Tra le tecniche di colorazione capelli più gettonate dell’ultimo periodo c’è senza ombra di dubbio il balayage, con i suoi riflessi naturali che illuminano le chiome bionde e anche castane, che negli ultimi mesi si sono vestite con il fallayage, la versione autunnale del balayage,  che utilizza colori caldi e avvolgenti. L’ultima novità nel campo della colorazione dei capelli però, stravolge questa tecnica e la ribalta letteralmente. Come? Con il reverse balayage, dove le sfumature sono sottosopra.

Cos’è il balayage

Il balayage  è la tecnica di colorazione capelli più apprezzata degli ultimi tempi perché permette di cambiare look senza stravolgerlo. L’effetto finale è naturale e luminoso, come se i capelli fossero baciati dal sole. Le schiariture sono graduali, e solitamente partono da metà chioma per arrivare, sfumate, sulle punte creando così un degradé di colore molto graduale: per questo motivo è fondamentale affidarsi alle mani di esperti parrucchieri per ottenere questo tipo di colorazione, per evitare stacchi di colore troppo netti e poco armonici.

Reverse balayage, la nuova tendenza per i capelli

Se nella tecnica classica le schiarite si concentrano sulle punte, nel reverse balayage la zona più chiara della chiome è proprio la radice. La tendenza spopola sul web, dove l’hashtag #reversebalayage conta più di 14.000 scatti che raffigurano le varie interpretazioni: il più apprezzato è quello che ha condiviso Deryn Daniels, hair stylist del Chrome Salon in Evergreen, Colorado. La parrucchiera americana ha infatti lanciato la tendenza del balayage al contrario, dove la radice è chiara e le punte dei capelli sono più scure. L’effetto finale può essere più o meno naturale a seconda del tipo di colore che si utilizza e del colore naturale del capello. Tra le foto che spopolano su Instagram infatti, si vedono effetti di chiome bionde che sfumano su punte castane, ma anche castani chiari che si scuriscono mano a mano verso le punte.

Come fare il reverse balayage

Il segreto per ottenere un riverse balayage perfetto è scegliere le due nuance che coloreranno rispettivamente la radice e le punte dei capelli, sfumando poi la decolorazione o il tonalizzante. Questo passaggio deve essere effettuato da un esperto colorist per ottenere un effetto sfumato e naturale, senza stacchi di colore.  Se non vuoi un effetto permanente, puoi ricorrere alle extension a clip, da applicare per cambiare look in modo repentino ma temporaneo. Sceglile del colore che preferisci ma cercando un’armonia con il tuo colore naturale: non dovrai poi fare altro che applicarle nella parte posteriore della tua chioma. Se il tuo taglio è scalato, riuscirai otterrai un effetto morbido che richiama il reverse balayage, mentre se il tuo taglio è geometrico con linee nette, il risultato sarà meno sfumato e lo stacco di colore sarà più deciso.