La nuova tendenza del mondo del make up si chiama "sandbagging" ed è stata lanciata dal make up artist di Kim Kardashian, Mario Dedivanovic. Ad un primo sguardo potrebbe assomigliare ad un altro trend del mondo del make up, il baking, ma in realtà si tratta di due tecniche differenti.

Il nome "sandbagging" deriva proprio da sand bag, ovvero le sacche di sabbia che vengono utilizzate per arginare l'acqua e lo scopo di questa tecnica di make up è proprio quella di "arginare", ovvero evitare che matite, kajal e eye liner sbavino. La differenza con il baking è proprio questa: il baking fissava il correttore nel contorno occhi garantendo un risultato duraturo, mentre il sandbagging previene i disastri del make up. La protagonista è sempre la cipria, ma è l'applicazione a cambiare: nel baking infatti, si applica uno spesso strato di cipria nel contorno occhi e la si lascia letteralmente "cuocere" affinchè fissi al meglio il make up applicato in precedenza.

Con la tecnica del sandbagging invece la cipria viene stesa appena sotto la rima ciliare inferiore con l'aiuto di una spugnetta in lattice, tamponando il prodotto in modo che si fissi sull'incarnato. Dopo aver coperto l'intera area puoi eliminare gli eccessi di prodotto con un pennello da polveri. La stessa tecnica può essere utilizzata anche nel contorno labbra, per evitare che matite, rossetti e gloss fuoriescano dal contorno della bocca. La cipria farà così da barriera e il make up rimarrà al suo posto, prevenendo così qualsiasi sbavatura o migrazione del prodotto. L'ideale è utilizzare una cipria bianca traslucida, in modo che sia completamente trasparente sul viso.