Regali, buste, pacchetti di cartone, cenoni in famiglia e cibo in abbondanza sono tutte caratteristiche tipiche del Natale, divenuto ormai la festa più consumistica dell’anno. Tra il 24 dicembre e il 6 gennaio aumentano infatti in modo esponenziale i consumi e gli sprechi inutili che naturalmente non fanno affatto bene all’ambiente. Per rendere il Natale “ecosostenibile”, è necessario dunque mettere in pratica una serie di accorgimenti. Ecco i consigli per evitare gli sprechi natalizi.

1. Creare dei pacchetti con il fai da te – Tutti in casa abbiamo sicuramente cartoncini vecchi, sacchetti, giornali, cartine geografiche e fogli decorati che non si usano, perché non utilizzarli al posto della classica carta da regalo natalizia? Non solo si evitano gli sprechi, ma si risparmierà anche qualche euro. Come se non bastasse, il risultato sarà incredibilmente creativo.

2. Conservare il cibo nel modo giusto – Tra cene e pranzi natalizi, anche coloro che sono perennemente a dieta nella giornate di festa si condono qualche strappo alla regola. E’ importante però non sprecare il cibo e mettere in atto una serie di consigli per non farlo andare a male dopo qualche giorno. E’ bene dunque conservare tutto in frigo e consumare gli avanzi dal 27 dicembre in poi. Si potrebbe anche approfittare della cosa per fare un po’ di beneficenza.

3. Riciclare gli avanzi – Pranzi e cene gustose ed abbondanti sono praticamente un tradizione a Natale, anche se quasi nessuno riesce a mangiare tutto, dall'antipasto al dolce. E' importante dunque non buttare tutto quello che non riesce ad essere consumato, ma riciclarlo in modo creativo. Gli alimenti infatti possono essere "riciclati" per creare dei piatti unici ed "alternativi".

4. Fare la raccolta differenziata – A Natale, la raccolta differenziata e il riciclo non vanno in vacanza. La carta oleata, la carta forno, il cellophane che avvolge il pandoro vanno tutti nell’indifferenziata, mentre le confezioni di cartone che contengono gli alimenti vanno nella carta. I residui di cibo vanno invece nell’umido, mentre l’involucro di plastica degli affettati e di formaggi nella plastica. Insomma, anche durante le feste bisogna fare molta attenzione a tutto ciò che si getta nella spazzatura.

5. Conservare le buste natalizie – Solitamente, quando riceviamo un regalo, questo viene avvolto nella carta regalo e messo poi in una busta. Anche se si rovinano e si rompono leggermente, per evitare gli sprechi bisogna conservarle. Possono tornare utili per fare la spesa o semplicemente per buttare la spazzatura.

6. Non gettare carta regalo e nastrini – Il riciclo creativo è una moda molto diffusa negli ultimi tempi. Chi vuole un Natale ecosostenibile al 100% farebbe bene a non gettare neppure le carte regalo o i nastrini. Con un po’ di creatività possono essere utilizzate infatti per realizzare qualcosa di unico e di assolutamente singolare, come palline fai da te o alberi di Natale “alternativi”.

7. Ritrovare il vero senso del Natale – Volete un Natale davvero ecosostenibile? L'ideale è dimenticare ogni forma di consumismo e riscoprire il vero senso della festività. In fondo, è solo la celebrazione della nascita di Cristo, non c'è bisogno di fare regali costosissimi o pranzi esagerati, l'importate è essere circondati da affetto.