I profumi sono tra i prodotti di bellezza più amati dalle donne. Non solo riescono a rendere il proprio stile unico, ma attraverso una semplice fragranza permettono di esprimere un tratto della propria personalità o l’umore del momento. Non c'è nulla di meglio di spruzzarsi un po' del proprio profumo preferito per ammaliare un uomo o almeno per far notare la propria presenza.

Visto che solitamente i prodotti acquistati in profumeria sono firmati e decisamente poco economici, quello che più ci si chiede è se questi cosmetici abbiano una data di scadenza. Grazie alla presenza dell’alcol, che tiene alla larga germi e batteri, i profumi sono estremamente longevi ma non per questo la loro fragranza resta invariata. Dopo essere stati aperti, infatti, dovrebbero essere consumati in pochi mesi. Il motivo? Le note di testa tendono ad evaporare, trasformando completamente l’intensa fragranza. Ci sono però una serie di trucchi da mettere in pratica per far sì che tutto ciò accada il più tardi possibile.

Il segreto è conservare la boccetta di profumo sigillata, ad una temperatura fresca e soprattutto al buio, lontana dalla luce diretta del sole e dal troppo calore. La luce infatti altera la sua formulazione, modificandone l’aroma. La prossima volta che si acquisterà o si riceverà in regalo un profumo, sarebbe meglio non buttare via la scatola per conservarlo al meglio, magari in un mobiletto del bagno che non è soggetto a cambi di temperatura costanti. In vista del Natale, questi preziosi consigli torneranno sicuramente utili a tutte quelle che sotto l’albero troveranno la propria fragranza preferita.