%: aggiungete l'acqua ossigenata all'acqua tiepida e immergeteci lo spazzolino dalla parte delle setole, lasciandolo alcuni minuti e poi sciacquatelo bene prima di riporlo.

Elimina le macchie dai vestiti: spesso sui nostri capi ci ritroviamo macchie difficili da eliminare come, ad esempio, vino o sangue. In questi casi per eliminarle si dovrà utilizzare acqua ossigenata a una concentrazione del 10% da maneggiare con molta cautela: utilizzate i guanti e immergete il capo in acqua e acqua ossigenata lasciando in ammollo prima di lavarlo con il normale detersivo. Per essere sicuri che il materiale sia resistente fate una prova su una piccola parte di tessuto.

Utile contro la muffa: in questo caso per eliminare la muffa dalle pareti, quando si tratta di piccole superfici, possiamo realizzare una soluzione mescolando: 700 ml di acqua, 2 cucchiai di bicarbonato, 2 cucchiai di acqua ossigenata a 30 volumi e 1 cucchiaio di sale. Spruzzate la soluzione sulla zona interessata dalla muffa, lasciate agire e sciacquate. Proteggetevi con dei guanti.

Dove acquistare e quanto costa l'acqua ossigenata?

L'acqua ossigenata può essere acquistata al supermercato o in farmacia dove di solito troviamo le concentrazioni al 3% o al 6%. Come abbiamo già detto, per utilizzarla come disinfettare e per la cura della persona, bisogna acquistare l'acqua ossigenata al 3% in quanto, già al 6% può essere utilizzata solo per disinfettare superfici ma non può essere applicata sulla pelle. Il prezzo può partire da 1,50 euro in su, a seconda di volumi e formati. È importante tenere l'acqua ossigenata al riparo dalla luce e in un luogo asciutto.

Controindicazioni

L'acqua ossigenata, se usata in modo sbagliato, può provocare anche gravi danni in quanto è un prodotto, soprattutto in concentrazioni dal 6% in su, molto corrosivo. Importante è diluirlo sempre e seguire le indicazioni a seconda dell'utilizzo che ne dobbiamo fare, oltre a utilizzare guanti e protezioni. Per gli usi quotidiani utilizziamo quella al 3% ma teniamola comunque lontano dalla portata dei bambini.