Per tutte le donne è importante avere la pelle liscia e senza peli, capita spesso però che ceretta e altri metodi di depilazione espongano la pelle a un problema fastidioso e antiestetico: i peli incarniti sottopelle. A pochi giorni dalla depilazione può infatti apparire una piccola e dolorosa infiammazione: si tratta dei peli che, non trovando vie di fuga verso l'esterno, rimangono sottopelle causando rossore e dolore. I peli incarniti  compaiono con maggiore frequenza sulle gambe, sull'inguine, sulla zona del pube e sotto le ascelle, ciò può portare alla formazione di brufoli che contengono accumuli di sebo, problema che può sfociare in un'infezione, la follicolite.

Si tratta di una problematica molto diffusa che può essere curata con degli efficaci rimedi naturali, o seguendo semplici consigli su come prevenire gli inconvenienti della depilazione. In alcuni casi però, i peli incarniti possono diventare cisti: sarà necessario quindi un piccolo intervento per eliminare l'infiammazione. Ma scopriamo come rimuovere i fastidiosi peli incarniti in modo veloce ed efficace e come prevenirli.

Peli incarniti sottopelle: le cause principali

I peli incarniti si formano principalmente a causa di metodi di depilazione come rasoio o ceretta. Si tratta di peli che crescono sottopelle in quanto trovano un'ostruzione, un poro occluso, che non permette loro di fuoriuscire, restando sotto l'epidermide. A volte poi capita che la pelle morta ostruisca il follicolo, ostacolando la corretta crescita del pelo. I peli incarniti sono più frequenti in chi ha i peli spessi e che tendono a piegarsi verso la pelle.

  • Rasoio: capita spesso che direzioni sbagliate del taglio rendano l'estremità del pelo molto appuntita. Il pelo aprirà poi un varco sotto lo strato superficiale della pelle senza poter più uscire. Ciò può avvenire sia durante la rasatura della barba che quella delle gambe o dell'inguine. Anche passare il rasoio contropelo può favorire la comparsa dei peli incarniti.
  • Ceretta: quando il pelo incarnito si presenta dopo la ceretta, significa che prima di eseguirla la pelle non è stata adeguatamente pulita: il pelo, trovando il poro occluso si arrotola su sé stesso restando all'interno della pelle.
  • Epilatore elettrico: se posizionato in modo improprio e con una pressione pressione eccessiva, anche l'epilatore elettrico può causare la comparsa dei peli incarniti sottopelle, spesso accompagnati da un’infiammazione che provoca bruciore e prurito.
  • Pinzetta: anche le pinzetta può favorire la formazione di peli incarniti: spesso infatti non si riesce ad eliminare completamente il pelo ma ne viene via solo una parte. Succede così che la parte rimasta cresca di lato sottopelle, favorendo la formazione dei peli incarniti.
  • Crema depilatoria: anche se la crema depilatoria indebolisce la struttura del pelo, non permettendone la crescita sotto pelle, potrebbe però in alcuni casi favorire la comparsa di peli incarniti: le sostanze chimiche di cui è composta potrebbero infatti creare irritazioni alle pelli più sensibili. Per questo, prima di utilizzarle, è importante fare una prova per verificare se il prodotto è ben tollerato dalla pelle.

Perché i peli incarniti si formano spesso su inguine e pube?

I peli incarniti si formano spesso nella zona dell'inguine e del pube a causa di depilazione e indumenti stretti o aderenti che formano una barrire fisica alla fuoriuscita del pelo. In alcuni casi può accadere che si formino delle cisti o che il pelo incarnito sfoci in un'infezione: la follicolite. Se ciò dovesse verificarsi meglio rivolgersi al medico per una cura specifica.

Come eliminare i peli incarniti con i rimedi più efficaci

Di solito il trattamento dei peli incarniti sottopelle è facile e veloce e può essere eseguito a casa con rimedi naturali e del tutto indolore. Solo nel caso di pelo incarnito infiammato o di cisti, bisognerà consultare il medico o il dermatologo che consiglierà una terapia con farmaci o antibiotici, o in casi particolari, con un piccolo intervento ambulatoriale. Ma vediamo quali sono i rimedi casalinghi per sbarazzarci dei peli incarniti in poco tempo.

Rimozione fisica con ago e pinzetta per tirare fuori i peli sottopelle

Uno dei metodi più semplici per liberarci dei peli incarniti, soprattutto quando sono arricciati, è la rimozione fisica con l'ausilio di un ago sterile e di una pinzetta, preferendo quelle appuntite al posto di quelle a punta piatta: disinfettatele con l'alcool prima dell'utilizzo così da evitare la diffusione dei batteri. Prima di procedere è consigliabile preparare la pelle facendo una doccia calda per rilassare l'epidermide e renderla più pronta al trattamento. Per prima cosa utilizzate l'ago per rompere il primo strato di pelle, permettendo così la fuoriuscita dell'estremità del pelo. Dopo afferratelo con la pinzetta per tirarlo fuori del tutto. Al termine pulite e disinfettate bene la zona trattata utilizzando acqua ossigenata. Se non ci sentiamo preparate per questo metodo scegliamo qualcosa di meno invasivo oppure affidiamoci a mani esperte se vogliamo evitare piccole cicatrici o macchie.

Acqua e sale per prevenire infezioni e infiammazioni

Tra i rimedi della nonna contro i peli incarniti troviamo il sale che, oltre ad esfoliare la pelle, tende a disidratarla un po' semplificando l'operazione di rimozione. Applicate sulla zona interessata un impacco di acqua calda e sale che aiuterà ad ammorbidire la pelle, oltre a prevenire infiammazioni e infezioni dovute all'eccesso di sebo, grazie alla sua azione antibatterica.

Olio e cipolla per disinfettare e idratare la pelle

Olio e cipolla è un rimedio particolare, ma molto efficace per rimuovere i peli incarniti sottopelle: fate soffriggere un po' di cipolla con un cucchiaino di olio. Fate intiepidire leggermente e applicate sulla zona: la cipolla aiuterà a disinfettare la pelle e il calore farà emergere il pelo, l'olio invece idraterà a fondo la pelle. La cipolla può essere applicata anche cruda, aggiungendo in seguito l'olio, ma la prima versione è sicuramente più efficace.

Scrub e guanto di crine per esfoliare o agire in profondità

Un altro metodo, da utilizzare sempre dopo una doccia calda, è l'esfoliazione delle zone interessate per eliminare anche la pelle morta senza utilizzare metodi aggressivi ma semplicemente lo scrub o il guanto di crine.

Scrub: di solito per eliminare i peli incarniti di piccola entità può bastare uno scrub o una maschera esfoliante che hanno una leggera azione abrasiva: eliminando la pelle morta permettono all'estremità del pelo di fuoriuscire. Applicate lo scrub sulla pelle umida con una spugna e strofinate con delicatezza. Potete anche realizzarlo a casa utilizzando zucchero o fondi di caffè, due elementi che hanno la giusta durezza per eliminare i peli incarniti e si rivelano ottimi metodi di emergenza. Create una pasta con acqua e zucchero e strofinate delicatamente sulla parte interessata in modo da rimuovere la pelle morta e facilitare l'estrazione del pelo. Riguardo ai fondi di caffè basta applicarli sulla pelle con l'aiuto di un guanto da doccia massaggiando con delicatezza. Ripetete l'operazione anche prima e dopo la ceretta o l'epilazione successiva.

Potete utilizzare anche il guanto di crine che ha la stessa funzione dello scrub ma agisce più in profondità: non è indicato per chi ha la pelle molto sensibile.

Prodotti contro i brufoli in caso di pus e foruncoli

In caso di peli incarniti sottopelle che presentano pus o che provocano la fuoriuscita di foruncoli e papule, potete utilizzare prodotti per il trattamento di acne e brufoli: aiutano a ridurre il gonfiore, in questo modo i peli hanno più spazio per crescere all'esterno. In questo caso bisognerà agire, quindi, prima sull'infiammazione.

Come prevenire i peli incarniti: consigli utili

Per prevenire i peli incarniti basta seguire dei semplici consigli, per evitarne la formazione e ridurre il rischio di ricomparsa. Ecco quali.

  • Preparate la pelle alla depilazione: è importante prima della depilazione procedere con una leggera esfoliazione, utilizzando sotto doccia scrub naturali  e fai da te. Ricordate di utilizzare sempre acqua tiepida o calda per aprire i pori. La pelle secca o asciutta, infatti, aumenta il rischio di peli incarniti. Ciò vale sia per la depilazione che per la rasatura.
  • Evitate di passare il rasoio in contropelo per evitare che i peli ricrescano in una posizione diversa da quella originaria, e non esercitate con la lametta una eccessiva pressione. Anche quando utilizzate l'epilatore elettrico utilizzatelo nel verso giusto senza fare movimenti bruschi.
  • Tenete la pelle ben idratata utilizzando creme leggere e non grasse.
  • Alternate i metodi di depilazione: può essere una soluzione efficace per prevenire la comparsa dei peli incarniti.
  • Evitate di depilarvi troppo spesso: i peli non crescono tutti alla stessa velocità e, quelli con una ricrescita più lenta, sono più predisposti a crescere sottopelle rischiando di incarnirsi.