Sai quando è giunto il momento di darci un taglio? Quando si tratta di andare dal parrucchiere siamo spesso indecise e rimandiamo più volte l'appuntamento con le forbici, spesso perché siamo affezionate ai nostri capelli lunghi e neghiamo l'evidenza, anche quando la nostra chioma ha bisogno di essere risistemata. Ci sono però dei segnali inequivocabili che indicano la necessità di tagliare i capelli: un modo per donare alla vostra chioma forma, lucentezza ed elasticità, ed avere una capigliatura bella e curata. Scopriamo allora quali sono i segni che non dobbiamo ignorare.

1.Se i capelli non prendono forma dopo il brushing

C'è chi decide di tagliare i capelli in base al calendario lunare, in quanto aiuterebbe ad avere una chioma più folta ma, aldilà delle influenza della luna, sulla nostra chioma ci sono dei segni evidenti, da non ignorare, per capire quando è il caso di darci un taglio. Uno dei primi segnali si presenta quando, dopo shampoo e brushing, i nostri capelli non riescono a prendere forma: risultano senza volume e non riescono a mettersi nella piega giusta, soprattutto quando sono sottili. Sulla fibra capillare, poi, le ondulazioni non reggono, e ci ritroviamo con capelli lisci e senza forma, pochi minuti dopo la piega.

2.In presenza di doppie punte

Se nonostante l'utilizzo di maschere, impacchi e prodotti specifici le punte rimangono secche, allora è giunto il momento di tagliare i capelli. Le punte secche, infatti, spesso si dividono in due, e si formano le antiestetiche doppie punte. La chioma risulta quindi sempre in disordine e trascurata: bisogna quindi passare all'azione e spuntare anche solo le parti rovinate, se non vogliamo cambiare look.

3.Capelli troppo secchi o rovinati

Quando i capelli sono secchi, risultano ruvidi al tatto e non sono più brillanti, significa che bisogna tagliarli. I capelli risultano inoltre più fini, si spezzano facilmente e non assorbono più i trattamenti che applichiamo: nonostante l'applicazione di maschere nutrienti. Ciò anche a causa di colorazioni, tinture, freddo o raggi del sole: bisogna allora donare nuova vita alla chioma con un taglio. Non esiste quindi la stagione giusta per darci un taglio, ma bisogna farlo quando ci accorgiamo che la nostra capigliatura è proprio in cattivo stato.

4.Quando la chioma risulta "svuotata"

Soprattutto se avete i capelli ricci e spessi, potreste notare uno svuotamento della massa, con la capigliatura che assume una particolare forma a triangolo. Ciò è segno che bisogna ricorrere al parrucchiere al più presto, per donare forma alla nostra chioma e avere un aspetto curato. Se non sistemiamo spesso il taglio, infatti, i capelli finiscono per diradarsi e le lunghezze per svuotarsi, dando alla capigliatura un effetto poco piacevole.

5. In caso di capelli fragili da rinforzare

Se notate che i vostri capelli hanno perso volume e vigore, potrebbe non trattarsi di caduta dei capelli, ma di una fragilità a pochi millimetri dalla cute, dovuta spesso al peso dei capelli lunghi che impediscono il ricambio nella crescita. Potrebbe anche verificarsi il cosiddetto "the web", modo in cui alcune beauty blogger inglesi chiamano quella sorta di ragnatela di piccoli capelli spezzati, che si drizzano in testa, e che diventano evidenti soprattutto quando facciamo la coda. Per rimediare a questa fragilità della fibra capillare, l'unica soluzione è tagliare i capelli per donare vitalità alla chioma: anche solo dare un taglio alle punte donerà la leggerezza necessaria.

6.Se avete voglia di combiamento

Un altro segnale da non sottovalutare, è la vostra voglia di cambiamento. In questo caso non si tratta quindi di un bisogno legato alla salute del capello, ma qualcosa che proviene da una spinta al rinnovamento, un'esigenza che viene da dentro e che bisogna seguire. Può essere dovuta alla voglia di rinnovare il look, magari dopo la rottura di una relazione o con l'arrivo di qualche evento importante nelle propria vita, o magari solo perché si ha voglia di novità: l'importante è assecondare questa voglia che farà bene alla chioma, oltre che all'umore.