"Il Collegio" è una delle trasmissioni più seguite degli ultimi tempi, da diverse settimane è partita la sua quarta edizione e ad ogni puntata, in onda il martedì su Rai 2, tiene milioni di spettatori incollati alla tv. Gli appassionati ricorderanno sicuramente anche gli studenti della terza edizione, primo tra tutti Youssef Komeiha, il napoletano di origini libanesi che ancora oggi fa impazzire tutti con la sua simpatia. Sono passati diversi mesi da quando ha debuttato in televisione ed è ancora molto seguito, anche se ha cambiato in modo radicale il suo stile. Se al docu-reality era costretto a indossare la formale divisa fornita dagli autori, ora non riesce più a fare a meno delle griffe e dei capi alla moda.

Chi è Youssef Komeiha

Youssef Komeiha è un ragazzo di 16 anni e, a dispetto di quanto si potrebbe pensare dal suo nome, viene da Napoli, anche se è nato da padre libanese e mamma italiana. Ha un fratello gemello molto più timido di lui, frequenta l'istituto turistico ed è diventato famoso dopo aver partecipato alla terza edizione de "Il Collegio", quella ambientata nel 1968, dove si è distinto per la sua allegria e per la sua simpatia. Come ha dimostrato al reality, non ama litigare, è molto protettivo con gli amici e cerca di ridere sempre, anche nei momenti più seri. Tra le sue più grandi passioni c'è quella per i tatuaggi, sul braccio si è fatto imprimere con l'inchiostro indelebile sia la parola "Resilienza" che "Family" al fianco di un cuore, a dimostrazione del fatto che è molto legato alle sue origini. Di recente ha aggiunto anche una nuova scritta, ovvero "Stay Strong", questa volta realizzata sul petto. Oggi che il programma è finito continua a essere molto amato e seguito, tanto da aver raggiunto i 297.000 followers sui social.

Il "nuovo" stile di Youssef Komeiha

Youssef Komeiha è cambiato molto da quando ha portato a termine la dura esperienza de "Il Collegio". Se all'interno del programma ha dovuto rinunciare allo smartphone per qualche settimana, ora non può fare a meno di documentare ogni aspetto della sua vita quotidiana sui social tra foto, selfie e video. Ad apparire decisamente trasformato è soprattutto lo stile: nella scuola del 1968 era costretto a indossa una divisa con giacca, camicia, bermuda e calzettoni ma oggi si è lasciato alle spalle quel look formale. Youssef sfoggia solo capi alla moda, meglio se griffati, spaziando tra felpe sportive, t-shirt Fendi, cinture di pelle di Gucci e sneakers firmate, dalle Balenciaga a quelle di GCDS. Insomma, il 16enne è diventato un vero e proprio fashion addicted: vorrà diventare influencer come alcuni dei suoi ex colleghi?