I tatuaggi sono un modo per imprimere in modo indelebile sulla propria pelle un ricordo, un disegno o una frase a cui siamo particolarmente legati. Negli ultimi tempi, sono sempre di più le persone che sui social hanno cominciato a mostrare un tattoo insolito che raffigura un semplice punto e virgola. Non è una moda hipsteruna tendenza glamour che spopolerà la prossima estate, ma semplicemente un modo per inviare un messaggio di speranza semplice e forte.

Si chiama “Project Semicolon” ed è un progetto legato al movimento omonimo no profit che dal 2013 vuole sostenere coloro che lottano contro depressione, tendenze suicide, dipendenze e autolesionismo. Il punto e virgola non è un simbolo scelto a caso, è un segno del fatto che la vita può ricominciare anche dopo un periodo difficile in cui non si riesce a vedere neppure uno spiraglio di luce. Tatuandosi questo simbolo è come se ci si scrivesse sul corpo “La tua storia non è ancora finita”. “Ci siamo impegnati ad amare tutti coloro che stanno lottando con l'amore di Cristo. Non importa quale sia la credenza o la religione di coloro che fanno il tattoo, noi li accettiamo. Siamo tutti sulla stessa barca”, ha dichiarato la fondatrice e presidente del movimento, Amy Bleuel.

L’obiettivo del progetto è quello di ridurre il tasso di suicidi in America e nel mondo, facendo capire che farmaci e alcol non devono essere considerati una via di fuga. La depressione, le dipendenze e l’autolesionismo non devono impedire di vivere, devono essere combattute con forza e determinazione e per farlo basta partire da un punto e virgola tatuato sul corpo.