Soffrire di pressione bassa significa avere una pressione arteriosa diastolica minore di 60 mmHg. Spossatezza, giramenti di testa, vertigini, nausea, senso di svenimento, annebbiamento della vista, sudori freddi, sono solo alcuni dei sintomi legati a un disturbo simile. Chi soffre di ipotensione sa bene che i bruschi cali di pressione possono colpire all'improvviso, tanto da diventare incredibilmente invalidanti. Naturalmente, quando si presentano problemi simili, sarebbe meglio rivolgersi immediatamente a un medico, così da assicurarsi che non vi sia nessuna patologia, ma nella maggior parte dei casi si tratta di una condizione poco preoccupante. Ecco quali sono dunque le cause e i rimedi naturali per la pressione bassa.

Le cause e i rimedi per l'ipotensione

Disidratazione

La pressione bassa può essere causata da una eccessiva disidratazione. In casi come questi, i sintomi sono lieve stanchezza, mucose più secche del normale e irritabilità, che peggiorano con il passare del tempo, fino ad arrivare ad una ipotensione improvvisa. Per evitare di sentirsi male, è necessario ristabilire l'equilibrio del corpo, tenendosi sempre idratati e bevendo spesso e a piccoli sorsi. Meglio evitare di bere grandi quantità di acqua in poco tempo, cosa che sottopone l'organismo a uno stress eccessivo. Per alleviare la sensazione di spossatezza in modo immediato, è possibile anche bere una tazzina di caffè oppure un infuso di fiori di karkadè, una bevanda dalle proprietà idratanti e riminelazzanti, ricca di antiossidanti.

Stanchezza

La pressione si abbassa radicalmente quando c'è un calo ipoglicemico che può essere provocato anche dall'eccessiva stanchezza. L'ideale è non spingersi troppo oltre, riposandosi ogni volta che ci si sente privi di energia. Nel caso in cui l'abbassamento di pressione sia dovuto proprio a questo, è necessario assumere subito zuccheri semplici dall'assorbimento rapido come zucchero di canna, miele e datteri, così da evitare un possibile svenimento. E' inoltre consigliabile tenere sotto controllo la propria alimentazione, assumendo cibi ricchi di sali minerali, potassio e magnesio come le banane, i datteri, il melone, le pesche, l'uva, le zucchine, gli spinaci e le patate.

Caldo eccessivo

Quando le temperature sono bollenti, il corpo perde moltissime sostanze nutritive con il sudore e spesso si finisce per soffrire di pressione bassa. Non è un caso che disturbi simili si manifestino soprattutto in estate quando il caldo e l'afa arrivano ai massimi livelli. L'importante è non farsi prendere dal panico, assumere degli specifici integratori di sali minerali, precisamente quelli a base di potassio e magnesio. In caso di cali improvvisi di pressione, si può mangiare della liquirizia pura, che fa bene anche allo stomaco. E' sconsigliata però a chi soffre di ipertensione.

Fase premestruale

Prima dell'arrivo delle mestruazioni, si può soffrire di pressione bassa soprattutto al mattino. Il corpo è infatti sotto stress ed è per questo che ci si sente spossate e nauseate, tanto da non avere la forza di alzarsi. Per contrastare un problema simile, è necessario assumere una compressa di eleuterococco. Rinforza il sistema immunitario, migliora la memoria e combatte la spossatezza premestruale.

Cosa fare per evitare di svenire?

Nei casi più estremi, può capitare di svenire a causa di un brusco calo di pressione. Chi dà il primo soccorso deve alzare immediatamente le gambe della persona svenuta, ma è possibile prendere delle precauzioni per non arrivare al collasso. Ai primi segni di mancamento, è consigliabile coricarsi o, se si è fuori casa, semplicemente sedersi appoggiando la schiena. In questo modo, si ritroveranno le forze, evitando si svenire.