Hai mai fatto caso che quando mangi il cioccolato oppure del gelato non ne hai mai abbastanza e vorresti abbuffartene all'infinito? Alcuni studi hanno dimostrato che si tratta di una situazione piuttosto diffusa: alcuni cibi definiti "junk food" o "cibo spazzatura" infatti, sembrano addirittura creare dipendenza, proprio come le droghe.

Da cosa è dovuta questa dipendenza? Alcuni alimenti vengono trasformati in laboratorio e perdono le loro caratteristiche nutritive originarie, che vengono mutate spesso radicalmente. Attraverso questo processo gli alimenti cambiano anche l'effetto che hanno sul nostro organismo e sul nostro cervello, rendendoli così simili a droghe. Secondo i ricercatori della  Michigan University e della Columbia University la causa è da ricercare nell'aggiunta di grassi e carboidrati raffinati agli alimenti: tali trasformazioni rendono più veloce l'assorbimento dell'alimento da parte del nostro corpo, il che causa il desiderio di assumerne ancora.

I cibi "incriminati" sono il cioccolato e il gelato, ma anche le patatine fritte, la pizza e i biscotti ma anche carni grasse, salsiccia e affettati come il lardo. Paul Johnson e Paul Kenny dell’Istituto Scripps a Jupiter in Florida hanno dimostrato addirittura che potrebbero verificarsi delle vere e proprie crisi di astinenza quando si limita il consumo di tali cibi. Oltre alla dipendenza però, il cibo spazzatura risulta anche pericoloso per la nostra salute: quando si abusa dei grassi idrogenati a livello industriale infatti, il nostro cervello invecchia molto più rapidamente, favorendo anche lo sviluppo di malattie degenerative.