Ottobre è il mese tradizionalmente legato alla ricerca e alla prevenzione sul tumore al seno, il cosiddetto Ottobre rosa. Su questo secondo fronte si cerca di fare molta sensibilizzazione, proprio perché potenzialmente decisivo. Intercettare un tumore quando è in fase iniziale permette di intervenire con tempestività, magari evitando le terapie più invasive. Informasi e prendersi cura della propria salute è importante, è un gesto d'amore verso sé stesse che può fare la differenza. Per questo sono in tante, a ottobre più che mai, a ricordare di effettuare la mammografia anche in assenza dei segni della malattia, proprio perché lo screening può contribuire a ridurre la mortalità e gli interventi di mastectomia (l'asportazione chirurgica della mammella). Si è esposta in prima persona anche Anastacia, che ha combattuto due volte nella sua vita la battaglia contro il tumore: dunque ha particolarmente a cuore questo tema.

L'invito di Anastacia alla prevenzione

Da diverso tempo Anastacia celebra sui social l'Ottobre rosa, per sensibilizzare le donne che la seguono a prendersi cura della propria salute e a effettuare gli esami necessari per l'individuazione del tumore al seno. Su Instagram ha pubblicato una foto che la ritrae con un foulard rosa che le copre i seni e ha scritto:

Oggi inizia un mese in cui ricordare l'importanza della prevenzione sul cancro al seno. In questi tempi difficili incoraggio tutte le donne a vigilare sulla salute. Per favore, non rimandate una mammografia a causa di questa pandemia.

Al collo indossa invece un ciondolo a forma di fiocco, richiamo al fiocco rosa simbolo della lotta contro il cancro al seno. La star durante la sua vita ne ha sconfitti due, uno nel 2003 e uno nel 2013. Il primo l'ha costretta a ritirarsi dalle scene musicali per molto tempo. Il secondo ha reso necessaria la mastectomia, unico modo per salvarle la vita. Da allora la star è impegnata nel fare informazione e sensibilizzazione attraverso la fondazione che porta il suo nome, The Anastacia Fund.

I numeri del tumore al seno in Italia

Secondo gli ultimi dati della Fondazione Veronesi nel 2019 in Italia si sono contati circa 53.500 nuovi casi di tumore al seno, con particolare incidenza nelle donne sotto i 50 anni. La sopravvivenza fortunatamente è in aumento rispetto ad alcuni decenni fa: è salita dall’81% del 1990 all’87% del 2004. Uno dei fattori che contribuisce ad allungare la vita delle pazienti è la prevenzione. Identificare tempestivamente la malattia è possibile solo se le donne si sottopongono a visite costanti, tendenzialmente ogni uno o due anni a seconda della fascia d'età e sotto consiglio del proprio medico.