Le modelle curvy, che vanno fiere di mostrare le loro forme, hanno sempre più successo e dimostrano che ogni donna dovrebbe sentirsi bella e a proprio agio a prescindere dalla taglia e dalle dimensioni. E’ proprio per celebrare le donne plus-size che è nata la “Pulp Fashion Week” di Parigi, giunta ormai alla sua terza edizione. Si terrà nella capitale francese il prossimo sabato e domenica e la madrina d'eccezione sarà la modella Clementine Desseaux.

Le donne che calcheranno le passerelle dell’evento vanno dalla taglia 40 alla 56 ed hanno seni, fianchi e glutei abbondanti, a differenza degli standard di bellezza che siamo abituati a vedere nel mondo della moda. Blanche Kazi, fondatrice della “Pulp Fashion Week”, ha dichiarato: “Sono qui per dire che la moda può essere diversificata ed estesa a tutti i tipi di corpo, che possono diventare sexy e dinamici semplicemente con un abito”. L’idea è nata quando, dopo la gravidanza, Blanche Kazi non riusciva a trovare nei negozi dei vestiti glamour e alla moda che si adattassero al suo corpo plus-size. Ha così pensato: per quale motivo avere qualche chilo in più deve essere un motivo di discriminazione?

All’evento parteciperanno una ventina di marche e designer europei che presenteranno le loro collezioni, come Alisha, Oliver jung 46etPlus, Pauline & Julie, Olivier Wartowski. Dall’haute couture allo stile casual, l’obiettivo della “Pulp Fashion Week” è quello di presentare abiti per “donne vere” e far capire al pubblico che una taglia 48 può essere bella è in buona salute. L’evento arriva dopo pochi giorni dall’approvazione della legge che vieta alle modelle troppo magre di sfilare in passerella, la quale dimostra che anche il mondo della moda sta prendendo dei provvedimenti importanti per combattere una malattia grave come l’anoressia.