28 Maggio 2020
10:26

La principessa Beatrice parla della sua dislessia: “Da bambina credevo di non essere intelligente”

Beatrice di York sta passando la quarantena a casa del fidanzato e ha approfittato del tempo libero per lanciare un importante messaggio di forza. Ha rivelato di soffrire di dislessia e la cosa le ha creato non pochi problemi quando era bambina, visto che in alcuni momenti si è ritrovata a mettere in dubbio la sua intelligenza.
A cura di Valeria Paglionico

Questa settimana sarebbe dovuta essere davvero speciale per la principessa Beatrice di York, il 29 maggio avrebbe dovuto sposare Edoardo Mapelli Mozzi nella cappella di St. James's Palace ma purtroppo l'emergenza Coronavirus l'ha costretta a rimandare il matrimonio. Nonostante la cerimonia sia stata cancellata già lo scorso aprile, oggi si ritorna a parlare di lei. L'erede al trono britannico sta trascorrendo la quarantena in compagnia del fidanzato e dei suoceri nell'Oxforshire e ha approfittato del tempo libero per rilasciare una video intervista all'associazione charity Made by Dislexia. In una breve clip resa pubblica non ha avuto paura di parlare a cuore aperto della sua dislessia, il disturbo dell'apprendimento che ha rischiato di rovinarle l'infanzia. Nonostante abbia studiato in un lussuoso collegio in cui gli insegnanti hanno fatto il possibile per sostenerla e aiutarla, ha trovato non poche difficoltà nell'affrontare la quotidianità in modo normale.

Ai bimbi della sua classe venivano dati libri di colori differenti a seconda del loro livello di lettura e a lei era assegnata sempre una tonalità diversa rispetto a quella dei compagni. Le parole della principessa sono state:

Pensavo di non essere abbastanza intelligente, di non essere brava. Mi chiedevo: perché non sono come gli altri?. Se potessi tornare indietro oggi, a quella bambina direi: "Non lasciarti scoraggiare dai brutti momenti vissuti in classe o durante un esame. Sono lezioni di vita. La dislessia non è una cosa brutta. È una parte grandiosa dle modo in cui funziona il tuo cervello. Noi guardiamo il mondo in maniera differente. E per fare le cose troviamo soluzioni differenti. Siamo creativi e intraprendenti.

Princess Beatrice has shared a message about the support Helen Arkell Dyslexia Charity is providing during the current Coronavirus pandemic. Her Royal Highness has been patron of Helen Arklell Dyslexia Charity for a number of years. Beatrice was diagnosed with dyslexia when she was seven years old. Supported by the Helen Arkell Dyslexia Centre the Princess developed a ‘toolkit’ of skills which she had learned, and which she has continued to use over the years. She once said: “Dyslexia is not a pigeonhole to say you can’t do anything. It is an opportunity and a possibility to learn differently. Dyslexics have magical brains, they just process differently. Don’t feel like you should be held back by it.” ————— Beatrice’s top is by ZARA. #princessbeatrice #princessbeatriceofyork #fff #lfl #cfc #follow #like #comment #princess #york #princesseugenie #eugenie #beatriceofyork #royalfamily #edoardomapellimozzi #royals #britishroyals #britishroyalfamily #outfits #style

A post shared by Maria (@beatrice.of.york) on

Insomma, Beatrice di York ha lanciato un importante messaggio di forza e di coraggio: la sua speranza è che il titolo di principessa la aiuti a capovolgere gli stereotipi legati a questo disturbo che rischia di rendere la vita di milioni di bambini un inferno.

Le principesse di York da bambine: così Eugenie fa gli auguri di nozze alla sorella Beatrice
Le principesse di York da bambine: così Eugenie fa gli auguri di nozze alla sorella Beatrice
Royal Wedding in arrivo: la principessa Beatrice di York potrebbe sposarsi la prossima primavera
Royal Wedding in arrivo: la principessa Beatrice di York potrebbe sposarsi la prossima primavera
Niente regali alle nozze di Beatrice di York: la principessa chiede agli ospiti di fare beneficenza
Niente regali alle nozze di Beatrice di York: la principessa chiede agli ospiti di fare beneficenza
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni