I capelli si tagliano da bagnati o da asciutti? È la domanda che spopola nell'ultimo periodo, da quando il dry cut, ovvero il taglio di capelli da asciutti, ha preso piede nei saloni di bellezza più celebri. Quali sono le differenze? Tantissime, sia a livello di resa finale che di manualità e soprattutto abilità nella realizzazione.

Se la maggior parte degli hair stylist fino ad oggi ha creato il taglio sui capelli umidi o bagnati, le regole dell'hair styling stanno subendo grandi cambiamenti: il taglio più in voga del momento è quello realizzato sui capelli asciutti, ma non stiamo parlando solo di una semplice tendenza passeggera. Scegliere il dry cut infatti comporta vantaggi per la tua chioma, a patto che a realizzarlo sia davvero un professionista. Il taglio da asciutto infatti richiede estrema precisione e professionalità: il taglio è molto accurato ed è perfetto sia sul capello liscio che su quello liscio per avere una visione reale immediata. Una delle differenze con il taglio da bagnato è proprio questa: se nella versione tradizionale si vede il risultato solo una volta che i capelli sono stati messi in piega, con il taglio da asciutto si può controllare nell'immediato proporzioni e lunghezze effettive.

Si tratta quindi ti un tipo di taglio particolarmente indicato per chi ha i capelli ricci perché si ha l'immediata percezione di quanti centimetri vengano realmente tagliati e delle proporzioni e volumi che assume la chioma. Niente effetto shock una volta asciugati i capelli quindi, anche per chi li ha perfettamente lisci. Il taglio da asciutto inoltre è altamente personalizzabile e permette all'hair stylist di liberare il suo estro creativo realizzando tagli molto più artistici e particolari rispetto al taglio tradizionale. Il dry cut è molto più veloce rispetto al taglio classico, sopratutto perché il capello è già nello stylist finale: per questo motivo in alcuni saloni stranieri il dry cut può costare fino alla metà del taglio tradizionale.

Il taglio di capelli da asciutto non è troppo aggressivo? Spesso, erroneamente, si pensa che realizzare il taglio sul capello asciutto possa danneggiarlo. In realtà è l'esatto opposto: quando il capello è bagnato infatti è più elastico e più incline a spezzarsi. Il dry cut quindi è indicato anche per chi ha capelli fragili. Come se non bastasse poi, il dry cut è perfetto per eliminare più efficacemente le doppie punte, che sul capello asciutto sono maggiormente visibili.