Spesso la pasta viene bandita dalle diete: se vuoi perdere peso senza fatica infatti, dovresti limitare il consumo di carboidrati e il primo alimento ad essere eliminato è proprio la pasta, uno tra i cibi più amati e apprezzati soprattutto dalla popolazione italiana. Dal Giappone però arriva un'importante novità, che sarà apprezzata dagli amanti della pasta.

Le innovazioni arrivano sempre più spesso dall'Oriente, e questa volta i protagonisti della novità sono gli spaghetti. L'azienda giapponese Omikenshi infatti, ha creato i primi spaghetti creati interamente con la cellulosa vegetale, miscelando la cellulosa estratta dagli alberi con l'estratto vegetale estratto dalla radice di Konjac, nota anche come "Lingua del Diavolo". Questa radice è molto simile alla patata, cresce in Giappone ed è utilizzata anche per la realizzazione di un altro tipo di spaghetti tipicamente giapponesi, gli Shirataki. 

Miscelati i due ingredienti si ottiene una farina ricca di fibre, dalla quale vengono ricavati gli spaghetti. Questa particolare formulazione li rende adatti a chi sta seguendo una dieta: basti pensare che 450 grammi di questi spaghetti contengono solamente 27 calorie, mentre lo stesso quantitativo di spaghetti "normali" ne contiene ben 1.538. Poche calorie però non è sinonimo di pochi nutrienti: se i grassi e i carboidrati vengono ridotti al minimo, questi spaghetti sono ricchi di fibre e la radice di Konjac apporta al nostro organismo anche calcio, fosforo, ferro e zinco. Questa radice inoltre, apporta diversi benefici all'organismo: stimola l'assorbimento e la digestione delle proteine e allo stesso tempo mantiene l'intestino pulito.