Meghan Markle e il principe Harry hanno cambiato nuovamente casa, a causa dell'emergenza Coronavirus si sono trasferiti a Los Angeles, così da passare la quarantena con la mamma dell'ex Duchessa, Doria Ragland, anche se questo ha significato abbandonate temporaneamente l'enorme villa sull'isola di Vancouver in cui vivevano con il piccolo Archie fino a qualche giorno fa. Il motivo per cui hanno preso questa decisione in fretta e furia? Temevano che Donald Trump potesse chiudere i confini statunitensi da un momento all'altro, lasciandoli confinati nel paese del Nord America da soli. La cosa che non si aspettavano è che il Presidente si sarebbe scagliato contro di loro, annunciando pubblicamente che non avrebbe pagato per la loro sicurezza.

Il messaggio condiviso su Twitter ieri dal primo cittadino americano ha fatto il giro del web, costringendo i Sussex a reagire duramente per evitare di essere considerati degli "scrocconi" a livello internazionale. Come riportato dal DailyMail, infatti, un portavoce della coppia avrebbe dichiarato che il Duca e la Duchessa non hanno mai chiesto agli Stati Uniti delle risorse economiche per la sicurezza, visto che già prima del trasferimento avevano provveduto a stipulare degli accordi finanziari privatamente. Insomma, a quanto pare Trump ha un tantino esagerato: non avrebbe dovuto informarsi su una eventuale richiesta di protezione degli ex principi prima di dare comunicazioni ufficiali? Nel frattempo, Harry può tornare a dormire sonni tranquilli: a quanto pare il padre Carlo è uscito dalla quarantena ed è in buona salute. Pare proprio, dunque, che Meghan abbia fatto la scelta giusta quando ha obbligato il marito a non affrontare un lungo viaggio alla volta di Londra per sostenere la famiglia.