23 Aprile 2019
15:57

Amazonie, il significato del nome (originale) della figlia di Tina Kunakey e Vincent Cassel

Tina Kunakey è diventata mamma lo scorso 19 aprile, ha infatti messo al mondo la prima figlia nata dal matrimonio con Vincent Cassel. Il suo nome? Amazonie: ecco perché la scelta è ricaduta proprio su questo appellativo.
A cura di Valeria Paglionico

Lo scorso 19 aprile è stata una giornata importante per Vincent Cassel e Tina Kunakey: sono diventati genitori della prima figlia nata dal loro matrimonio, Amazonie. Se da un lato per la modella è la prima esperienza come mamma, dall'altro l'attore sa già cosa significa essere papà, visto che ha già avuto due figlie, Deva e Léonie, dalle precedenti nozze con Monica Bellucci. Nonostante ciò, non ha potuto fare a meno di essere travolto dall'amore e dall'entusiasmo, tanto da essere stato il primo ad annunciare il lieto evento ai fan attraverso i social, rivelando anche l'originale nome della piccola: ecco per quale motivo la scelta è ricaduta proprio su Amazonie.

Perché Tina Kunakey e Vincent Cassel hanno chiamato la figlia Amazonie

Tina Kunakey e Vincent Cassel si sono sposati la scorsa estate in Francia, dando vita a un matrimonio dolcissimo e romantico le cui foto hanno fatto il giro del web, e, nonostante all'inizio siano stati molti quelli che li hanno criticati a causa della grossa differenza di età, i due hanno dimostrato che l'amore riesce a superare ogni limite. All'inizio dell'anno la modella ha rivelato di essere incinta e da allora ha documentato la gravidanza sui social, non perdendo occasione per mostrarsi con un enorme pancione in primo piano. Lo scorso 19 aprile, poi, la sua vita è cambiata: è nata Amazonie, la sua prima figlia e la terza dell'attuale marito. Il motivo per cui è stato scelto proprio questo nome? Anche se nessuno dei neo-genitori lo ha comunicato ufficialmente, si tratterebbe di un omaggio al Brasile, il cui simbolo è la foresta amazzonica, visto che è proprio questo il paese in cui hanno vissuto negli ultimi mesi, godendosi al 100% la nuova vita da marito e moglie e la dolce attesa. Non sembrerebbe un caso, dunque, che per annunciare la nascita della bimba Cassel abbia condiviso la foto di una cascata in Amazzonia con tanto di didascalia "E' nata Amazonie". Insomma, Vincent e Tina si sono voluti distinguere per originalità, aggiungendosi alla lunga lista di star che danno nomi davvero sopra le righe ai figli.

I nomi più originali dei figli delle star

La moda più seguita dalle star che diventano genitori? Dare al proprio figlio un nome unico e originale. Sono moltissimi quelli che scelgono degli appellativi davvero sopra le righe che, anche se nella maggior parte dei casi non hanno dei significati particolari, riescono a non passare inosservati. Tina Kunakey e Vincent Cassel sono solo gli ultimi essere entrati nella lista con Amazonie ma prima di loro ce ne sono stati molti altri, da Kylie Jenner che ha chiamato la primogenita Stormie a Gwyneth Paltrow con la sua Apple, fino ad arrivare a Marquise, il figlio di 50 Cent o alle eredi di Demi Moore e Bruce Willis, Tallulah, Scout e Rumer, i cui nomi sono ispirati agli indiani d'America. A essere molto legati ai nomi di città, paesi e coordinate geografiche, anche Kim Kardashian, che ha chiamato le figlie North e Chicago, e i Beckham, che hanno dato al primogenito il nome Brooklyn. Di fronte tante bizzarrie, Amazonie non sembra essere così assurdo come si potrebbe pensare: una volta cresciuta la bambina apprezzerà questo nome?

Vincent Cassel ha un nuovo tatuaggio: è una dedica d'amore per Tina Kunakey
Vincent Cassel ha un nuovo tatuaggio: è una dedica d'amore per Tina Kunakey
Tina Kunakey con Vincent Cassel a Parigi: alle sfilate sono coordinati con i maglioni casual
Tina Kunakey con Vincent Cassel a Parigi: alle sfilate sono coordinati con i maglioni casual
Tina Kunakey posa per la prima volta con Vincent Cassel: così lancia la sua linea di abiti unisex
Tina Kunakey posa per la prima volta con Vincent Cassel: così lancia la sua linea di abiti unisex
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni