La Paris Fashion Week è giunta al termine e sono state moltissime le Maison che hanno presentato le collezioni per la Primavera/Estate 2018, da Balenciaga che ha trasformato le Crocs in un accessorio glamour a Chanel che ha lanciato una provocazione con la sua borsa con il logo "spezzato". Ieri è stato il turno di Alexander McQueen, il brand britannico preferito da Kate Middleton, che ha mandato in passerella una donna elegante, sensuale e rock, rendendo omaggio alla femminilità in tutte le sue sfaccettature.

La collezione Primavera/Estate 2018 di Alexander McQueen

La collezione Primavera/Estate 2018 di Alexander McQueen è stata disegnata come al solito dalla direttrice creativa da Sarah Burton, che questa volta ha voluto rendere omaggio alla natura, in particolare al mondo dei giardini inglesi, con degli abiti ricoperti di fiori dai colori accesi. Trench in tessuto jacquard, giacche di taglio maschile, gonne plissé in organza, pizzi trasparenti, vestiti bustier, i capi riprendono i modelli indossati dall'aristocrazia britannica negli anni '50, anche se sono stati rimodernati e resi unici con stampe che si ispirano alle carte da parati dell'epoca vittoriana e cascate di  petali di papaveri e peonie. La donna mandata in passerella dalla Maison ha uno stile ricercato e di classe ma non dimentica di essere sexy, puntando su dettagli provocanti, rock e aggressivi. Gli abiti che indossa, seppure incredibilmente romantici, esprimono al meglio la delicatezza, la forza e la femminilità del gentil sesso.

Le scarpe diventano uno scrigno

A rendere la collezione estiva di Alexander McQueen davvero unica sono state le calzature, considerate il dettaglio che permette di completare il look in modo audace e sensuale. Le scarpe simbolo della linea sono degli stivaletti in vernice ispirati allo stile bondage con fibbie, applicazioni brillanti e dei tacchi in plexiglas che sono stati trasformati in veri e propri scrigni. Il motivo? Contengono fiori e perline colorate, caratteristica che aggiunge un tocco romantico all'outfit. Insomma, la stilista britannica ha voluto trasportare le sue modelle in un "sogno da indossare" attraverso gli abiti e gli accessori proposti in passerella.