Milano Fashion Week all'insegna della semplicità, almeno per quanto riguarda gli hair style. In passerella hanno sfilato capelli lisci e raccolti semplici e sbarazzini.

Liscio perfetto per Versace con una leggera cotonatura sulla sommità del capo. Anche Emilio Pucci punta sul liscio ma con un hair styling più selvaggio con onde e volumi naturali per un perfetto look sbarazzino. Naturali anche i capelli delle modelle di CoSTUME NATIONAL, con riga centrale e piega caratterizzata da onde nature. Liscio sì, ma raccolto in una coda di cavallo molto bassa e super tirata ai lati del viso per Fendi che sceglie una riga laterale bassa e uno styling estremamente pulito. Gucci raccoglie le ciocche di caplli frontali puntandole sulla nuca creando un raccolto semplice e facile da ricreare anche a casa.

Bottega Veneta sceglie un mood pulito, con capelli pettinati sapientemente all'indietro con un look quasi wet e lucido mentre Ermanno Scervino punta su un everyday look con un morbido chignon con ciocche ribelli che rende lo stlying casual e sbarazzino. Look ribelle quello portato in passerella da Gabirele Colangelo che abbina ad una classica treccia sulla nuca uno styling più morbido con ciocche lasciate libere sui lati. Regina del look sbarazzino e imperfetto Uma Wang che sceglie un raccolto estremamente morbido con alcune ciocche voluminose e quasi arruffate. Più serioso e vintage lo styling di Alberta Ferretti con scriminatura centrale: morbido e raccolto dietro la nuca. Mascolino il look di Emporio Armani: capello corto e spettinato con ciuffi sulla fronte. Anche Iceberg punta su un hair styling à la garçonne raccogliendo i capelli in una coda di cavallo molto morbida che frontalmente ricorda un pixie cut.