16 Settembre 2019
17:33

Mullet: il taglio iconico degli anni ’80 sta per tornare

Tra le tendenze capelli della stagione Autunno/Inverno 2019-2020, torna un taglio iconico degli anni Ottanta: il mullet. A riportarlo in auge è Ursula Corbero, l’attrice de “La casa di carta”, che ha reso questo taglio trendy e apprezzato dai Millennials. Ma scopriamo a chi sta bene e come portarlo.
A cura di Redazione Donna
Ursula Corbero
Ursula Corbero

Tra le tendenze capelli della stagione Autunno/Inverno 2019-2020, torna un taglio iconico degli anni Ottanta: il mullet. Un haircut considerato da sempre un membro della categoria dei brutti: la cosiddetta "pettinatura del pollo", un taglio medio, corto avanti e lungo dietro, che ricorda la capigliatura dei paninari rock. A riportarlo in auge è Ursula Corbero, l'attrice de "La casa di carta", che ha reso questo taglio trendy e apprezzato dai Millennials. Ma scopriamo di più sul mullet, e come portare questo hairstyle che dagli anni Ottanta-Novanta ritornato per la prossima stagione.

Quando è comparso per la prima volta il mullet

Il mullet style compare per la prima volta negli anni '70, grazie soprattutto ad artisti maschili, come David Bowie e Paul McCartney. Esplose però definitivamente negli anni '80, restando ai vertici fino a metà degli anni '90: a sfoggiarlo in questo periodo anche il tennista Andre Agassi e l'attore Kevin Costner. Anche se furono molte le teste maschili a rendere famoso questo taglio, il mullet è sempre stato unisex: tra le rock star femminili dell'epoca, anche Patti Smith e Cindy Lauper, non disdegnarono questo "stile da triglia", così come viene tradotto letteralmente il mullet style.

Il taglio dell'autunno che piace ai Millennials

Oggi il mullet è ritornato alla ribalta grazie a celebrities come Ursula Corbero, la Tokio della serie Tv "La casa di carta", Rita Ora, nella campagna di Escada, e Kristen Stewart, alcuni esempi di star che hanno sfoggiato il loro personale mullet sui red carpet e che hanno fatto breccia soprattutto tra i Millennials. Quello che negli anni scorsi era considerato un taglio brutto, o comunque di cattivo gusto, è stato quindi rivalutato, diventando un taglio retrò, ribelle e glamour, che vedremo questo autunno-inverno anche tra i più giovani.

Kristen Steward
Kristen Steward

A chi sta bene il mullet e come portarlo

Il mullet sta bene a donne e uomini indistintamente: è l'ideale soprattutto con i capelli lisci, ma si può adattare anche su una chioma mossa o riccia. Fondamentale, però, affidarsi a un professionista, che sappia realizzare un mullet perfetto per il proprio stile e la propria personalità. Si tratta poi di un hairstyle ideale per chi non ama prendersi troppo sul serio: un taglio divertente, che potrebbe scatenare anche l'ilarità di amici e parenti, da sfoggiare con ironia e sicurezza.

Ursula Corbero, ad esempio, porta il mullet con una frangia sfilata e piena con punte all'insù e con le lunghezze che si appoggiano sulla nuca. Tra le versioni del 2019 c'è anche quella con frangetta cortissima o a elmetto: il mullet bang, che ha spopolato sui social questa estate, ma anche una versione più punk con nuca rasata a zero e parte centrale e laterale più lunga, quasi un mullet inverso, con la parte corta dietro e lunga davanti. Il mullet si può poi ricreare anche solo tirando i capelli indietro, con effetto wet e voluminoso: una sorta di falso mullet, da realizzare senza tagliare i capelli.

Foto Instagram @ritaora
Foto Instagram @ritaora
Mullet Bang, il taglio con la frangia "a elmetto" è il più brutto del 2019
Mullet Bang, il taglio con la frangia "a elmetto" è il più brutto del 2019
Mullet Bang, il taglio più brutto dell'estate 2019
Mullet Bang, il taglio più brutto dell'estate 2019
34.192 di Donna Fanpage
Miley Cyrus, il significato nascosto dietro il taglio mullet: è il simbolo della svolta musicale
Miley Cyrus, il significato nascosto dietro il taglio mullet: è il simbolo della svolta musicale
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni