In occasione della Giornata mondiale della salute mentale il duca e la duchessa di Sussex hanno rilasciato un'intervista in cui Meghan Markle ha condiviso con il pubblico le difficoltà avute nel corso dell'ultimo anno. La decisione, presa insieme al marito, di divorziare dai Windsor le ha causato molti problemi: è stata vittima degli attacchi degli haters che in qualche modo l'hanno vista come un'arrivista, una manipolatrice desiderosa di allontanare il compagno dalla famiglia. In effetti a corte non era mai stata vista di buon occhio e lei stessa, c'è da dirlo, non è mai sembrata troppo intenzionata a rispettare l'etichetta e le ferree regole dei reali. Una di queste, ad esempio, vuole che siano neutrali politicamente e non diano alcun messaggio schierato, cosa che la Markle ha fatto proprio in occasione della suddetta intervista. E non è stata la prima volta.

L'abbigliamento della discordia di Meghan Markle

Meghan Markle ha rilasciato un'intervista per la realizzazione di un podcast sull'importanza della salute mentale, per sensibilizzare su quanto gli haters possano minarla profondamente. All'incontro non è passata inosservata la sua T-shirt, per due motivi. Innanzitutto si tratta di un capo low cost, ma soprattutto a destare attenzione è stata la stampa riportata sul davanti. Si tratta di tre iniziali (R.B.G) corrispondenti al nome del giudice della Corte Suprema recentemente scomparso Ruth Bader Ginsburg. La Ginsburg è stata una convinta femminista e ha combattuto tante battaglie accanto alle donne, contro le disparità di genere e la disuguaglianza. A nominarla in Corte Suprema nel 1993 era stato Bill Clinton. Il personaggio, insomma, ha notevoli risonanze di stampo politico, questioni in cui un membro della famiglia reale non dovrebbe mai entrare. Ai Windsor, infatti, è chiesta una grande neutralità politica: non bisogna mai far trapelare preferenze o giudizi, né schierarsi. La Markle invece attraverso il suo abbigliamento ha mandato un messaggio femminista molto forte, confermato anche con la citazione riportata sulla mascherina, altro riferimento alla Ginsburg. «When there are nine» è la frase che pronunciò per sensibilizzare sulla discriminazione di genere in politica, in risposta a chi le chiese: «Quando ci saranno abbastanza donne in Corte Suprema?». Sia la mascherina che la T-shirt sono in vendita su Etsy, rispettivamente a 14 e 21 euro.

Meghan Markle crea scandalo parlando di politica

Non è la prima volta che la duchessa si espone politicamente. Già aveva creato imbarazzo a Corte il discorso tenuto a settembre in occasione di un appuntamento televisivo. In quell'occasione aveva parlato in video delle prossime elezioni presidenziali in America, violando palesemente l'etichetta che impone neutralità alla famiglia reale. La Markle, infatti, si era lanciata in un invito al voto rivolto a tutti i cittadini, sollecitandoli a non mancare a un appuntamento così importante e a dire la propria, per cercare di cambiare le cose e rendere il mondo un posto migliore.