L’illuminante viso è un cosmetico che illumina il volto, donando un aspetto fresco e riposato all'incarnato. Questo prodotto di make up ha una formulazione realizzata con piccolissime particelle che riflettono la lue. Propio queste particelle, una volta applicato il prodotto su zone specifiche del viso come occhi, zigomi, naso e mento, riescono ad esaltare alcuni tratti del volto e delinearne i lineamenti.
Realizzato in diverse texture, in crema, in polvere o liquida, quasi tutti i brand di cosmetici hanno realizzato una linea di highlighter: dai più blasonati Chanel e Dior, ai più commerciali Maybelline, L'Oréal Paris, e Pupa.

Per scegliere il più adatto al proprio viso senza perdersi tra i tantissimi illuminanti viso in commercio è importante valutare una serie di fattori – colore, formulazione e tipologia di pelle – per capire quale prodotto sia il più adatto alle proprie esigenze. In questa guida troverai tutte le informazioni necessarie per fare la scelta consapevole ed una classifica dei migliori correttori del 2020.

Illuminante viso: a cosa serve e come si usa

Capita molto spesso di svegliarsi la mattina e ritrovarsi con un viso opaco, con occhiaie scure o con un incarnato grigio e spento. Un periodo di stress, una routine frenetica e fattori atmosferici appesantiscono la pelle del viso, incupendola. In questi casi, l'illuminante viso può ridare al nostro incarnato la giusta luminosità e far sembrare la nostra pelle più radiosa e sana.

Per usare l'illuminante per ottenere un viso radioso basterà applicare il prodotto su quei punti del volto sui quali si posa naturalmente la luce del sole. L'illuminante va applicato sugli zigomi, sotto le sopracciglia e nell'angolo interno dell'occhio, sulla parte centrale della fronte, sulla linea centrale del naso, mento e sull'arco di cupido. Possiamo usarlo anche mescolandolo alla crema idratante per dare un po' di luminosità all'intero volto, possiamo mixarlo con il fondotinta per creare una base dalle sfaccettature radiose oppure applicarlo dopo il fondotinta per dare definizione o creare punti luce.

Migliori illuminanti viso: classifica

Dopo aver visto cosa sono e come si usano gli illuminanti viso, passiamo alla classifica dei migliori del 2020, scelti in base al prezzo, alla texture e all'effetto finale.

1. Born To Glow di Nyx Professional Make Up

Il primo prodotto della nostra classifica è questo primer illuminante di NYX. Si tratta di una base illuminante in crema da applicare prima del fondotinta e che garantisce una buona resa del make up ed un viso radiante e luminoso. Il finish risulta assolutamente naturale e l'effetto glow riesce a durare tutto il giorno. La sua colorazione neutra lo rende adatto alle diverse carnagioni.

Pro: possiamo considerarlo un illuminante universale che, vista la sua colorazione neutra, si adatta benissimo a qualsiasi incarnato.

Contro: è un primer viso con effetto illuminante che serve principalmente a dare luce a tutto il viso e non a specifiche zone come zigomi, fronte o mento.

2. Heart Highlighter di Makeup Revolution

La linea di illuminanti di Makeup Revolution ha conquistato tantissime donne per la particolarità del packaging. L'Heart Highlighter è una polvere compatta altamente pigmentata e molto luminosa. Nella tonalità di un rosato tendente all'oro, la consistenza è molto morbida ed è facilmente sfumabile, sia con il pennello che usando i polpastrelli.

Pro: anche se molto pigmentato, l'effetto finale risulta molto naturale. Può essere utilizzato anche come ombretto o per creare punti luci nel make up degli occhi.

Contro: non tutte le utenti hanno apprezzato il materiale del packaging che è di carta.

3. Glow Mon Amour di L'Oréal Paris

L'illuminante Glow Mon Amour di L'Oréal Paris è un illuminante liquido in goccia che dona luminosità all'incarnato restando molto naturale. Il punto di forza di questo prodotto è la versatilità: può essere utilizzato per esaltare gli zigomi, possiamo mescolarne qualche goccia al fondotinta per donare riflessi luminosi al trucco oppure possiamo aggiungerne un po' alla crema viso per un colorito naturale e radioso.
L'effetto glowy della texture è molto raffinato e la formula è arricchita con olio di cocco per renderlo ancora più setoso e facile da applicare. È disponibile in tre colorazioni: Ivory Glow, Coral Glow e Mellon Dollar Baby.

Pro: è l'illuminante ideale per chi cerca un effetto glow molto intenso.

Contro: per riuscirlo ad applicare alla perfezione bisogna avere un po' di esperienza con i prodotti liquidi o fare un po' di pratica.

4. Defence Color Lumieresse di Bionike

Un packaging molto pratico e la consistenza morbida rendono questo illuminante di Bionike un prodotto molto semplice da utilizzare. Si tratta di un matitone illuminante con una texture arricchita da perle multiriflettenti che donano un particolare effetto luminoso alle zone d'ombra. La formulazione contiene cera d'api, utile per dare compattezza alla texture ma anche un'estrema morbidezza e una facilità di stesura. Può essere utilizzato su occhi, viso e décolleté.

Pro: la consistenza cremosa e la facilità di applicazione rendono il prodotto utilizzabile anche dalle meno esperte.

Contro: la colorazione lo rende adatto soprattutto a carnagioni chiare.

5. Master Strobing Stick di Maybelline

L'illuminante in stick Master Strobing Stick di Maybelline è pensato per creare in modo facile e veloce l'effetto strobing, una nuova tendenza di make up alternativa al contouring e che sfrutta dei "flash" di luce per illuminare il viso. Le micro-perle riflettenti, infatti, riescono a creare dei radiosi punti luce sul viso donando tridimensionalità al lineamenti.
Il formato stick e la texture facilmente sfumabile rendono l'applicazione dell'illuminante molto semplice. L'effetto finale ha un finish quasi bagnato ma molto naturale.

Pro: le utenti hanno apprezzato soprattutto la praticità d'uso ed il packaging compatto che permette di portarlo in borsa e di utilizzarlo all'occorrenza.

Contro: chi cerca un effetto molto marcato dovrà stratificare il prodotto facendo più passate. La texture cremosa, però, renderà facile stendere e compattare l'illuminante.

6. Glow Chérie di L'Oréal Paris

L'illuminante Glow Chérie di L'Oréal Paris, a differenza del Glow Mon Amour dello stesso brand visto prima, ha una texture in crema capace allo stesso tempo di illuminare ed idratare la pelle.
La sua formulazione è, infatti, arricchita con estratti di melone e di anguria che contribuiscono a migliorare l'idratazione della pelle. Il prodotto può essere applicato su tutto il viso per uniformare l'incarnato e donargli luminosità oppure solo in alcuni punti del viso. L'effetto finale è molto sobrio e naturale. Disponibile in 3 nuances: Porcelain, Light e Medium.

Pro: la consistenza cremosa lo rende perfetto da utilizzare come base trucco illuminante.

Contro: l'illuminante ha una profumazione al melone che potrebbe non essere gradita da tutte.

7. Active Light di Pupa

Più che un illuminante, l'Active Light di Pupa è un correttore illuminante, un prodotto ideale per chi ha una pelle opaca o zone del viso leggermente scavate.
Il correttore illuminante, infatti, aiuta a dare volume a zone del viso segnate o nascoste (occhi infossati o nascosti dagli occhiali), coprendo piccole imperfezione e allo stesso tempo mettendo in risalto la zona con un pizzico di luce. Il correttore illuminante di Pupa ha un applicatore a penna che aiuta a sfumare bene il prodotto dalla texture molto morbida.
La sua formulazione è arricchita dall'attivo Phyto Complex che aiuta a schiarire le occhiaie e a dare all'incarnato un aspetto più sano e radioso. Disponibile in 4 nuances.

Pro: il correttore illuminante di Pupa è perfetto per chi ha bisogno di correggere piccole imperfezioni del viso con un tocco di luce.

Contro: per un effetto illuminante più marcato è consigliabile fissare il prodotto con un illuminante in polvere.

8. Match Perfection di Rimmel

Come il precedente, anche il Match Perfection di Rimmel è un correttore illuminante che può essere utilizzato per correggere le occhiaie e per illuminare il viso. Facile da applicare grazie al dosatore a penna, questo correttore illuminante ha un finish più opaco, hanno una texture molto leggera ma dalla buona coprenza, capace di mimetizzare piuttosto bene le imperfezioni.
La sua formulazione è molto idratante anche grazie alla presenza di Vitamina C ed E. Le 3 nuances disponibili riescono ad adattarsi ai diversi incarnati.

Pro: la buona coprenza riesce a mimetizzare le imperfezioni e ad evidenziare molto bene i punti strategici del viso.

Contro: il finish è più opaco rispetto agli altri illuminanti, molto più adatto ad un look quotidiano dall'effetto naturale.

9. Quick Palette All Over di Wycon

Pratica e versatile, la palette di illuminanti di Wycon riesce ad adattarsi ai diversi incarnati e ai diversi utilizzi. Le diverse colorazioni coprono una vasta gamma di sfumature: dai colori con sfumature champagne, ai bronzi e agli oro, oltre ai rosati utili per creare makeup naturali e radiosi. La palette ha un finish super luminoso e le polveri micronizzati donano un effetto setoso e levigato. Realizzato con la tecnologia injection, il prodotto nasce liquido per poi compattarsi una volta immesso nella cialda.

Pro: facile da applicare, con un pennello a setole piatte si crea un effetto più strong mentre, utilizzando un pennello a setola conica, il risultato sarà più sfumato e naturale.

Contro: non tutti i colori saranno adatti al proprio incarnato ma, in alternativa, possono essere utilizzati anche come ombretti così da sfruttare a pieno la palette.

10. Manizer di TheBalm

Un illuminate senza brillantini ma dall'effetto più opaco, Manizer di The Balm è un illuminante in polvere compatta dalle sfumature luminose. Facile da usare, basta pochissimo prodotto per avere un risultato ben definito ed illuminato. La consistenza in polvere rende l'illuminante Manizer adatto anche a chi ha la pelle grassa o che tende a lucidarsi anche grazie alla sua formulazione senza olio. Highlighter multifunzionale, può essere utilizzato anche come ombretto.

Pro: è il prodotto ideale per chi vuole illuminare occhi e zigomi ma non ama tonalità troppo glow o shimmer

Contro: il prezzo è leggermente più alto rispetto agli altri illuminanti in classifica ma, essendo in polvere e considerando che basta una sola spolverata per illuminare il viso, il prodotto durerà un bel po'.

Come scegliere l'illuminante viso

L'illuminante è un prodotto non semplice da utilizzare: basta esagerare con le quantità, scegliere un colore poco adatto all'incarnato o una texture troppo leggera o troppo pesante per fare dei veri pasticci. Per fare la scelta più adatta è importante valutare colore, texture e finish del prodotto.

Colore

Quando acquistiamo un illuminante è importante scegliere il colore più adatto alla propria tonalità di pelle. La colorazione dell'illuminante deve armonizzarsi il più possibile con il nostro viso così da creare un makeup naturale ed evitare l'effetto "mascherone". In più, oltre al tono della pelle, chiara, olivastra o scura, dobbiamo tenere in considerazione anche il sottotono, ossia la tonalità di base della pelle che può essere calda, fredda o neutra:

  • chi ha una pelle chiara con sottotono caldo, quindi tendente al giallo, dovrà scegliere colorazioni chiare dalle sfumature calde come il color champagne, un bianco con pigmenti dorati, avorio o un beige. Da evitare l'oro o le colorazioni eccessivamente calde che daranno al viso un effetto finto.
  • per chi ha la pelle chiara ma con un sottotono freddo, la colorazione ideale sarebbe bianca con sfumature perlate o il rosa. Anche i colori con pigmentazioni argentee possono illuminare bene il viso a patto che non si esageri con le quantità e si sfumi bene il prodotto.
  • una pelle media o olivastra si sposa alla perfezione con gli illuminanti dalle sfumature pesca e dorate evitando colorazioni dai toni argento che daranno al viso un colorito grigio e spento.
  • chi ha la pelle scura troverà l'illuminante perfetto tra quelli con colorazioni calde, dorate o tendenti al bronzo, che doneranno al viso luminosità, delineando i tratti in modo molto naturale.

Texture e tipo di pelle

Anche la texture, ossia la consistenza dell'illuminante, è un importante fattore da considerare. Al di là della praticità, una formulazione liquida necessita di un pizzico di esperienza in più nell'applicazione a differenza della texture in polvere, la scelta di una tipologia piuttosto che di un'altra dipenderà molto dalla nostra pelle. Per una pelle grassa sarà più indicato un illuminante a polvere mentre per una pelle secca la texture migliore sarà in crema o liquida. Ora vediamo quali sono le formulazione più diffuse per l'illuminante, i vantaggi e gli svantaggi, e come scegliere la texture più adatta.

  • Gli illuminanti liquidi riescono a fondersi con grande facilità con la pelle. Utilizzando una spugnetta o anche i polpastrelli, la texture liquida riesce a penetrare a fondo dando l'effetto di una pelle naturalmente baciata dal sole. In genere sono molto pigmentati e il loro effetto glow è particolarmente marcato. Sono più difficili da utilizzare ma con un pò di pratica si riuscirà ad applicarlo alla perfezione. La consistenza liquida è indicata per chi ha la pelle secca a patto che non si abbiamo imperfezioni come brufoli o acne che l'illuminante andrebbe ad esaltare.
  • L'illuminante in polvere ha una texture più compatta, molto simile a quella della cipria o del fard, e sono sicuramente più facili da applicare. Basterà un pennello a ventaglio o quelli angolati per il blush per un effetto molto naturale. A differenza degli illuminanti liquidi, quelli in polvere sono meno densi e sulla pelle risultano più sfumati e naturali. Ovviamente è importante applicarli in piccole dose e sfumarli bene per evitare di trovarsi sul viso delle antiestetiche strisce di prodotto. Sono il prodotto ideale per chi ha la pelle mista o grassa perché la polvere riesce a contrastare l'effetto lucido.
  • L'illuminante in crema o gel ha una texture più corposa e compatta degli illuminanti liquidi, risultando così anche più semplici da applicare. Hanno spesso formulazioni arricchite da estratti nutrienti ed idratanti che li rendono adatti a chi ha la pelle secca. Possono essere usati anche da chi ha la pelle mista o grassa a patto che si scelgano prodotti con formulazioni capaci di regolare il sebo. L'effetto finale è meno marcato degli illuminanti liquidi ma più deciso di quelli in polvere.
  • Gli illuminanti in stick sono decisamente i più semplici da utilizzare, basta passare direttamente lo stick sulle zone del viso da illuminare e sfumarlo con le dita, hanno una texture molto cremosa che si amalgama bene con la pelle e molto semplice da sfumare. Possono essere utilizzati sia da chi ha la pelle secca che da chi ha la pelle grassa.
  • Primer o sieri illuminanti: queste sono particolari tipologie di illuminanti utilizzati non per dare risalto a punti specifici del viso ma per dare luminosità all'intero volto. Abbiamo già parlato dei migliori sieri per il viso ma ne esistono alcune tipologie pensate per ridare tono ad un viso stanco e opaco. Si applicano prima della crema idratante o mescolandone qualche goccia al fondotinta. Anche i primer illuminanti hanno la stessa funzionalità: aiutano a migliorare il tono della pelle per dare al viso una luminosità di base per un makeup molto più radioso.

Finish

Con il termine finish indichiamo l'effetto finale creato dal prodotto e possono essere principalmente due: opaco o brillante. Se vogliamo creare una luminosità naturale possiamo scegliere un illuminante opaco che darà una finitura leggera e, allo stesso tempo, una buona definizione dei tratti. Gli illuminanti con finitura opaca sono l'ideale per un trucco da giorno.
Gli illuminanti brillanti, invece, soprattutto se la loro texture è arricchita da glitter o brillantini, danno un effetto molto più marcato ed evidente. Sono perfetti per un trucco da sera quando, in assenza anche della luce del sole, abbiamo bisogno di dare al viso una luminosità maggiore.