I capelli al mare devono essere protetti da sole, vento e salsedine: l'esposizione ai raggi solari, ad esempio, indebolisce il fusto mentre la salsedine altera lo strato della cuticola, i capelli diventano quindi secchi, fragili e più predisposti alle doppie punte. Per non indebolirli troppo durante l'estate bisogna dedicargli qualche minuto in più durante la beauty routine e proteggerli anche in spiaggia. Scopriamo allora come proteggere i capelli dal sole e dal mare, per evitare che diventino crespi e opachi. Ecco tutti i consigli per una chioma morbida e setosa anche nei mesi estivi.

Come proteggere i capelli da sole e mare: tutti i consigli utili

Basta seguire dei piccoli accorgimenti per proteggere i capelli dal sole e dal mare così da mantenerli sani e lucenti per tutta l'estate.

Prima della partenza: preparate i capelli in modo adeguato

Prendersi cura dei capelli prima di esporsi al sole è importante per mantenerli luminosi. Se state partendo per le vacanze ecco cosa dovete fare.

  • Evitate trattamenti stressanti come tinture, decolorazioni, permanente e uso eccessivo di phon e piastra, almeno due settimane prima di partire: rendono i capelli più secchi e opachi.
  • Concentratevi invece su trattamenti rinforzanti e nutritivi. Per almeno un mese prima dell'esposizione al sole potete utilizzare degli integratori specifici per rinforzare i capelli: olio di germe di grano o integratori a base di miglio
  • Se non potete fare a meno di tingervi i capelli scegliete tinte naturali come l‘hennè che colora e nutre i capelli. Una scelta consigliata quindi a tutte coloro non possono rinunciare al colore per capelli.
  • Approfittate del caldo per asciugare i capelli all'aria aperta: ricordatevi poi di utilizzare spazzole con setole morbide e pettini in legno con denti larghi e di spazzolare i capelli sono quando sono asciutti.

Durante l'esposizione: proteggete la chioma da salsedine e sole

Una volta in vacanza bisogna proteggere i capelli da sole e salsedine. Ecco come.

  • Indossate un cappello di paglia o in cotone oppure un foulard leggero per proteggere la chioma dai raggi del sole: aiuteranno a riflettere le radiazioni garantendo la traspirazione.
  • Applicate un olio protettivo, soprattutto sulle punte; creerà una barriera proteggendo i capelli da aggressioni esterne, salsedine, cloro e sole. Applicatelo almeno ogni 3 ore: distribuitelo con le mani o con il pettine su capelli asciutti o umidi a seconda delle indicazioni. Preferite l'olio di cocco che resiste alle alte temperature oltre ad essere economico e facilmente reperibile, ma andranno bene anche altri oli vegetali come l'olio di argan e l'olio di germe di grano. Potete poi proteggere in capelli i modo rapido passandovi le mani tra i capelli dopo aver applicato la crema solare sul viso e corpo.
  • Dopo il bagno al mare o in piscina sciacquate subito i capelli sotto l'acqua dolce per eliminare salsedine o cloro che sfibrano e indeboliscono la chioma. Ripetete poi l'applicazione dell'olio protettivo.

Post esposizione solare: idratare e nutrire i capelli

Dopo una giornata in spiaggia ci sono dei semplici consigli da seguire per idratarli e mantenerli morbidi e setosi.

  • Lavate i capelli con uno shampoo delicato e leggero o con uno specifico doposole ricco anche di sostanze antiossidanti e nutrienti.
  • Utilizzare il balsamo dopo ogni lavaggio per ammorbidirli e idratarli.
  • Un paio di volte a settimana, prima dello shampoo, fate un impacco idratante così da prevenire la secchezza dei capelli. Ideale il gel di aloe vera che ha ottime proprietà idratanti oppure un gel ai semi di lino: massaggiatelo sui capelli e lasciate agire per 15 minuti prima di procedere con lo shampoo. Alternate questi gel con un trattamento più nutritivo al burro di karitè e olio di cocco: mescolateli insieme e distribuite l'impacco sui capelli umidi. Lasciate agire per mezz'ora prima dello shampoo.
  • Sciacquate bene i capelli per evitare che sui capelli restino residui chimici che al contatto col sole possono danneggiare la chioma.
  • Evitate il phon oppure utilizzatelo a basse temperature tenendolo almeno 15 centimetri dal cuoio capelluto. Evitate anche le acconciature ma lasciate i capelli liberi  oppure scegliete pettinature morbide, senza costringere i capelli con ferretti ed elastici che li indeboliscono.