I brufoli sulla schiena possono creare imbarazzo soprattutto nel periodo estivo, quando abbiamo voglia di indossare canotte e vestiti scollati. Con il caldo poi la comparsa dei brufoli può aumentare a causa del sudore, del cloro della piscina o dell'esposizione al sole.

I brufoli sono un inestetismo fastidioso che riguarda principalmente adolescenti e giovani adulti: la comparsa dei brufoli, infatti, tende ad essere sempre meno frequente con l'avanzare dell'età in quanto la secrezione ormonale si stabilizza, si produce meno sebo e la pelle è meno predisposta alle infiammazioni. Ma vediamo quali sono le cause e come eliminare i brufoli sulla schiena con rimedi naturali ed efficaci.

Brufoli sulla schiena: cause e rimedi naturali

A causare i brufoli sulla schiena ci sono diversi fattori: un'alimentazione errata, squilibri ormonali (anche in gravidanza), scarsa igiene, assunzione di farmaci o pelle particolarmente grassa. I brufoli fanno la loro comparsa quando il sebo, prodotto naturalmente dalla pelle, non riesce a fuoriuscire a causa dei batteri e della polvere che ne ostruiscono il passaggio e ciò avviene con più frequenza nell'adolescenza, quando gli ormoni androgeni sono particolarmente attivi e stimolano le ghiandole sebacee a produrre più sebo: i pori della pelle si intasano favorendo la formazione di batteri che comportano la comparsa di brufoli e acne.

Sulla schiena le ghiandole sebacee sono più grandi e possono lasciare anche lesioni più estese. A favorire la comparsa dei brufoli sulla schiena contribuiscono: il sudore, lo sfregamento delle spalline dei reggiseni o degli abiti sulla pelle, soprattutto quelli in materiale sintetico. Inoltre la situazione può peggiorare anche con l'esposizione al sole o a causa di docce più frequenti, magari con detergenti aggressivi. È importante quindi fare attenzione a non irritare ulteriormente la pelle utilizzando rimedi naturali e mettendo in atto alcuni semplici consigli. Quando però il problema persiste è preferibile consultare il dermatologo che consiglierà la cura giusta.

Quali sono i rimedi naturali per eliminare i brufoli sulla schiena?

Ci sono diversi rimedi naturali che possono aiutarci a combattere i brufoli sulla schiena, soprattutto se si tratta di eventi sporadici. Quando però il problema persiste nel tempo la domanda che ci poniamo è: come posso eliminare definitivamente i brufoli sulla schiena? In questi casi la situazione può creare disagio, è quindi consigliabile rivolgersi a un dermatologo che suggerirà la cura giusta valutando il vostro caso specifico.

Spugna esfoliante e acqua ossigenata: fate la doccia ogni giorno con un detergente delicato a Ph neutro e effettuate, almeno una volta ogni 10 giorni, una leggere esfoliazione: procuratevi una spugna esfoliante con il manico e passatela delicatamente su tronco e schiena utilizzando un po' di sapone neutro, eliminerete così impurità e cellule morte: non strofinate per evitare di aumentare l'infiammazione. Dopo fatevi aiutare da qualcuno e applicate sui brufoli l'acqua ossigenata con un dischetto di cotone e infine applicate una crema lenitiva.

Zucchero e avena: per esfoliare delicatamente la schiena e liberarla dai brufoli, potete effettuare una volta a settimana questo scrub: l'avena calmerà l'infiammazione, mentre lo zucchero eliminerà le cellule morte. Per prepararlo vi occorrono due manciate di zucchero e una di avena da miscelare con un po' di acqua. Passate sulla schiena con movimenti delicati e circolari e lasciate agire 5 minuti prima di sciacquare.

Bagno in acqua salata: almeno una volta a settimana fate il bagno in acqua salata aggiungendo mezzo chilo di sale grosso. Restate immersi nella vasca da bagno almeno venti minuti. Asciugatevi tamponando con un asciugamani di cotone.

Aloe vera: dopo la doccia, ma anche dopo l'esfoliazione, possiamo utilizzare il gel di aloe vera che ha proprietà antibatteriche, antinfiammatorie, astringenti e cicatrizzanti, rivelandosi quindi un ottimo rimedio naturale per combattere i brufoli sulla schiena. Può essere applicato anche in estate perché, oltre ad essere efficace, si assorbe subito e non unge. Evitate invece di utilizzare creme grassi o burri e oli vegetali.

Oli essenziali: per potenziare l'azione purificante del gel di aloe vera potete aggiungere 2 o 3 gocce di oli essenziali antibatterici e astringenti come il tea tree oil, l'olio essenziale di basilico, di lavanda ma anche agli agrumi o all'eucalipto: applicatelo sulla pelle pulita dopo la doccia, la pelle sarà delicatamente purificata e, dopo circa 10 giorni, vedrete già un notevole miglioramento.

Decotti o acque aromatiche: potete purificare la pelle della schiena in modo delicato utilizzando decotti o acque aromatiche dal potere astringente, lenitivo e purificante come l'infuso di salvia o l'acqua di camomilla. La pelle sarà così trattata con delicatezza senza il rischio di irritare i brufoli.

Maschera purificante: anche per i brufoli della schiena possiamo utilizzare una maschera purificante e leggermente esfoliante. Per prepararla vi occorre: un cucchiaino di bicarbonato, un cucchiaio di zucchero, un cucchiaio di gel di aloe vera e il succo di un limone. Mescolate insieme il gel di aloe vera, il bicarbonato e lo zucchero e poi aggiungete anche il succo di limone amalgamando bene. Dopo la doccia asciugate bene la schiena tamponando con l'asciugamano e fatevi applicare la maschera massaggiando con movimenti circolari per qualche minuto. Lasciate agire per venti minuti e poi sciacquate.

Brufoli sulla schiena: cosa non fare

Non schiacciate i brufoli: non fatevi schiacciare i brufoli sulla schiena perché i batteri potrebbero causare la comparsa di altri brufoli, inoltre potrebbero infiammarsi. Se dovessero rompersi a contatto con gli indumenti, ad esempio con le spalline del reggiseno, allora disinfettate subito con il succo di limone tamponando con dell'ovatta.

In caso di acne evitate lo scrub: se sulla schiena compare acne evitate di fare lo scrub perché potrebbe solo irritare ulteriormente la pelle della schiena e aggravare la situazione.

No al sole senza protezione: in spiaggia non dimenticate di utilizzare la protezione: il sole, infatti, secca i brufoli ma è solo un effetto temporaneo e dopo la pelle risulta più secca e può infiammarsi.

Non utilizzate l'ammorbidente: quando lavate la biancheria sostituite l'ammorbidente, che potrebbe irritare i brufoli, con l'acido citrico. Da utilizzare anche per le lenzuola, oltre che per gli indumenti che sono a contatto con la schiena.

Come prevenire la comparsa dei brufoli sulla schiena

Alimentazione: tra i cibi no, per prevenire la comparsa dei brufoli, bisogna fare attenzione a quelli ricchi di grassi saturi che troviamo in molti prodotti di origine animale, come gli insaccati, ma anche in alcuni derivati, come i latticini. Da evitare i fritti, ma anche alimenti che contengono molto zucchero. Sono tutti cibi che, soprattutto se mangiati con frequenza, aumentano la produzione di sebo. Da limitare anche il consumo di alcolici. Sì invece a una dieta bilanciata che comprenda anche proteine e alimenti che contengono vitamina A, che protegge la pelle, come pesche, albicocche, melone e ciliegie, vitamina E come la frutta secca, l'olio extravergine di oliva, gli spinaci. Inoltre scegliamo il pesce come fonte di acidi grassi insaturi. Importante anche lo zinco che regola il funzionamento degli ormoni e rinforza il sistema immunitario, quindi sì a cereali integrali, legumi e molluschi.

Abbigliamento traspirante: ci sono abiti che possono contribuire alla comparsa di brufoli sulla schiena? Sì, soprattutto quelli sintetici perché non sono traspiranti e possono irritare la pelle favorendo l'infiammazione. Meglio indossare vestiti, magliette e canotte in lino, cotone, o comunque tessuti che facciano respirare la pelle.

Detersione: per detergervi utilizzate un sapone antibatterico ma delicato e lavate la schiena accuratamente soprattutto dopo un allenamento in palestra o dopo aver sudato. Almeno una volta a settimana esfoliate delicatamente la pelle per eliminare le cellule morte. Quando fate lo shampoo sciacquate bene i residui di sapone dalla schiena.