Anche se nell'ultimo periodo è nata la folle tendenza di non radersi le ascelle, ogni donna lotta da sempre contro i peli superflui. La depilazione può essere uno dei momenti più dolorosi nella beauty routine di una donna, soprattutto quando si parla di alcune zone come l'inguine o le ascelle. Da qualche anno però sono arrivati i metodi di epilazione definitiva come laser e luce pulsata, e si possono fare anche a casa.

Che cos'è la luce pulsata

La luce pulsata è uno dei metodi più diffusi per la depilazione: rallenta la crescita del pelo fino a diminuirne la comparsa, ma bisogna essere costanti nel trattamento. Il calore del trattamenti inibisce il bulbo pilifero, rendendolo più debole e causando quindi la caduta del pelo. In istituto i risultati potrebbero essere più efficaci, ma a casa tua vedrai i primi effetti già dopo 4 settimane. Per l'epilazione totale invece, ci vorranno alcuni mesi e non bisogna avere fretta. Generalmente infatti, si consiglia di procedere al trattamento ogni due settimane.  Generalmente la luce pulsata è più efficace quando si ha la pelle chiara e il pelo scuro: il trattamento infatti colpisce la melanina e quindi non funziona sul pelo chiaro. Per lo stesso motivo è importante non sottoporsi al trattamento quando si è abbronzati per evitare bruciature.

Come fare la luce pulsata a casa?

Per i primi trattamenti dovrai raderti prima della seduta: in questo modo la luce pulsata andrà ad agire direttamente sul bulbo pilifero rallentando la ricrescita del pelo. Procurati una matita per occhi e utilizzala per mascherare alcune zone del tuo corpo: la luce pulsata viene attratta dai colori scuri e potrebbe provocare bruciature se entra in contatto con nei, lentiggini, macchie solari e tatuaggi. Ricordati di non agire più volte nella stessa zona: al contrario di quanto spesso si crede non migliora il risultato ma rischia solamente di provocare irritazioni. Solitamente la luce pulsata può essere utilizzata anche in zone sensibili come il viso o le ascelle, regolando semplicemente l'intensità dell'impulso. Terminato il trattamento è necessario applicare una crema idratante per nutrire la pelle: in caso di rossori puoi scegliere una crema lenitiva; è poi importante evitare di esporsi al sole o alle lampade abbronzanti subito prima o subito dopo il trattamento, e applicare una protezione solare per le due settimane successive.

Luce pulsata a casa tua: i trattamenti da provare

Tra gli ultimi trattamenti lanciati sul mercato c'è quello di Braun, il Silk-expert a luce pulsata: grazie ad una particolare tecnologia che prende il nome di SensoAdapt identifica la tonalità della pelle monitorandola costantemente per impostare l’intensità della luce a livello ottimale in base alla tonalità del proprio incarnato. Già dopo 4 settimane potrai iniziare a vedere i risultati. Bellissima Zero Ultra Fast è invece il trattamento di Imetec, comodo, pratico e funzionale. Grazie all'ultra fast hpl technology questo trattamento disattiva la crescita dei peli superflui velocizzando i tempi di emissione dell’impulso di luce, indebolendo così il follicolo pilifero. Da provare anche HoMedics mē TOUCH: agisce individuando e neutralizzando il bulbo tramite l'azione combinata di Luce Pulsata e Radiofrequenza. Questo trattamento può essere utilizzato anche per i peli più chiari come quelli grigi e rossi ed è uno tra i pochi dispositivi adatti anche alle pelli più scure. Scopri nella gallery tutti i trattamenti da provare!