La betulla è una pianta che viene utilizzata principalmente in fitoterapia per le sue proprietà anticellulite e depurative: le sue foglie vengono infatti utilizzate per la preparazione di tisane drenanti , utili soprattutto ad eliminare l'antiestetico effetto a buccia d'arancia. Inoltre è ottima anche come tisana anticistite ed aiuta anche a sgonfiare le gambe, per averle sempre belle e in perfetta forma. Ma scopriamo di più sui benefici della tisana alla betulla e come prepararla.

Benefici della tisana alla betulla

Le foglie di betulla, utilizzate per la preparazione delle tisane, vengono usate in fitoterapia soprattutto per le proprietà diuretiche e depurative in quanto sono ricche di flavonoidi, tannini, vitamina C, acido clorogenico, acido caffeico e oli essenziali. Ecco i suoi principali benefici.

Aiuta a combattere ritenzione idrica e cellulite: la tisana alla betulla, abbinata ad una dieta disintossicante e a un'attività sportiva costante è l'ideale per combattere la cellulite e prevenire la ritenzione idrica contribuendo anche alla riduzione della pelle a buccia d'arancia in quanto aiuta a eliminare i liquidi in eccesso prevenendo gli accumuli di adipe.

Azione depurativa per le vie urinarie: la tisana alla betulla viene utilizzata per curare la cistite e altre infezioni dell'apparato urinario. Inoltre le sue proprietà diuretiche sono utili anche per curare i calcoli renali. La betulla contiene infatti flavonoidi e sali di potassio che stimolano la diuresi mentre la vitamina C e l'acido betulinico prevengono la formazione di calcoli renali.

Utile contro le infiammazioni: la tisana alla betulla ha anche proprietà antinfiammatorie ed è ottima in inverno per curare raffreddore, tosse, mal di gola: riesce a lenire le infiammazioni e aiuta ad espellere i muchi in eccesso, soprattutto in caso di catarro.

Come preparare la tisana alla betulla: usi e ricette

Vediamo ora come preparare la tisana alla betulla e come assumerla per trarre da questa pianta tutti i suoi benefici.

Ecco cosa vi occorre: foglie di betulla da acquistare in erboristeria, una tazza di acqua bollente a persona, un colino per filtrare.

Per la preparazione: lavate le foglie di betulla e tritatele, fate bollire l'acqua e aggiungete le foglie di betulla (un cucchiaio per ogni tazza). Fate bollire l'acqua per almeno cinque minuti, poi filtrate con il colino. Consumatela calda. Non aggiungete zucchero ma al più aggiungete mezzo cucchiaino di miele.

Tisana anticellulite

Lasciate in infusione 20 grammi di foglie di betulla in un litro di acqua bollente. Coprite e lasciate in infusione per almeno 5 minuti, così da non disperdere i suoi preziosi oli essenziali. Dopo filtrate e non aggiungete zucchero. Bevete tutto il litro durante la giornata: funzionerà come ottimo trattamento d'urto contro la cellulite.

Tisana drenante

Per preparare questa tisana drenante avrete bisogno della betulla utilizzata in sinergia con altri due elementi: il tallo di fucis e le foglie di tè verde che potete acquistare in erboristeria. Utilizzate 40 grammi di foglie di betulla, 30 grammi di tallo di fucus e 30 grammi di foglie di tè verde. Sciogliete un cucchiaino di questa miscela in un bicchiere di acqua bollente lasciando in infusione per 10 minuti. Dopo filtrate e bevete la tisana ben calda. Per ottenere l'effetto sgonfiante basterà berne due bicchieri al giorno per una paio di settimane.

Tisana diuretica e purificante

Per un'azione diuretica possiamo preparare una tisana utilizzando un cucchiaio di foglie di betulla da lasciare in infusione in una tazza di acqua bollente, da bere due o tre volte al giorno.

Possiamo però anche preparare una tisana composta da più elementi per un'azione diuretica e purificante utile anche per le infezioni delle vie urinarie. Per prepararla utilizzate un cucchiaino delle seguenti erbe: betulla, equiseto, frassino, prezzemolo, radice di tarassaco e foglie di ortosiphon. Miscelate bene tutte le erbe e lasciate in infusione

Controindicazioni

La tisana alla betulla deve essere assunta previo consulto medico in caso di soggetti allergici, soprattutto in caso di allergia ai salicilati perché potrebbe provocare orticaria o addirittura shock anafilattico. Utilizzatela con cautela anche se siete allergici al sedano e ai pollini. Inoltre è utile consultare il medico se utilizzare farmaci anticoagulanti, ipotensivi o barbiturici. Se ne sconsiglia l'uso anche in gravidanza e allattamento, perché potrebbe causare reazioni allergiche al neonato, e nei soggetti con insufficienza renale o cardiaca.