La cipria (detta in passato polvere di Cipro), è un prodotto cosmetico, generalmente in polvere, leggero e colorato che viene utilizzato, dopo il fondotinta, per fissare e far durare più a lungo il trucco. In passato, nel 1700, veniva utilizzata per colorare le parrucche, fino poi ad avere un esclusivo uso cosmetico. Una delle sue funzioni principali è quella di opacizzare, ideale per chi ha problemi di pelle lucida, per questo viene utilizzata soprattutto nella zona T (fronte, naso, mento), anche se il suo uso è esteso a viso e collo. Si applica con piumini, spugnetta o pennello anche a seconda del tipo che utilizziamo: compatta o in polvere sciolta. In realtà molte donne, ritengono la stesura della cipria uno step superfluo e non la stendono dopo il fondotinta. Tante altre hanno paura di rendere il loro viso troppo pallido o ancora di esagerare con il prodotto, ed evitano a tal proposito l'applicazione del cosmetico. La cipria però è fondamentale per la tenuta del trucco: va applicata sempre dopo il fondotinta per fissare la base, ed è utile anche per un veloce ritocco fuori casa. Vediamo quali sono i diversi tipi di cipria e come utilizzarla per avere un trucco perfetto e che duri tutto il giorno.

Qual è la cipria migliore? Ecco come sceglierla!

In realtà non esiste la cipria migliore in assoluto, ma quella più adatta alle nostre esigenze e anche al tipo di pelle. Quella trasparente, ad esempio, è consigliata quando non si vuole alterare il colore del fondotinta ma, dato che è molto opacizzante, non è adatta alle pelli più secche. La cipria può essere utilizzata tutti i giorni come completamento del make up e la durata sul viso dipende molto anche dal tipo di pelle: la cipria trasparente, molto fissante e assorbente, durerà molte ore, quella colorata necessiterà di un ritocco durante la giornata. Ecco quali sono i diversi tipi di cipria e come utilizzarli al meglio.

Cipria trasparente

La cipria trasparente  è l'ideale per fissare il make up e per opacizzare, non adatta, invece, ai ritocchi, quindi va utilizzata una sola volta per asciugare la base. Ha la caratteristica di non tonalizzare, quindi di non alterare il colore del fondotinta e, come tutte le ciprie, va applicata alla fine del trucco. Ne esistono due versioni: compatta e in polvere sciolta, hanno le stesse proprietà e sono molto adatte a pelli miste e grasse perché, fissano e opacizzano molto. La differenza sta nell'utilizzo: la cipria trasparente compatta va utilizzata sempre con un pennello (di quelli grandi da cipria), spolverando leggermente sul viso, con un tocco leggero. La cipria sciolta trasparente, può essere utilizzata sia con pennello che con piumino, sul quale verrà messo il prodotto e poi disperso (battendolo sulla mano) in modo da togliere il prodotto in eccesso. Il prezzo varia dai 6 ai 50 euro.

Realizza la tua cipria fai da te senza talco e siliconi

Le ciprie in commercio di solito contengono talco, che serve per opacizzare anche se, una cipria di buona qualità, non dovrebbe contenerne percentuali alte per non rischiare di ostruire i pori. In alternativa ci sono le ciprie minerali, all'amido di riso o di mais senza talco e siliconi. Ma possiamo preparare la nostra cipria senza talco anche in casa, basta procurarsi la polvere di riso, che potrete acquistare in farmacia, macinandola e lavorandola molto bene. Dopo averla tritata finemente, bisognerà sistemarla in un barattolino e utilizzarla come una comune cipria.

Cipria colorata

La cipria colorata non viene utilizzata solo per fissare il trucco ma anche per i ritocchi. La differenza con la cipria trasparente è che quella colorata andrà ad alterare leggermente il colore del fondotinta. È bene sceglierla in una tonalità adatta al colore della nostra pelle o comunque della nostra base. La cipria colorata compatta si applica con il pennello mentre quella in polvere libera sia con pennello che con piumino. Può essere utilizzata anche per schiarire alcuni punti che non ci soddisfano nella realizzazione della nostra base.

Cipria correttiva colorata: ha la stessa funzione dei correttori colorati quindi: una cipria sulle sfumature del verde servirà per attutire i rossori, mentre una cipria rosata illumina e dona vitalità all'incarnato, quelle color arancio contrastano il blu delle occhiaie. Queste ciprie non si applicano su tutto il viso ma solo dove è necessario correggere.

Cipria liquida: è una cipria che ha la coprenza del fondotinta e il fissaggio di una cipria. È adatto anche alle pelli grasse quando scegliamo un tipo oil free, e si applica con le dita, massaggiando delicatamente sul volto con movimenti circolari, o con una spugnetta: asciutta per un effetto più coprente o bagnata per un effetto più naturale.

Ciprie luminose

Cipria satinata

È un tipo di cipria particolare da usare per occasioni speciali dato che contiene anche sostanza luminose che danno al viso un aspetto satinato. Da evitare se si ha la pelle grassa perché metterebbe in risalto il lucido della pelle, mentre è ideale per pelli tendenzialmente secche.

Cipria illuminante

Questo tipo di cipria ha più sostanze luminose rispetto alla satinata quindi valgono un po' le stesse regole: evitare l'utilizzo di giorno e su pelli grasse. Si applica con il pennello sul viso ma anche su collo e decolletè, si trova libera o pressata in piccole sfere dai riflessi colorati.

Cipria minerale

La cipria minerale è fatta solo con ingredienti minerali di origine naturale, non contiene talco nè siliconi. Ne esistono di diversi tipi: alcune dall'effetto perlato e più vistoso e altre dall'effetto satinato, fino ad arrivare a quelle ad effetto opaco. La scelta varia in base alle nostre esigenze ma, sicuramente è un tipo di cipria che non ostruisce i pori lasciando respirare la pelle senza far spuntare brufoli e punti neri. È un'ottima scelta per chi vuole una cipria non comedogena. Il prezzo di una cipria minerale parte dai 5 euro circa.

Cipria per pelle secca

Se si ha la pelle secca, la cipria migliore è quella a base di Mica, un minerale dalle proprietà particolari che non si mescola né con l'acqua né con l'olio, oppure deve contenere siliconi, quindi avere una struttura tradizionale.

Come applicare la cipria

Per applicare la cipria ci sono diversi metodi: il più conosciuto è probabilmente l'utilizzo del piumino contenuto nella maggior parte delle confezioni cosmetiche. Piccolo, rotondo e soffice, è di solito utilizzato tamponando la polvere sul viso. Tuttavia, spesso, non è l'applicatore più comodo per stendere uniformemente la cipria. Il pennello da polveri è invece perfetto per applicare un velo leggero di cipria e uniformare l'incarnato senza rischiare di applicare troppo prodotto. Lo strumento ideale ha le setole morbide e la dimensione varia dalla media grandezza a quella più grande: da provare il The Face II di Marc Jacobs per ottenere un effetto più coprente e uniforme, mentre per chi desidera un effetto naturale è perfetto il Pennello Polveri Sintetico Grande N° 61 di Sephora. Pratico e comodo da tenere in borsetta il Pennello Kabuki di Neve Cosmetics piccolo e funzionale, adatto per i ritocchi. La spugnetta è quella che troviamo spesso nelle confezioni e si può usare asciutta, per una maggiore coprenza stando attente a non prelevare troppo prodotto, o bagnata per avere una coprenza media e una buona tenuta.