Il 2020 è stato un anno molto particolare e, anche se volge al termine, l'emergenza Covid-19 continua a preoccupare, tanto da costringere quasi tutti i paesi del mondo a imporre delle restrizioni durissime per il periodo di Natale. Le feste dovranno essere vissute in maniera molto più sobria rispetto al passato, dunque senza aperitivi con gli amici, cene con decine di parenti e assembramenti vari. La Royal Family non fa eccezione e, vista l'età avanzata della regina Elisabetta II, ha intenzione di stravolgere le sue tradizioni. Chi è che ne soffrirà di più? Proprio la sovrana, che in questa parte finale del 2020 probabilmente non potrà rivedere i suoi nipotini.

Royal Family: come festeggerà il Natale in pandemia

Secondo le tradizioni di casa Windsor, il Natale deve essere celebrato in famiglia a Sandringham House tra regali originali, cene di gruppo e apparizioni pubbliche. Quest'anno però a causa della pandemia i programmi sono stati stravolti. La regina Elisabetta, che già durante il primo lockdown era stata messa in totale isolamento per mesi, è tornata nella sua "royal bubble" e durante le feste non potrà godere della compagnia dei principini George, Charlotte e Louis. Questi ultimi, infatti, essendo in età scolare, potrebbero mettere a rischio la salute della sovrana e del principe Filippo, entrambi ultra-novantenni e dunque potenzialmente più fragili. L'unico che probabilmente avrà un posto alla sua tavola sarà il principe Carlo e sua moglie Camilla. I Cambridge, invece, dovrebbero passare le feste a casa Middleton, anche se per il momento la mamma di Kate, Carole, ha evitato ogni tipo di contatto fisico con il resto della famiglia, organizzando una videocall per addobbare l'albero di Natale in compagnia dei nipoti.