Spesso quando il seno fa male, le donne pensano subito al peggio e si rivolgono al medico o allo specialista per scoprire se hanno un tumore. In realtà le cause che scatenano il dolore sono tante e non sempre si tratta di fattori gravi o rischiosi per la salute. Prima di preoccuparsi quindi, è bene scoprire quali sono i motivi per cui il seno può fare male.

1.Problemi ormonali: durante la fase premestruale o anche durante il ciclo si può avvertire dolore al seno. In questo caso la causa scatenante è dovuta al cambiamento di livello degli ormoni femminili che provocano quindi la sensazione di dolore. E' possibile che anche durante l'ovulazione o con l‘assunzione della pillola anticoncezionale il seno possa far male.

2.Allattamento: dopo il parto e può succedere che la donna provi dolore anche se non allatta a causa della cosìdetta montata lattea. Ovviamente durante il periodo dell'allattamento, soprattutto all'inizio, può capitare di sentire una sensazione di dolore e indolenzimento.

3.Mastite: si tratta di un'infiammazione mammaria che può essere provocata dalle lesioni causate involontariamente dal neonato oppure dall'ostruzione di un dotto del latte. I sintomi che si scatenano, oltre al dolore crescente sono l'arrossamento della zona e l'eventuale comparsa della febbre: in questo caso è necessario rivolgersi al medico per curare la patologia.

4.Cisti: all'interno del seno possono formarsi delle piccole cisti, sacche ripiene di acqua causate da ghiandole igrossate che provocano dolore. Se sono piccole non provocano alcun fastidio si devono tenere sotto controllo medico,  mentre quando diventano grandi e si possono sentire al tatto è bene rivolgersi al medico per un'eventuale asportazione.

5.Reggiseno: al di là delle motivazioni mediche, ci possono anche essere altre cause che scatenano il dolore. In caso di reggiseni troppo stretti per esempio, possono causare dolore al seno ma anche alla schiena.